01 Agosto 2021 Segnala una notizia
Uccise la moglie che voleva lasciarlo per il suo vizio del gioco, domani udienza

Uccise la moglie che voleva lasciarlo per il suo vizio del gioco, domani udienza

17 Dicembre 2018

E’ fissata per domani l’udienza preliminare di Giorgio Truzzi, 57enne di Bovisio Masciago che nell’aprile scorso ha pedinato in auto la moglie, l’ha braccata a un semaforo e l’ha uccisa a colpi di pistola in mezzo alla strada, presumibilmente perchè lei voleva lasciarlo. Seppur in corso l’astensione degli avvocati penalisti, essendo Truzzi detenuto, il suo processo dovrebbe avere luogo.
La vicenda aveva portato scompiglio nella cittadina brianzola, dove Valeria Bufo, 54 enne impiegata, era molto conosciuta. A quanto emerso durante il corso delle indagini, la donna aveva cercato di ricucire il suo matrimonio, andato in pezzi a causa di una presunta ludopatia del marito, ma quando questi aveva speso svariate migliaia di euro ancora una volta, la donna aveva deciso di chiudere il rapporto. Quella mattina, uscita dall’ufficio, Valeria era montata sulla sua auto e, diretta in stazione per andare a prendere la minore dei suoi tre figli, non si era accorta di essere seguita dal marito. Ferma al semaforo a Seveso, Bufo è stata sorpresa dal 57 enne consorte che, dopo aver aperto la portiera lato passeggero, le aveva scaricato addosso 5 colpi, per poi allontanarsi di corsa. Poco più tardi si era però presentato dai carabinieri, ammettendo le sue responsabilità. Domani il Gip di Monza deciderà le sue sorti processuali.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi