29 Maggio 2020 Segnala una notizia
Banco di Desio presidio dei sindacati per il rinnovo del contratto: "Manca da 12 anni"

Banco di Desio presidio dei sindacati per il rinnovo del contratto: “Manca da 12 anni”

28 Marzo 2019

E’ la prima volta che accade. Davanti alla sede generale del banco di Desio di via Rovagnati, giovedì 28 marzo, si è svolto un presidio organizzato e sostenuto dalle single sindacali Fisac Cgil e Fabi, per rivendicare i diritti dei lavoratori, da troppo tempo ignorati. E’ emerso uno scenario in cui manca il rinnovo del contratto integrativo aziendale da 12 anni, gli straordinari sono implicitamente imposti e non pagati, e le relazioni sindacali sembrano praticamente inesistenti. Il timore è per ciò che potrà accadere nell’immediato futuro. Tanti i partecipanti, numerose le bandiere e i cartelli.

Le istanze dei sindacati

‘Fisac CGil del Banco Desio e la Fabi hanno voluto organizzare questo presidio, proprio nel giorno dell’Assemblea dei soci della banca, fondamentalmente per reclamare i diritti dei lavoratori. Ci rendiamo conto – spiega Elena Farina, responsabile Fisac – che si tratta di un’azione forte, oserei dire insolita, perché di fatto è la prima volta che viene organizzato un presidio in una banca locale. La nostra preoccupazione è per il futuro della banca stessa’.

‘I lavoratori – aggiunge la Farina – hanno il contratto integrativo scaduto da 12 anni. Si tratta della prima banca nel sistema che non lo rinnova, nonostante gli utili positivi. Non solo, ci sono stati dal 2010 a oggi 5 cambi di direttore con le relative buone uscita. Quando poi si chiede che vengano pagati gli straordinari ai dipendenti, ci dicono che non possono aumentare i costi fissi. Da questo presidio ci aspettiamo che si riapra subito un confronto serio tra le parti. Le relazioni sindacali in questa banca sono antistoriche, si tratta più che altro di concessioni paternalistiche. Ci vuole un giro di vite, vogliamo che venga ristabilito immediatamente un contatto serio e corretto’.

In conclusione Elena Farina confida: ‘Siamo seriamente preoccupati per il futuro di questa azienda’. Si attendono ora le reazioni del direttivo dell’istituto bancario.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

A Monza e Brianza 5.466. Ecco l’aggiornamento dei sindaci

La provincia di Monza e Brianza dall’inizio dell’emergenza conta: 5.466 (+6)

Area Migranti Cgil Monza Brianza: al via le consulenze per la “Regolarizzazione 2020”

In due giorni oltre 200 consulenze telefoniche e 75 appuntamenti per il perfezionamento delle richieste.

Brugherio, incendio nella pizzeria Lo Stregone: evacuate 3 famiglie

Notte di fuoco a Brugherio. Intorno alle 4.00, un incendio è divampato all'interno della pizzeria Lo Stregone. Nessun ferito, tre famiglie evacuate residenti ai piani superiori.

La risposta rosa al Covid-19, in Confimi Monza e Brianza nasce il progetto “Con-diVision”

All'iniziativa, promossa dalla Lisa Fumagalli, collaborano Paola Marras (Niklas), Simona Ronchi (Silap) e Laura Parigi (NPI Italia). Obiettivo: produrre dispositivi di protezione. Con un nuovo modello di business.

Polmoni “bruciati” dal Coronavirus, 18enne salvato da trapianto record

Francesco era giovane e perfettamente sano, il virus lo ha infettato e gli ha danneggiato irrimediabilmente i polmoni, 'bruciando' ogni capacità di respirare normalmente.