Sport

Piscina Vimercate, pronta la task force di cittadini in aiuto all’Amministrazione

Costituito il tavolo di lavoro che suggerirà idee per il progetto definitivo: oltre ai membri della Consulta sportiva, 7 i cittadini scelti, rappresentativi delle diverse tipologie di utenza

piscina-vimercate-mb

Prosegue il percorso verso la nuova piscina di Vimercate. Mentre Lombardia Nuoto, promotore del progetto di riqualificazione individuato a fine 2018 dall’Amministrazione Comunale, si trova ora nella fase di verifica della fattibilità dell’idea presentata, il 5 febbraio è stato costituito il tavolo di lavoro che accompagnerà il Sindaco e l’Assessore alla Sport durante la realizzazione del progetto vero e proprio.

Nella serata di martedì scorso, infatti, presso la sala consiliare di Palazzo Trotti si è svolto un incontro a cui hanno preso parte i cittadini interessati a fare parte del gruppo. L’appello era stato lanciato a metà gennaio, affinché potesse essere costituita una task force rappresentativa di tutte le tipologie di utenza. «Un aiuto in più per non tralasciare nessuna delle esigenze di chi utilizza la piscina» avevano sottolineato da Palazzo Trotti.

I MEMBRI DEL TAVOLO DI LAVORO

Alla serata hanno preso parte una ventina di persone, tra cui cittadini comuni, rappresentanti della Consulta Sportiva, membri del neo costituito “Comitato di utenti amatoriali”. A conclusione, sono stati scelti i rappresentanti. Oltre ai 6 membri della Consulta, in rappresentanza delle associazioni sportive della città, al tavolo con il Primo cittadino Francesco Sartini e con l’Assessore Calloni siederanno sette cittadini, così suddivisi: 4 rappresentanti dell'”Area nuoto libero” (di cui un esponente del Comitato utenti amatoriali, un utente che pratica il nuoto libero la mattina molto presto, un utente che oltre al nuoto libero pratica anche calcetto e tennis e un utente del nuoto libero), 1 rappresentante dell'”Area tennis e attività diverse dal nuoto”, 1 dell'”Area istruttori/animatori e Camp estivi” e 1 dell'”Area Corsi di nuoto”. 

Come già sottolineato, il gruppo così formato non avrà diritto di voto e non potrà influenzare, almeno non ufficialmente, il progetto definitivo. Sarà solamente un momento in cui verranno tirate fuori idee che il Sindaco riporterà al progettista.

Il primo incontro è stato fissato per il 19 febbraio, mentre gli appuntamenti successivi saranno stabiliti sulla base dell’avanzamento lavori. Il Primo Cittadino non ha escluso che i componenti potranno, durante il percorso, incontrare direttamente Lombardia Nuoto, per conoscere lo stato di avanzamento del progetto e comunicare le proprie idee in maniera diretta.