14 Agosto 2020 Segnala una notizia
Elezioni provinciali, Paolo Piffer si candida come "consigliere ombra"

Elezioni provinciali, Paolo Piffer si candida come “consigliere ombra”

26 Marzo 2019

Sarà il guardiano del Consiglio provinciale. Nonostante l’impegno profuso nel corso dell’ultima tornata elettorale che ha coinvolto l’ente di via Grigna, Paolo Piffer, già consigliere comunale a Monza della lista Civicamente, non è riuscito a ottenere l’elezione. Poco male, sebbene la delusione non manchi, il consigliere ha assicurato che sarà il “consigliere ombra” della Provincia, pronto a seguire ogni singolo atto dell’ente per tenere sotto controllo l’attività dei partiti.

“Da qualche giorno  in Brianza ci sono state le elezioni provinciali e molti di voi probabilmente lo stanno scoprendo solo ora – ha spiegato Piffer -. Si, le province esistono ancora. Le chiamano enti di secondo livello perché chiamarli enti inutili con elezioni antidemocratiche suonava peggio”. Piffer non condivide per nulla il sistema elettorale del Consiglio provinciale, demandato non ai cittadini ma agli altri amministratori del territorio. In particolare, il Consiglio provinciale è composto e viene eletto da sindaci e da consiglieri comunali dei comuni della Provincia. Un sistema chiuso, che non piace proprio per niente a Piffer.

Politici che hanno votano altri politici scelti dalle direzioni dei partiti – ha sottolineato -. Fantastico! Una campagna elettorale che vista da vicino non può non aver suscitato più di qualche imbarazzo. Una sorta di Mercante in fiera con una pessima riforma Delrio a stabilire le regole del gioco.  Ho provato a contrastare questo sistema lavorando ad un progetto provinciale veramente civico, purtroppo nonostante il mio impegno e quello di altri colleghi non c’è stato verso”.

Piffer considera la legge anti democratica, una riforma studiata ad hoc dai partiti per i partiti che taglia fuori i cittadini da ogni potere decisionale. “La Provincia è e rimarrà “roba” dei partiti – ha concluso -, ma mi impegno ufficialmente a partecipare come spettatore ad ogni consiglio provinciale e a rendicontare tutto come faccio in consiglio comunale, una sorta di “consigliere ombra”. Mi richiederà tempo ed energie ma davvero le cose non possono andare avanti così”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Giussano, auto si ribalta in Valassina. Un ferito e traffico bloccato

Sulla strada statale 36 “Del Lago di Como e dello Spluga” il traffico è provvisoriamente bloccato, in direzione nord, in prossimità di Giussano (MB).

Obbligo di tampone per chi arriva da Grecia, Spagna, Croazia e Malta

Obbligo del tampone entro 48 ore per chi rientra o arriva in Italia dai Paesi Europei con il maggior numero di contagi in questo momento.

Covid, nuova ondata in autunno: arriva il piano del Ministero. Ecco i 4 possibili scenari

L’Istituto Superiore di Sanità ha diffuso il documento  “Elementi di preparazione e risposta a COVID-19 nella stagione autunno-invernale”.

Tragedia in Valmalenco: padre, madre e figlia perdono la vita a causa di una frana

Una valanga di detriti è piombata a valle all'imbocco dell'abitato di Chiareggio, località turistica in quota di Chiesa in Valmalenco (Sondrio). Morte tre persone.

ATS Brianza: quali regole valgono per il rientro dall’estero?

Per le persone di cui è consentito l’ingresso vi è l’obbligo di comunicare immediatamente al Dipartimento di Prevenzione il proprio ingresso in Italia.