09 Agosto 2020 Segnala una notizia
Denuncia di un commerciante: ecco come è partita l'indagine della GDF

Denuncia di un commerciante: ecco come è partita l’indagine della GDF

15 Gennaio 2019

Erano quattro cittadini egiziani gestire la rete illecita finalizzata a far ottenere rinnovi e permessi di soggiorno a cittadini stranieri dietro pagamento in denaro fino a 5 mila euro, smantellata da un’indagine della Guardia di Finanza di Monza, con complicità di un commercialista di Legnano con studio a Milano e di tre pubblici ufficiali, un ispettore della stessa Guardia di Finanza di Monza, un sovrintendente della Polizia di Stato in servizio a Milano e un messo comunale del Comune di Monza. Questi ultimi, unitamente al commercialista, avrebbero anche fabbricato falsa documentazione, tra cui certificati medici e di residenza fasulli, buste paga fittizie per contratti di lavoro subordinato inesistenti e dichiarazioni fiscali relative a redditi mai percepiti, necessaria al rilascio o al rinnovo dei permessi di soggiorno o alla concessione del nulla osta per il ricongiungimento familiare di congiunti residenti nei paesi di origine. Il finanziere indagato avrebbe inoltre ricevuto denaro e regali per avvisare alcuni commercianti di imminenti controlli fiscali.

I quattro egiziani, di cui uno residente in Brianza da anni e “vertice” della rete, avrebbe incaricato i suoi connazionali di reperire la clientela in Italia e all’estero. Per far in modo di far ottenere loro i permessi di soggiorno, avrebbe usato la compiacenza dei tre pubblici ufficiali. In particolare, stando all’inchiesta, avrebbe stretto un rapporto particolarmente stretto con il militare infedele. Ad affermarlo, nella denuncia sporta alle stesse fiamme gialle, è un commerciante egiziano. L’uomo, dopo una lite per futili motivi con il connazionale che gestiva la presunta rete di illeciti, sarebbe stato minacciato da quest’ultimo: “Ora non lavorerai più, ti faccio venire a controllare dai finanzieri”. Poco dopo, ha denunciato l’uomo, il maresciallo indagato si sarebbe presentato al suo negozio per effettuare un controllo. Stupito che le minacce del connazionale avessero prodotto quell’effetto, il commerciante è andato a denunciarlo. Così i colleghi delle Fiamme Gialle di Seregno sono risaliti a luogotenente del loro stesso corpo e all’agire del gruppetto.

L’indagine, che ha visto coinvolti nel complesso 39 indagati, ha consentito di individuare oltre 20 casi in cui cittadini extracomunitari sarebbero risultati beneficiari di un permesso di soggiorno sul territorio italiano ovvero di un ricongiungimento di familiari dall’estero senza averne diritto, in cambio di somme che variavano da qualche centinaio di euro fino a 5.000 euro, pagate in contanti o attraverso carte prepagate.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Lombardia, aumentano i guariti. In Brianza 2 nuovi casi

Aumentano i guariti e dimessi (+171), diminuiscono i ricoveri (-8) e nessun contagio a Lecco e Pavia. Questi i principali dati di sabato 8 agosto.

Anziana morta, svolta nelle indagini. Il marito confessa: “L’ho strangolata”

Le motivazione del gesto sono ancora da approfondire ma non si esclude l’impeto di ira in un contesto familiare drammatico delineato da tanta sofferenza.

Monopattini a Monza, sventato il primo tentativo di furto. La ditta sporge denuncia

Tentativo di furto sventato dall'Arma dei Carabinieri di Monza a danno della nuova flotta di monopattini della Dott, primo operatore a offrire l’innovativo servizio di sharing nella città di Teodolinda.

Bagno al lago? Ecco quali sono le acque balneabili

Risultano balneabili tutte le località lecchesi con l’unica eccezione per la località Malpensata a Lecco, temporaneamente non accessibile per motivi di sicurezza.