17 Gennaio 2019 Segnala una notizia
Sergio Bramini è un simbolo contro le ingiustizie: continua la sua battaglia

Sergio Bramini è un simbolo contro le ingiustizie: continua la sua battaglia

11 Gennaio 2019

Continua la sua battaglia Sergio Bramini, imprenditore fallito con 4 milioni di euro di crediti dalle Pubbliche Amministrazioni e ha perso la sua casa. Grazie alla sua attività di consulente del Governo, probabilmente riuscirà a bloccare alcune sentenze di sloggio almeno fino al 30 marzo, proprio per evitare che persone con particolari disagi di salute o difficoltà di vario genere vengano sfrattate. Sergio certo vorrebbe fare di più, ma la Politica ha i suoi tempi e le sue ragioni e lui lo sa.

Bramini, imprenditore monzese, sottoposto al pignoramento della sua villa a Monza lo scorso 18 maggio, intanto continua a combattere per la sua abitazione, che forse riuscire a riprendersi dopo  risanare la sua posizione. Questo perché il Tribunale di Brescia ha ammesso Bramini alla procedura di sovraindebitamento, il che comporta che tutte le azioni esecutive a suo carico sono sospese. La  sua casa, una villa che ha costruito per sé e per la sua famiglia, non sarà più oggetto di liquidazione giudiziale, ma volontaria, come prevede la legge. Il pignoramento dei suoi uffici, previsto per il 16 gennaio prossimo, non sarebbe invece sospeso, ma anche su questo fronte Sergio promette Battaglia.

Oltre a ciò Sergio viaggia in lungo e largo per l’Italia, rispondendo ad ogni chiamata dove un imprenditore o un commerciante messi in ginocchio dalla crisi per debiti, soprattutto se si tratta di persone bisognose. Uno stemma, una bandiera, quella portata avanti da un uomo che, forse, per questo paese potrà presto fare anche di più.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Giuseppe Spina, ex comandante dei carabinieri di Monza, ha catturato Cesare Battisti

Il generale Spina dirige oggi il Servizio di Cooperazione Internazionale che ha lavorato alla cattura del terrorista

Sicurezza in montagna, le regole che possono salvare la vita

Per ridurre la possibilità che la vacanza si trasformi in sofferenza basta tener bene in mente dieci semplici regole di comportamento, quelle della Federazione internazionale dello sci.

Falò di Sant’Antonio: scopri le iniziative in Brianza

La ricorrenza cadrà domani giovedì 17 gennaio ma in Brianza si festeggerà anche nei giorni successivi.

Cadavere murato in una casa: scoperto durante i lavori di restauro

Si tratterebbe del corpo di un uomo di età compresa tra i 35 e i 45 anni, trovato all'interno di una cavità del muro. Sono in corso accertamenti per risalire all’identità della vittima

Muggiò, Toncar in sciopero: la trattativa finisce in Prefettura

Prosegue da dieci giorno lo sciopero degli operai della Toncar di Muggiò. Ieri l'incontro in Prefettura fra le parti: lunedì la scelta finale