19 Febbraio 2020 Segnala una notizia
I falò di S. Antonio accendono la polemica sull'inquinamento

I falò di S. Antonio accendono la polemica sull’inquinamento

18 Gennaio 2019

Non solo la legna, il falò di S. Antonio a Villasanta accende anche gli animi e le polemiche. Se per il meteorologo villasantese di Epson Meteo Flavio Galbiati questo falò non s’ha da fare, per il Comune invece la questione non suscita preoccupanti riserve tanto da confermare il falò di domenica 20 gennaio all’Oratorio di San Fiorano. Così come nel resto della Brianza, nessuno comune ha emesso ordinanze di divieto.

La questione e la polemica risiede tutta nell’aumento della soglia di inquinamento, sottolineata da Galbiati, a causa della combustione delle cataste di legna dei tradizionali falò che vengono organizzati per S. Antonio.

Non posso che esprimere la mia contrarietà – ha scritto Flavio Galbiati in un post su Facebook- ad una “tradizione” che provoca l’emissione di un’impressionante quantità di sostanze inquinanti, a discapito della qualità dell’aria che tutti respiriamo; a maggior ragione se nella catasta di legna, come è già successo in precedenti occasioni, vengono inglobati anche scarti di oggetti e arredi, tra cui pannelli impiallacciati e verniciati, tossici una volta bruciati”.

Un appello, quello di Galbiati, che il Comune non ha però raccolto.

“Il Comune ha dato le necessarie autorizzazioni in ottemperanza alle indicazioni regionali al falò organizzato dalla Parrocchia– ha spiegato il Comandante della Polizia Locale Maurizio Carpanelli-. Regione Lombardia permette infatti questo genere di eventi applicando una deroga per questioni culturali e di rispetto delle tradizioni locali”.

Ci saranno però delle regole da rispettare per contenere le emissioni inquinanti. Potrà infatti essere bruciata solo la legna e al termine della manifestazione il falò dovrà essere spento senza bruciare, come da tradizione, tutta la notte. Al falò sarà presente personale della Protezione Civile e con tutta probabilità anche una pattuglia della Polizia Locale per servizi di polizia stradale.

E se per il falò organizzato a San Fiorano sono garantite tutte le misure di sicurezza e di contenimento dell’inquinamento, poco potrà essere fatto invece per i falò privati che potrebbero essere accesi nelle campagne circostanti.

“I falò privati sono soggetti alla richiesta di autorizzazioni. Se questo non avviene in teoria potrebbero essere effettuate delle sanzioni“. In teoria, perché di notte non ci sono pattuglie di vigili in servizio. 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Paola Brambillasca
Da sempre con una matita in mano. All’inizio disegno, alla fine scrivo. Per diletto e per lavoro. Sono fortunata, riesco a fare ciò che amo.


Articoli più letti di oggi

La Monza più bella è su Rai 1: la nostra città in onda a “Linea Verde Life”

Il prossimo sabato 22 febbraio la città di Monza sarà su Rai 1, alla trasmissione "Linea Verde Life". Al centro della puntata il complesso della Villa Reale e del Parco di Monza, ma anche i temi della sostenibilità ambientale. Tutti i dettagli.

Nova Milanese: passeggia per strada e un cane lo aggredisce alle parti intime

Nova Milanese, passeggiata da incubo per un 40enne: mentre camminava è stato aggredito da un cane nelle parti intime. Le ferite al pene e allo scroto hanno reso necessario il trasporto all'ospedale San Gerardo di Monza.

Monza in maschera: torna il Carnevale tra eventi, trenino e coriandoli

Due weekend, dal 21 febbraio all’1 marzo, con iniziative dedicate soprattutto a bambini e famiglie.

Parco di Monza: runner morso da un cane. Il padrone lo ignora

Runner aggredito al parco di Monza da due cani da caccia, il proprietario degli animali li richiama solamente.

Movimento 5 Stelle: “Lo spot di Trenord con Pozzetto? Una presa in giro”

Nello spot si parla di pulizia, puntualità: tematiche, queste, che hanno fatto insorgere il Movimento 5 Stelle Lombardia tanto da definire la trovata pubblicitaria "un insulto alla pazienza dei viaggiatori".