23 Luglio 2019 Segnala una notizia
Corruzione, il 14 febbraio “Lady sorriso” ritorna alla sbarra

Corruzione, il 14 febbraio “Lady sorriso” ritorna alla sbarra

12 Febbraio 2019

E’ prevista per il 14 febbraio la richiesta di condanna per Maria Paola Canegrati, alias “Lady sorriso”, imprenditrice monzese a processo per presunta corruzione nell’ambito dei servizi odontoiatrici in alcuni ospedali della Lombardia. Insieme a lei a processo sono finiti anche il presidente del consiglio di amministrazione di una delle sue società, un dirigente del reparto odontoiatrico del Policlinico di Milano, un commercialista e un revisore del servizio di odontoiatria di quella che era l’azienda ospedaliera di Desio e Vimercate. Nella prossima udienza è previsto il proseguo della requisitoria del Pm Manuela Massenz, titolare del fascicolo di inchiesta, che potrebbe formulare la sua richiesta di condanna. Canegrati è finita nel mirino della Procura di Monza nel 2015, unitamente all’ex presidente della commissione sanità di regione Lombardia Fabio Rizzi, che ha già patteggiato la pena. Nel 2016 anche l’imprenditrice aveva cercato di patteggiare ma la sua richiesta era stata respinta dal Tribunale. Secondo l’accusa, a conclusione dell’inchiesta “Smile” iniziata nel 2013, Canegrati avrebbe pagato presunte tangenti per assicurarsi gli appalti per i servizi odontoiatrici ambulatoriali. A far partire l’inchiesta furono due revisori dei conti dell’ospedale di Vimercate, i quali scovarono presunte irregolarità in contratto stipulato nel 2009. Non solo, il procedimento a carico dell’imprenditrice riguarda anche presunti rimborsi gonfiati ai danni del sistema sanitario nazionale.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza, neopatentato causa tamponamento a catena in via della Giardina

Nessun ferito ma tanti i danni causati dall'incidente

Derubato a bordo del treno per Lecco, insegue il ladro e lo fa arrestare

Gli agenti della Polfer hanno fermato il ladro in piazza Castello, trovandolo in possesso di 66 grammi di marijuana

Chiama i suoceri, poi si mette alla guida ubriaco: “Vado ad ammazzare vostra figlia”

A dare l'allarme i genitori della donna. Il 56enne, residente in Brianza, è stato fermato con una concentrazione di alcol sei volte oltre il limite

Tuffo in piscina alle 5 del mattino: ragazzini scoperti e affidati ai genitori

Beccati dal personale addetto alla sicurezza del centro sportivo, che ha dato l'allarme. Non è stata presentata nessuna querela

DIARIO DI VIAGGIO. Caucaso: alla frontiera di Kazbegi

Gli studenti della 3D e 3E dell’Istituto Vanoni di Vimercate ci stanno raccontando giorno per giorno il loro insolito tour