27 Febbraio 2021 Segnala una notizia
BrianzAcque, "Acqua In classe": il percorso formativo fa tappa nelle scuole di Cavenago e Meda

BrianzAcque, “Acqua In classe”: il percorso formativo fa tappa nelle scuole di Cavenago e Meda

28 Febbraio 2019

Sono 170 i bambini delle scuole materne di Cavenago e Meda che mercoledì 27 febbraio hanno presentato i loro manifesti sull’uso consapevole dell’acqua,  al termine del percorso di formazione “Acqua in classe”.

L’iniziativa, che si inserisce nel progetto “Acqua Insieme”,  nata dalla partnership tra BrianzAcque ed Acli Milanesi, è partita a fine ottobre dello scorso anno, coinvolgendo in 6 comuni della Brianza oltre 650 bambini di 33 classi per approfondire tutte le tematiche riguardanti l’acqua che tutti i giorni sgorga dal rubinetto. Nel 2019 il percorso formativo si è ampliato e sta coinvolgendo altri 6 comuni della Brianza, 16 classi e circa 400 bambini.

I bambini sono stati accompagnanti in questi mesi dagli operatori del progetto  in un viaggio fantastico attraverso la narrazione di una storia: due fratellini (un maschio e una femmina) per recuperare il primo dentino appena caduto nel lavandino, per magia diventano piccoli piccoli, e lo seguono lungo le tubature che portano dal lavandino di casa fino al fiume. Al termine del ciclo di incontri sono  stati proprio i bambini a scrivere e a disegnare  il proprio Manifesto dell’Acqua.

Durante gli eventi conclusivi a Meda i bambini delle scuole dell’infanzia Maria Bambina e Giovanni XXIII hanno raccontato la bella esperienza e presentato i loro lavori al Presidente di Brianzacque, Enrico Boerci e all’Assessore all’istruzione e Vicesindaco, Alessia Villa.

“Non appena BrianzAcque ci ha proposto questo progetto, abbiamo immediatamente accettato- esordisce Alessia Villa, Assessore all’istruzione e Vicesindaco di Meda– L’acqua è un bene prezioso ed è importante insegnare ai piccoli che non deve essere sprecata e che bisogna rispettarla come bene prezioso”. Prosegue poi Enrico Boerci, Presidente e Amministratore Delegato di BrianzAcque– “Innanzitutto un ringraziamento speciale va all’amministrazione comunale che si è dimostrata molto sensibile ad accogliere l’iniziativa e alle insegnanti senza le quali non sarebbe stato possibile intraprendere questo percorso- continua- è fondamentale che i bambini, futuri adulti, non diano per scontato la disponibilità e la facilita di accesso all’acqua potabile. Noi viviamo in un territorio fortunato, ma purtroppo non tutti godono di una situazione così favorevole”.

“Riporto l’entusiasmo dei bambini e di tutti i genitori per questa magnifica opportunità- conclude Manuela Citterio, coordinatrice delle scuole dell’infanzia Maria Bambina e Giovanni XXIII- per questo ringrazio il Comune, BrianzAcque, le Acli e tutto lo staff per l’ottima organizzazione”.

A Cavenago invece sono stati oltre 100 bambini della scuola d’infanzia Ada Negri a presentare il loro Manifesto al Presidente Enrico Boerci e al Sindaco Francesco Seghi che ha commentato: ”Siamo un comune che presta una grande attenzione agli aspetti legati all’acqua e l’adesione ad Acqua in Classe ne è l’esempio. Grazie all’impegno di BrianzAcque, riceviamo nelle nostre case acqua buona e sicura ed è, dunque, anche dovere dell’amministrazione comunale appoggiare programmi di educazione ambientale”.

Acqua Insieme si snoda attraverso due filoni: quello educativo –  Acqua in classe -con i laboratori nelle scuole, e  quello teatrale- Acqua in scena – con la rappresentazione di spettacoli: il primo, Label-questioni di etichetta, andato in scena a giugno,  il secondo, H2Oro. L’Acqua un diritto dell’umanità,  che è stato  rappresentato il 10 novembre a Meda.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi