03 Marzo 2021 Segnala una notizia
Desio, morta dopo l'anestesia. Perizia e nuovo sopralluogo dei Nas

Desio, morta dopo l’anestesia. Perizia e nuovo sopralluogo dei Nas

15 Marzo 2019

Un nuovo sopralluogo dei Nas e una perizia per indagare le cause del decesso, è quanto svolto in queste ultime ore dagli inquirenti per ricostruire la morte di Maria Teresa Avallone, la 39 enne di Desio scomparsa dopo l’anestesia a cui si è sottoposta nel centro di un chirurgo plastico di Seregno, per un intervento ai glutei.

L’autopsia sul suo cadavere, a quanto emerso, non avrebbe svelato dettagli particolarmente utili a risalire alle cause della sua morte. Il medico a cui si era rivolta, indagato per omicidio colposo, avrebbe tentato di rianimarla in attesa dell’arrivo dei soccorsi, ma senza successo. La mancanza di ossigeno al cervello ha quindi provocato danni cerebrali irreversibili, portandola alla morte dopo tre gironi di coma.

La perizia chiesta dalla Procura di Monza ad un esperto dell’Università di Pavia sarà depositata entro sessanta giorni. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Seregno e i colleghi del Nas di Milano, che oggi sono tornati nel centro medico per un nuovo sopralluogo.

Dallo studio del chirurgo gli inquirenti hanno portato via documenti relativi l’intervento a cui si sarebbe dovuta sottoporre la 39 enne, così da poter comprendere quali farmaci e in che dosi il professionista abbia utilizzato per sedare Avallone prima dell’intervento. In essi e nel sangue della donna potrebbe trovarsi la causa del suo decesso.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi