05 Giugno 2020 Segnala una notizia
Presidente di Monza in Bici: "Bene la ciclabile del metrò, ma nascerà monca"

Presidente di Monza in Bici: “Bene la ciclabile del metrò, ma nascerà monca”

4 Gennaio 2019

Contenti, ma non del tutto. L’approvazione da parte della giunta municipale Monza del progetto definitivo al Mobi, che prevede fra gli altri interventi anche la realizzazione di una pista ciclabile collegata col futuro capolinea della metropolitana a Bettola ha riscosso commenti positivi sul fronte ambientalista. In particolare, Pasquale Scalambrino, presidente dell’associazione Monza in Bici, ha accolto con favore la notizia.

Tuttavia, non sono mancate le critiche. Infatti, se da una parte il collegamento ciclo pedonale col metro’  fa parte del progetto Mobi per migliorare la mobilità dolce casa – scuole e casa – lavoro, dall’altra non viene considerato completo come dovrebbe essere. In altre parole, la ciclabile del metro’ nascerà monca. “Andrà da via Philips fino a Bettola – spiega Scalambrino -, ma purtroppo tutto il tratto verso il centro rimarrà scoperto“.

Sia la precedente amministrazione che l’attuale infatti hanno deciso di sacrificare questo tratto di ciclabile che assicurerebbe un collegamento  completamente “green” fra centro storico e metropolitana, per non sacrificare i parcheggi. “In particolare – prosegue Scalambrino -, dicono che creerebbe problemi togliere quelli a servizio dell’ufficio postale, ma in realtà si tratterebbe di un sacrificio facilmente compensabile stipulando ad esempio una convenzione con i titolari del parcheggio sotterraneo che si trova a pochi metri di distanza“. Monza, insomma, sa confermando la sua scarsa propensione verso le piste ciclabili (poco meno di 30 chilometri contro 250 di strade) e soprattutto verso la realizzazione di piste a macchia di leopardo.

Scalambrino, però, non pare intenzionato ad alzare bandiera bianca. “Teniamo molto a questo progetto – ha concluso – e combatteremo ancora per riuscire ad ottenere l’estensione della pista fino al centro città”

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Covid19 e trombosi. I ricercatori del San Gerardo di Monza scoprono il legame

Lo studio dell'Università Milano-Bicocca spiega come il virus potrebbe infettare direttamente la superficie interna dei vasi nei pazienti con complicanze trombotiche.

“Bonus Mobilità”: i sindaci di Seregno, Desio e Lissone scrivono al Premier Conte

I Comuni vengono di fatto esclusi dai benefici della norma pur presentando caratteristiche che meriterebbero maggiore attenzione.

Rivendevano strumenti di terapia intensiva dell’ospedale: in manette un imprenditore di Barlassina e una farmacista

In manette una dirigente dell'area logistica della farmacia dell’ospedale di Saronno e un imprenditore di Barlassina: rivendevano illecitamente strumenti di terapia intensiva dell’ospedale di Saronno.

Vimercate, ultimo paziente Covid lascia la terapia intensiva. Ecco i dati di Regione Lombardia al 5 giugno

L'ultimo paziente ricoverato a Vimercate in terapia intensiva ha lasciato ieri il reparto.

Arcore, il poliambulatorio Med4you offre visite specialistiche senza liste di attesa

Nel centro polispecialistico prestano servizio 25 medici specializzati in diverse discipline. L'approccio nella gestione del paziente è multidisciplinare.