26 Febbraio 2020 Segnala una notizia
L'abbracciano, ma... è per il Rolex: arrestati

L’abbracciano, ma… è per il Rolex: arrestati

23 Febbraio 2019

L’avevano avvicinata con la scusa di chiedere informazioni, poi un abbraccio per ringraziare, ma era tutta una tecnica per rubargli il Rolex da 8mila euro: era successo a un’80enne di Bernareggio, ora i due responsabili sono finiti in manette.

L’episodio il 16 ottobre 2018: intorno alle 13.30, l’anziana si trovava in via Marconi, nei pressi della sua abitazione, quando era stata avvicinata da una donna che con il pretesto di ottenere delle indicazioni stradali era riuscita a sfilarle con destrezza, utilizzando la cosiddetta “tecnica dell’abbraccio“, il costoso orologio, per poi scappare insieme a un complice a bordo di una Ford Focus.

Dopo la denuncia, erano partite le indagini dei Carabinieri. Dalla visione delle immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza del Comune di Bernareggio, i militari avevano individuato la targa dell’automobile utilizzata dai malviventi.  Il 6 novembre 2018, quando i Carabinieri della Stazione di Mozzate (CO) avevano fermato il veicolo, avevano identificato conducente e passeggera in due cittadini romeni senza fissa dimora, gravati da numerosi deferimenti in stato di libertà per il reato di furto con strappo.

I militari della Stazione di Bernareggio avevano così mostrato all’anziana un album fotografico con volti di persone note alle forze dell’ordine. Oltre all’80enne, le immagini erano state mostrate anche a un testimone, presente al momento del fatto. Entrambi avevano riconosciuto tra i volti quelli dei due autori del furto subito dall’anziana.

Venerdì 22 febbraio i due malviventi sono così stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria monzese, con richiesta di applicazione della misura cautelare, che è stata emessa dal GIP del Tribunale di Monza. Nel corso della stessa giornata, i due sono stati rintracciati dai militari della Stazione Carabinieri di Novellara (RE) durante un controllo in strada a bordo di un’altra autovettura. Sono così stati accompagnati in caserma, dove gli è stata notificata la misura cautelare: sono poi stati trasferiti nel carcere di Reggio Emilia e Modena.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi

Agrate, trovata positiva al Coronavirus dipendente di un’azienda

La donna è residente in un Comune della Martesana milanese. 

Coronavirus: bar di Carate Brianza infrange il “coprifuoco” e resta aperto dopo le 18.00

Non rispetta l’orario di chiusura imposto dalle misure anti Covid-19. I Carabinieri chiudono il bar a Carate Brianza.

Coronavirus: furto al Famila di Nova Milanese? La testimonianza

Almeno secondo i dipendenti del supermercato in via Brodolini. "Non era un anziano e non sappiamo con certezza se abbia realmente rubato. Lo starnuto? Forse c'è stato, forse no: ma non rimandiamo tutto al Coronavirus".

Lissone shock: dalle sterpaglie spunta il cadavere di un 38enne

Trovato cadavere di un uomo di 38 anni tra le sterpaglie di via Toti in frazione Bareggia di Lissone. Indagini in corso per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Enpa scrive ad Amazon: rimuovete dal catalogo gli stivaletti antigraffio per gatti

"Il tuo gatto si fa le unghie sui mobili o sui tappeti? Nessun problema: basta chiudere le sue zampe ben strette in appositi cilindri di silicone e così i tuoi arredi saranno al sicuro". ENPA non ci sta, scatta la segnalazione ad Amazon.