03 Aprile 2020 Segnala una notizia
Coordinamento ambientalista: «Pedemontana ha cercato la diossina dove non c'è»

Coordinamento ambientalista: «Pedemontana ha cercato la diossina dove non c’è»

28 Marzo 2019

«Società Pedemontana Lombarda ha cercato la diossina dove non può esserci, con lo scopo di minimizzare il quadro, invece preoccupante, sui dati dell’inquinamento». È questa la pesante accusa lanciata dal coordinamento NoPedemontana in seguito ai sondaggi geognostici effettuati a febbraio lungo il tracciato della superstrada Milano-Meda.

I prelievi sono stati voluti da Apl per verificare la quantità di diossina presente nel tracciato della tratta B2 (da Lentate sul Seveso, dove Pedemontana è ferma ormai da 4 anni, fino a Desio), a integrazione dei carotaggi svolti nel 2016 per volontà del Cipe.
Secondo NoPedemontana, Apl avrebbe svolto i carotaggi in modo tale da ottenere risultati parziali, e quindi falsati: la presenza della diossina (souvenir tossico del disastro Icmesa del 1976), peraltro già accertata 3 anni fa, renderebbe infatti necessaria una bonifica prima di procedere con l’infrastruttura autostradale.
Nel comunicato rilasciato il 21 febbraio da Apl si legge che «Le attività condotte nel 2016 avevano interessato esclusivamente le aree non pavimentate e, pertanto, la Società ha ritenuto importante verificare la presenza o meno di diossina anche in corrispondenza del tracciato della superstrada Milano-Meda. Tale operazione ha permesso di acquisire alcuni campioni del terreno sottostante l’attuale superficie stradale su cui poter effettuare specifiche analisi di laboratorio e valutare, così, l’eventuale concentrazione di diossine». Ma, fanno notare i portavoce del coordinamento, «poiché la Superstrada Milano Meda c’era già nel momento in cui esplodeva il reattore dell’impianto Icmesa e la nube di diossina si diffondeva per poi depositarsi terra, è ovvio che sotto il manto stradale non può essere rilevata».
«Le indagini lungo il tracciato della Tratta B2 e C sono già state realizzate nel 2016, e hanno dimostrato la gravità della situazione, confermando alte concentrazioni oltre i limiti di legge di diossina, diffuse in tutto il territorio interessato dai lavori – scrivono i portavoce del coordinamento in una lettera aperta rivolta ai i sindaci di Meda, Seveso, Cesano Maderno, Bovisio Masciago e Desio -. Uno scenario di inquinamento grave che come sappiamo rende impossibile proseguire in sicurezza i lavori della Pedemontana, e pressoché impossibile anche una bonifica dei terreni, poiché qualunque movimentazione della terra (anche finalizzata all’asporto e conferimento nei siti dedicati a rifiuti speciali) è pericolosa. È dunque fondato il sospetto che sia in atto il tentativo di minimizzare il quadro di grave inquinamento delle aree, “diluendo” i dati del 2016 con dati di campioni prelevati dove la diossina non c’è? Riteniamo – concludono – che i sindaci interessanti, in quanto garanti della salute pubblica dei cittadini, debbano chiedere conto a società Apl e Regione Lombardia, di quanto sta avvenendo, ribadendo che i dati ci sono già e sono quelli del 2016 (che semmai andrebbero implementati laddove vi è la probabilità di trovare diossina). Chiediamo inoltre ai sindaci di riferire pubblicamente nel corso dei consigli comunali, di ogni informazione a riguardo».
Un’accusa grave a cui Apl non ha ancora ribattuto in modo ufficiale. L’ufficio stampa, contattato in merito, ha infatti preferito non rispondere prima di un confronto con l’Ufficio Ambiente. Restiamo disponibili per un’eventuale replica.
In apertura, una manifestazione di NoPedemontana
Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Covid-19, Fontana: “Nessuna passeggiata con i figli. In Lombardia vale la mia ordinanza”

"In Lombardia nonostante la circolare del Viminale non cambierà nulla di quello che c'è nella mia ordinanza" a dichiararlo il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. 

Coronavirus, aggiornamento Monza e Brianza. Ecco le comunicazioni dei sindaci

Sono 2.543 (+81) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 2 aprile

"Il trend migliora, ma va valutato su un arco di 4/5 giorni. Non bisogna comunque abbassare la guardia". Lo ha dichiarato il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala.

Coronavirus, spesa e lavoro sicuri nei supermercati: la petizione in Monza e Brianza

A Monza e Brianza è stata lanciata una petizione su Change.org per chiedere che la spesa nei supermercati venga riorganizzata garantendo sicurezza per i clienti e gli addetti al lavoro.

Aggiornamento Covid Monza e Brianza, ecco i dati diffusi dai sindaci

Sono 2.462 (+100) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza. Il numero dei contagi sta registrando un aumento stabile rispetto ai giorni precedenti.