26 Aprile 2019 Segnala una notizia
Brugherio, decine di colonie feline in città. Le "gattare" sognano un'Oasi Felina

Brugherio, decine di colonie feline in città. Le “gattare” sognano un’Oasi Felina

17 Gennaio 2019

L’idea comunemente diffusa è che i gatti siano animali indipendenti, che hanno bisogno di libertà e dei loro spazi. Per questo, forse, quando si vede un gatto solo a spasso per la città, ci si scandalizza meno del vedere un cane randagio. Forse questo è vero, ma è anche vero che i mici allo stato randagio corrono moltissimi rischi, legati, per esempio, al passaggio delle auto e, purtroppo, alla cattiveria di qualcuno che si diverte a fare loro del male. Per non parlare della denutrizione e delle malattie a cui vanno incontro.

Per fortuna, ci sono gruppi di volontari che con passione si dedicano a loro, assicurando protezione, cibo e cure.

LE COLONIE FELINE DI BRUGHERIO

In pochi sanno che a Brugherio esistono decine di colonie feline. Si tratta di vere e proprie aggregazioni strutturate di animali non di proprietà, legate a un qualsiasi territorio o porzione di territorio, sia esso pubblico o privato in cui i gatti trovano le risorse necessarie per sopravvivere, soprattutto rifugio e cibo.

Sono luoghi fondamentali, perché aggregano i mici che in questo modo possono essere maggiormente tenuti sotto controllo, non solo per la loro sicurezza, ma anche per la sicurezza dei cittadini.  A gestirle sono le volontarie, quelle comunemente note come “gattare”, amanti degli animali che dedicano tempo, energie e risorse economiche per prendersi cura di questi gruppi di mici.

«Ogni giorno, che sia feriale o festivo, con la neve o con il sole, noi passiamo dalle colonie – racconta una delle volontarie, S.M., che preferisce restare anonima – Siamo tre sempre presenti, poi altre persone ci sostituiscono quando manchiamo. Ai gatti assicuriamo soprattutto cibo e acqua e verifichiamo che siano in salute e non abbiano bisogno di cure mediche».

Tante le necessità, ragion per cui da qualche tempo le gattare si sono mosse per cercare di sensibilizzare i cittadini sul tema. «Vorremmo prima di tutto portare a conoscenza della città l’esistenza delle colonie – continua S.M. – Sono tante e ognuna conta almeno una decina di unità, ma spesso anche di più. I luoghi in cui si trovano devono restare segreti, perché ahimé c’è tanta gente cattiva e i rischi per questi animali sono molti».

E contro di loro non giocano solo gli esseri umani, ma anche le condizioni in cui vivono: se alcune colonie si formano nei cortili dei condomini, infatti, molte altre si costituiscono in luoghi lontani dai centri abitati, dove regna sovrana l’incuria e dove si accumulano discariche abusive di ogni sorta.

La questione è stata presa a cuore da Christian Canzi, ex candidato sindaco alle elezioni Amministrative 2018 per il Movimento 5 Stelle e attuale capogruppo in Consiglio Comunale. «Nel nostro programma elettorale c’era un capitolo dedicato al benessere animale – spiega – per questo ci siamo messi a disposizione delle volontarie, al momento per capire quali siano le loro necessità per essere agevolate e sostenute nella loro preziosa attività. Prima di tutto, c’è la necessità di portare all’attenzione della cittadinanza il loro impegno, che è una risorsa fondamentale, dal momento che il randagismo è un vero problema, tra l’altro sotto la responsabilità del Comune».

Al momento Canzi si è messo a disposizione delle volontarie, ma gli obiettivi e i sogni per il futuro sono tanti: «Prima di tutto, vorremmo che a Brugherio si istituisse un ufficio per i Diritti degli Animali – spiega – Poi, il sogno nel lungo termine, è quella di realizzare un’Oasi Felina: un luogo fisico dove ospirtare tutti questi mici». «Sarebbe un sogno – conclude S.M. – a noi basterebbe che qualcuno ci donasse un terreno, sarebbe un ottimo inizio».

Insomma le cose che si possono fare sono molte, ma per il momento, nell’immediato, quel che serve sono le pappe: chi volesse, infatti, può dare una mano, contattando le gattare alla pagina Facebook Colonia Felina di Brugherio. I gatti randagi di Brugherio ne saranno felici.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi

Frana sulla SS 36: strade chiuse e traffico in tilt

Dopo la chiusura della Statale 36 tra Abbadia e Bellano  in entrambe le direzioni , oggi sulla Provinciale 72  si sono registrati lunghi incolonnamenti.

Monza e Brianza: ecco le iniziative in programma dal 25 aprile al 1° maggio

Street food, sagre, mostre, eventi sportivi... ecco la nostra selezione di eventi per voi!

C’è la data: il 6 Luglio Monza ospiterà il primo Brianza Pride

Un manifestazione definita dagli organizzatori "un atto politico, festoso e colorato che attraverserà la città di Teodolina".

Chiusa in casa, picchiata e minacciata per due anni dopo un aborto spontaneo

Solo agli inizi di aprile la donna, una 43enne, ha trovato il coraggio di chiedere l'intervento dei Carabinieri e denunciare il marito

Ospedale di Vimercate: fare ricerca clinica è possibile

Ricerca AIFA. Il progetto permette di segnalare, quantificare e analizzare le reazioni avverse ai farmaci, analizzando tutti i fattori che possono concorrere a prevenirle e limitarne le conseguenze.