29 Luglio 2021 Segnala una notizia
Ucciso a colpi di pistola per liti, condannati fratello e sorella

Ucciso a colpi di pistola per liti, condannati fratello e sorella

4 Febbraio 2019

Litigava con il vicino di casa per il suo gatto e, dopo una serie di discussioni, è andata a casa sua con il fratello armato di pistola che lo ha ucciso. Oggi il Tribunale di Monza li ha condannati a 12 e 17 anni di reclusione.

La sentenza è stata pronunciata poche ore fa dalla Corte D’Assise di Monza nei confronti dei fratelli Angela e Michele Scarfò, accusati dell’omicidio del 55 enne Giuseppe Piazza, freddato con un colpo di pistola nel piazzale dalla casa di corte dove vive a a Besana Brianza (Monza), il 22 giugno 2017. La Corte ha accolto la tesi dell’accusa secondo cui, seppur a sparare è stato Michele Scarfò, 56 anni, a fomentarlo è stata la sorella maggiore Angela, che con la vittima aveva problemi di vicinato.

Quel giorno il suo cadavere fu trovato in mezzo ai tavoli di quella che avrebbe dovuto essere una festa padronale, poi annullata.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi