20 Maggio 2019 Segnala una notizia
Lissone, Angelo d’oro 2019: ecco tutte le benemerenze civiche

Lissone, Angelo d’oro 2019: ecco tutte le benemerenze civiche

8 Marzo 2019

Mario Biscaldi per aver impreziosito da oltre quarant’anni la vita culturale lissonese, Graziano Viganò quale figura simbolo del mondo sportivo lissonese e promotore a Lissone dello sviluppo del Judo, Arcangela Mariani per l’impegno trentennale in Brasile fra i poveri.

Sono questi gli “Angelo d’oro” che domenica 17 marzo verranno consegnati dal sindaco Concettina Monguzzi a nome dell’Amministrazione Comunale ai cittadini benemeriti, in occasione della Giornata dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera.

La cerimonia pubblica si terrà a Palazzo Terragni alle ore 16.30 durante il concerto per la giornata dell’Inno Nazionale e del Tricolore a cura del Corpo Bandistico S. Cecilia di Lissone.

La benemerenza dell’Angelo d’oro giunge nel 2019 alla sua sesta edizione: compito di un’apposita Commissione, composta dal sindaco Concettina Monguzzi, dal presidente del Consiglio comunale e da 5 consiglieri (3 di maggioranza e 2 di minoranza), è quello di individuare benemeriti (persone o associazioni) che abbiano in qualsiasi modo dato lustro alla Città, accrescendone il prestigio e operando con disinteressata dedizione.

Per la “Classe I – Benemeriti in ambito scientifico, letterario, artistico, del mondo dello spettacolo e dello sport” il premio è stato attribuito a Mario Biscaldi, protagonista entusiasta della vita culturale lissonese, che impreziosisce da quarant’anni con la sua verve e la sua vitalità.

Biscaldi ha saputo costituire un elemento di raccordo fondamentale nel mondo associativo lissonese con la sua figura discreta, sorridente, contraddistinta da grande disponibilità e generosità. Veramente impressionante l’eclettismo che contraddistingue la sua attività artistica, in cui ha saputo svariare dal disegno alla poesia, dalla scultura alla letteratura, con una grande attenzione ed un affetto particolare per la città, testimoniato anche dai numerosi scritti in dialetto. Innumerevoli le mostre, gli scritti, i concorsi, le collaborazioni con gruppi e associazioni locali: una presenza, per usare le sue parole, “…in punta da pèe” che ha saputo rappresentare una Lissone “magica e segreta”.

Sempre per  la “Classe I – Benemeriti in ambito scientifico, letterario, artistico, del mondo dello spettacolo e dello sport” il premio è stato attribuito alla memoria a Graziano Viganò, figura simbolo del mondo sportivo lissonese che ha incarnato la passione per lo sport puro, vissuto in prima persona come atleta, istruttore, dirigente, maestro di sport ed educatore per le giovani generazioni.

L’importanza della sua figura per lo sviluppo in Lissone del Judo – come specificato nella motivazione del premio – è documentata dai risultati raggiunti e dallo sviluppo impressionante dell’associazione da lui creata, nel 2016 prima in Lombardia e sesta in Italia tra le società affiliate alla Federazione Lotta, Judo e Arti Marziali per numero di tesserati, dopo essere partita negli anni ’70 da una materassina e un deposito degli attrezzi riadattato alla bell’e meglio. La società da lui creata, Judo Club Lissone, ha ricevuto nel 2012 la Stella di bronzo dal CONI. Vero insegnante di vita, Graziano Viganò ha saputo instillare in generazioni di bambini, ragazzi e giovani i valori primari dello sport, rappresentando un modello di riferimento importante per tutto il mondo sportivo lissonese. Muore l’1 luglio 2015 a Lissone.

Per la “Classe IV – Benemeriti nell’ambito sociale, umanitario, assistenziale e di volontariato nonché per atti di coraggio o per particolari manifestazioni di amore verso la comunità locale” è stato attribuito il premio alla memoria ad Arcangela Mariani. Missionaria laica in Brasile fra i poveri per quasi trent’anni, rappresenta un esempio luminoso di coloro che hanno deciso di dedicare la propria vita per gli altri, vivendo la propria vocazione a servizio degli indios, nella foresta amazzonica e nelle favelas.

Dopo gli anni dedicati all’insegnamento a Lissone, ha maturato la decisione di impegnare tutta sé stessa a favore dell’educazione e della difesa dei diritti delle donne, lavorando a favore di progetti di sviluppo sociale e svolgendo un ruolo di guida di numerose comunità cristiane sparse in territori vastissimi. Segno di amore concreto “per coloro che non hanno niente se non la polvere della strada”, ha saputo incarnare con profonda fede uno spirito di sacrificio genuino e spontaneo, divenendo portavoce nel mondo dell’umanità profonda della sua comunità d’appartenenza. Muore il 20 ottobre 2016 a Lissone.

“I tre «Angelo d’oro» del 2019 rappresentano esempi positivi, capaci di indirizzarci in questi periodi bui, in cui si fatica a trovare guide nel cammino di crescita della comunità – commenta il Sindaco, Concettina Monguzzi – a Mario Biscaldi, Arcangela Mariani e Graziano Viganò va il mio ringraziamento per aver dedicato tempo ed energie al loro lavoro e alle loro passioni, divenendo modelli in grado di ispirare le generazioni più giovani. Grazie a loro, Lissone e i lissonesi si sono arricchiti di valori autentici quali quello dell’impegno disinteressato, dell’aiuto al prossimo e della continua ricerca verso il bello”.

Nella foto d’apertura l’edizione 2018 dell’Angelo d’oro

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Monza, 22enne morto sulla SS36: investitore positivo all’alcool test

Si tratta di un seregnese di 35 anni, accusato di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza

Monza, trans sfonda il cranio di un “collega” con il tacco della sua scarpa

In manette un transessuale brasiliano di 42 anni, che dopo il tentato omicidio si è tradito inviando un messaggio vocale a un amico

Segue l’ex con l’acido in macchina: stalker arrestato

La donna ha poi raccontato ai Carabinieri di minacce, violenze e vessazioni subite nei 10 anni trascorsi con l’uomo

Incidente nella notte sulla SS36: muore un giovane

Un tamponamento fra due auto ha provocato diversi rallentamenti in direzione Milano.

Tra Bovisio e Varedo alle ore 7,20 uomo travolto da un treno

Uomo di 55 anni si lancia sotto un treno. Disagi e rallentamenti sulla linea ferroviaria