20 Luglio 2019 Segnala una notizia
Trasporto pubblico, il biglietto unico in stallo fra partiti e polemiche

Trasporto pubblico, il biglietto unico in stallo fra partiti e polemiche

21 Gennaio 2019

Spostarsi coi mezzi pubblici da Monza a Milano e poi magari andare fino a Lodi con un solo biglietto. Per il momento, anche in considerazione del fatto che lo stato dei trasporti pubblici locali non è certo ottimale, si tratta di un sogno o poco più. Tuttavia, in Regione Lombardia e in tutte le amministrazioni locali coinvolte gli esperti del settore stanno lavorando affinché questo miraggio si trasformi in realtà. Stanno lavorando per fare in modo che entro il 2020 tutti i residenti della Brianza, ma anche del milanese, del lodigiano e di tutte le aree che ricadono sotto la competenza dell’Agenzia del Trasporto pubblico locale della Città metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia possano cambiare mezzo di trasporto senza dover cambiare ogni volta biglietto.

Un bel progetto, del quale si parla oramai da anni, che potrebbe assicurare ai pendolari anche un discreto risparmio economico, che sembra finalmente arrivato al traguardo. Sembra. Perché in realtà l’iter sta patendo alcune battute d’arresto. Complicazioni che non sono burocratiche, ma politiche. In questi ultimi giorni oltre 100 sindaci dell’hinterland di Milano e della Brianza hanno infatti firmato un appello affinché la procedura per l’introduzione della tariffazione integrata non venga abbandonata.

Destinataria dell’appello, Regione Lombardia cui spetta il compito di dare vita al progetto. Come abbiamo appena detto, tuttavia, il condizionale è d’obbligo perché parallelamente alla partita per l’integrazione tariffaria, se ne sta giocando un’altra relativa all’aumento del costo dei biglietti a Milano. Due match solo apparenza slegati. L’aumento del costo del biglietto dei trasporti pubblici di Milano da 1,50 a 2 euro è da tempo una battaglia che Lega e Pd stanno combattendo senza esclusione di colpi, anche se le ultime notizie in arrivo da palazzo Marino fanno capire che l’incremento potrebbe arrivare fra aprile e maggio.

Tuttavia, la situazione di stallo causata da scaramucce politiche che poco hanno a che vedere con gli interessi delle migliaia di pendolari stanno facendo salire la tensione fra i sindaci e gli amministratori locali. Tutti, sindaco e presidenti delle Province, si sono dichiarati pronti a partire. Il nuovo sistema dovrebbe funzionare più o meno così. Si parte dal principio di superare la frammentazione e favorire l’interscambio passando dall’attuale frazionamento in zone e fasce all’accorpamento in corone circolari uniformi gomma-ferro che garantiranno l’integrazione e il coordinamento generalizzato dei servizi.

In questo modo si prevede di superare gli squilibri attualmente presenti nel sistema a causa della mancata integrazione che in funzione del numero di gestori influisce sul costo del biglietto. Nel nuovo modello ogni Comune sarà assegnato interamente ed unicamente a una singola corona tariffaria che è distanziata dalle altre in base a un passo costante pari a 5 km (in analogia all’ampiezza delle fasce – km ferroviarie).

Sono inoltre previste agevolazioni significative, tra cui la assoluta gratuità per i ragazzi fino a 14 anni, sconti fino a 26 anni e oltre i 65 anni e una attenzione particolare alla fascia di reddito fino a sei mila euro. Secondo alcuni conteggi, un pendolare monzese potrebbe arrivare a risparmiare circa 120 euro l’anno per i suoi spostamenti.

Tutto però sta andando a rilento. L’operazione è chiaramente complicata e da mettere a punto con molta attenzione. Andrea Monti, consigliere regionale della Lega e vice presidente della commissione Trasporti, ha spiegato che Regione Lombardia deve investire 10 milioni di euro. Motivo più che valido per muoversi coi piedi di piombo. Tuttavia, va anche sottolineato che quello del biglietto unico dei trasporti pubblici locali è un progetto di cui si parla da anni. Non da tanto tempo come il prolungamento della metropolitana a Monza, ma se si va avanti di questo passo ci arriveremo presto.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Attraversa il passaggio a livello e viene travolta dal treno: muore 74enne

Circolazione dei treni interrotta tra Monza Sobborghi e Monza. Attivato un servizio autobus di collegamento tra le stazioni di Villasanta e Monza

Carate, incidente in via Donizetti: gravissimo motociclista di 29 anni

Il giovane è ricoverato in prognosi riservata. Coinvolta anche una ragazza di 20 anni, portata all'ospedale in codice verde.

Pizza Festival Lombardia: a Lentate il gusto della vera regina napoletana

Mastri pizzaioli per eccellenza arriveranno direttamente da Napoli e proporranno prodotti della tradizione e antiche ricette.

Giornata straordinaria all’ospedale di Desio: 10 parti in 24 ore

Dalle 6.02 di lunedì 15 luglio alle 6.04 del giorno successivo, martedì 16 luglio, sono venuti alle luce 7 maschietti e 3 femminucce.

Cesano: stasera Notte Bianca tra musica, divertimento e visite guidate

Tantissime le iniziative in programma a partire dalle ore 19.00. Scopri il programma.