26 Settembre 2020 Segnala una notizia
Seveso, scuola dell'Altopiano ancora guai? La polemica rimbalza sui social

Seveso, scuola dell’Altopiano ancora guai? La polemica rimbalza sui social

4 Febbraio 2019

Altri guai per la scuola dell’Altopiano, a Seveso. Dopo le polemiche dello scorso autunno legate alla modalità e alle tempistiche con cui venivano svolti i lavori di riqualificazione e bonifica da amianto, l’anno nuovo ha portato, sembra, non una vita nuova ma problemi nuovi per la scuola primaria.

Sembra che tutto sia cominciato lo scorso giovedì sera, con il messaggio di una chat di Whatsapp che annunciava la sospensione dei lavori alla scuola primaria “Bruno Munari”, a causa dei problemi economici dell’impresa a cui erano stati affidati. «L’impresa che ha appaltato la palestra purtroppo ha difficoltà finanziarie, e quindi è in concordato fallimentare – si legge nel testo del messaggio, a firma di uno dei consiglieri di maggioranza, che è anche padre di un alunno della scuola -. Oggi ho avvisato il presidente del comitato genitori così da avere delucidazioni precise in merito da parte del dirigente, che sentirà il comune». Dopo poco, come prevedibile, il messaggio è finito su Facebook e il suo contenuto è diventato di dominio pubblico.

«Come è possibile che un’informazione così delicata venga divulgata attraverso un post di un consigliere comunale? Detto questo – ha affermato il consigliere Paolo Butti, che ha condiviso lo screenshot del messaggio sulla sua pagina – approfondiremo nei prossimi giorni cosa stia succedendo». Interrogato in merito, l’assessore ai Lavori Pubblici Natale Alampi non ha voluto entrare nella polemica: «Come è successo per la questione amianto dello scorso autunno, l’amministrazione comunale non commenta quanto viene pubblicato sui social» ha affermato, asciutto.

D’altra parte, nonostante la dichiarazione di Alampi, la Lega locale non si è tirata indietro sul fronte social network, approfittando di Facebook per smentire le voci diffuse da Butti: «Di certo, l’ex sindaco e attuale consigliere comunale Paolo Butti, salvo disimpegno, avrà verificato che, agli atti del comune di Seveso, non vi è alcuna comunicazione ufficiale in merito alla richiesta di concordato fallimentare fatta dalla società alla quale l’ex sindaco Butti ha appaltato i lavori di riqualificazione della palestra della scuola “Bruno Munari” di Seveso Altopiano – hanno replicato i portavoce della sezione sevesina del Carroccio -. Allo stesso tempo l’ex sindaco avrà notato che semplicemente usando Google, con termini ascrivibili al progetto presentato, da Paolo Butti, in campagna elettorale si possono apprendere notizie. Quando il Comune di Seveso riceverà atti ufficiali gli stessi saranno diffusi a mezzo stampa e in consiglio comunale. Allo stato l’Ente Comune di Seveso, in via precauzionale, sta predisponendo un costoso piano di emergenza per affrontare la gestione di quella che potrebbe essere l’ennesima criticità lasciata in eredità dall’amministrazione di Paolo Butti».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Villa Reale chiusa, il Comitato: “Il Consorzio cacci il privato altro che risarcimento!”

Il Comitato del Parco e "La Villa è anche mia" tornano sul tema della parziale chiusura della Reggia di Monza. Raccontando cosa, a loro parere, non è andato bene.

Monza, locale etnico in pessime condizioni igieniche: multe per 10 mila euro

Il cibo veniva scongelato, lavorato e ricongelato più volte: è stato pertanto posto sotto sequestro amministrativo.

Commercio: bando di 100 mila euro per negozi e PMI di Villasanta, Arcore, Macherio, Biassono e Vedano

La domanda può essere presentata entro e non oltre le ore 17.00 del 10 novembre 2020. I fondi sono stati stanziati da Regione Lombardia.

“Il Brianteo sarà da 25mila posti”. Ecco i progetti dell’AC. Monza guidato da Adriano Galliani

Ac. Monza pensa già al nuovo Brianteo: sarà come lo stadio dell'Atalanta e Udine: sarà mantenuta la tribuna centrale, avvicinato il campo agli spalti e sarà posizionata una nuova copertura a forma di "C".

Tumore al pancreas: intervento chirurgico unico nel suo genere a Vimercate

Attualmente la paziente, residente in un comune del vimercatese, è in buone condizioni generali di salute; ha ripreso una discreta capacità di movimento e si alimenta senza particolari criticità.