19 Agosto 2019 Segnala una notizia
"Devequt", il primo film di Davide Raia: un'analisi sul bisogno d'amore

“Devequt”, il primo film di Davide Raia: un’analisi sul bisogno d’amore

24 Gennaio 2019

“Che cos’è il cinema”? Se lo era chiesto il celebre critico cinematografico André Bazin, nell’intitolare il suo libro. Un saggio dal titolo vagamente provocatorio, tramite cui, Bazin, ha indagato l’essenza della settima arte. Allora che cos’è il cinema?

Se lo è chiesto anche Davide Raia, giovane regista di Tuglie, che proprio ieri sera, mercoledì 23 gennaio, ha esordito al teatro Delfino di Milano con il suo primo cortometraggio distribuito da Up Film Communication. Devequt. Un film affascinante, impegnato e impegnativo, ma che tramite il suo cast di tutto rispetto, fin dai primi minuti è stato capace di catturare l’attenzione in un crescendo di emozioni. Buona la risposta del pubblico, che alla fine della proiezione ha avuto l’occasione di interagire con il regista e con il cast composto da Arianna Bigazzi, Claudio Savina, Francesca Lozito e Marco Speziali.

La prima fatica del regista è venuta al mondo. Andando oltre l’ironia, è proprio questa la filosofia del film. Venire al mondo. Avere un corpo. Cercare se stessi.

IL FILM

Gli attori in sala durante la prima del film

C’è un po’ di Terrence Malick in Davide Raia. “Con la mia camera al collo pronta a catturare momenti che voglio rendere immortali – spiega il regista – mi sono sempre sentito meno solo”. È in questa frase, probabilmente, che va ricercata la sua cifra stilistica. La volontà, un pò “malichiana”, di sondare l’universo. Il suo spazio e il suo tempo. Sono movimenti di macchina precisi, i suoi, che guardano e fanno guardare. Dentro. Nel profondo, i sentimenti dei personaggi.

Davide Raia

 

La pellicola è una sorta di favola gnostica. Una vera e propria rapsodia cinematografica dal carattere libero e variegato. E se la domanda da cui tutto parte è “cosa me ne faccio di un corpo?”, la risposta, per niente scontata, è la ricerca di se stessi. Tramite l’amore. Tramite le emozioni. Ed ecco che gnosi, in questa accezione, prende proprio la valenza di conoscenza e di ricerca. La ricerca del sé, da parte dell’uomo, di quella scintilla, di quel punto nel cuore, che la  Luce ci ha dato. Questo è il significato di “Devequt”, ricongiungersi alla luce. Fugace destino, quello dell’uomo. “Perdersi per cercare”. Perdersi per ritrovare una sola cosa: “questo bacio d’amore”.

Attraverso una sorta di dramma esistenziale a lieto fine, dove l’universo si fa Luce e Anima, Raia indaga la condizione umana, il bisogno d’amore che c’è. E porta a riflettere o meglio incoraggia, l’umana natura a non avere paura. Sì, perché cercare significa mettersi in gioco. Cercarsi significa anche perdersi per poi ritrovarsi. Più forti e coraggiosi. Ed è allora che si rinasce. Nulla accade per caso. Una concezione, questa, ben rappresentata da Raia, grazie ad un insieme di sequenze verso la fine della pellicola. Luce e Anima si separano. Si perdono per accendere la scintilla dell’umana natura. E si ritrovano, in un bacio di due bambini. Ancora una volta. Si ritrovano in una carezza davanti ad un piatto di pasta, in un tenero sorriso di due innamorati. È il punto nel cuore. Quello di Nathan che incontra Alice. “Chi sei tu?” All’improvviso quella sensazione di essersi già visti. Di essersi già incontrati e di volersi abbracciare. È un po’ come la teoria dell’eterno ritorno di Nietzsche. Tutto, in buona sostanza, torna a fiorire. Basta mettersi in gioco. Basta trovare quella punta nel cuore “e allora ti verrò a cercare”.

MBnews ha assistito alla prima del film e a tal proposito ha intervistato il regista Davide Raia.

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

“Grazie per il vostro lavoro” e il signor Luigi offre la grigliata ai Vigili del Fuoco di Monza

Ferragosto con un bel gesto di solidarietà. Un uomo sui sessant'anni paga la spesa ai vigili del fuoco. "Se dovesse venire in caserma a trovarci ci farebbe davvero piacere".

Seregno Calcio, Achille Mazzoleni rassegna le dimissioni

Il Seregno Calcio annuncia di aver ricevuto le dimissioni da parte del coordinatore dell'area tecnica Achille Mazzoleni.

Brianza, trasporti pubblici: la nuova tariffazione unica c’è ma non i biglietti

Inizia oggi la rivoluzione biglietto unico, ma nelle biglietterie Trenord ancora non sono state aggiornate le tariffe: si paga 2,50 per il passante più 2 euro per metro, al posto di 2,80

Limbiate, lite in strada nella notte: arrestati due fratelli di 29 e 31 anni

La tempestiva segnalazione da parte dei cittadini e l’immediato intervento dei Carabinieri ha fatto in modo che la situazione non degenerasse

Pizza Festival Lombardia: a Lentate il gusto della vera regina napoletana

Mastri pizzaioli per eccellenza arriveranno direttamente da Napoli e proporranno prodotti della tradizione e antiche ricette.