11 dicembre 2018 Segnala una notizia
Treni, Lega Monza e Brianza: “Dal Pd propaganda sulla pelle dei pendolari”

Treni, Lega Monza e Brianza: “Dal Pd propaganda sulla pelle dei pendolari”

6 dicembre 2018

 “Propaganda di partito a cui si vuole mettere una veste istituzionale”, così la Lega di Monza e Brianza bolla l’iniziativa dei sindaci del Partito Democratico che vuole bloccare l’unica soluzione che nell’immediato potrebbe ridurre i disagi dei pendolari. “La sostituzione con bus di alcune corse nella fascia oraria di morbida permetterà di recuperare materiale rotabile e personale, in modo da ridurre sensibilmente le soppressioni e aumentare l’indice di puntualità, con lo scopo di tutelare maggiormente le corse dei pendolari. La rimodulazione del servizio riguarderà solo l’1% dell’utenza nei giorni feriali, lasciando invariato il numero di corse nelle ore di punta. L’obiettivo è appunto concentrare treni e personale nelle fasce orarie frequentate dai pendolari, per migliorare il servizio in attesa che venga superata l’emergenza in corso. Altre soluzioni per alleviare i disagi nel breve periodo non esistono, infatti i sindaci Pd non propongono alcunché di concreto e immediatamente applicabile. I sindaci del Pd sanno che questa è una soluzione temporanea, ma preferiscono speculare sulla pelle dei pendolari omettendo le gravi responsabilità in capo al loro partito. Regione Lombardia, socia al 50% di Trenord attraverso Fnm, ha investito 1,6 miliardi per acquistare 161 treni che entreranno in servizio, dati i tempi tecnici, dalla metà del 2020. L’altro socio di Trenord, ovvero Trenitalia (gruppo Ferrovie dello Stato), di fatto non ha mai investito nulla. A questo si aggiunge la cattiva condizione strutturale della rete gestita da Rfi, sempre del gruppo Ferrovie dello Stato. E alla carente manutenzione della rete è imputabile quasi la metà delle soppressioni. Le Ferrovie dello Stato per anni e anni sono state gestite da manager nominati dal Pd. Lo stesso Pd che quando era al governo non ha investito sul servizio ferroviario lombardo, né per acquistare nuovi treni né per efficientare la manutenzione della rete. Basti dire che la flotta conferita da Trenitalia (Fs) in Trenord ha una media di 32 anni, mentre i convogli conferiti da Regione Lombardia hanno in media 9 anni. Un dato che la dice lunga su chi ha investito, ovvero Regione Lombardia, e su chi colpevolmente non lo ha fatto, ovvero i Governi e le Fs a guida Pd. I sindaci del Pd se la prendano appunto con i Governi del loro partito, che negli anni si sono disinteressati al destino dei pendolari lombardi determinando la crisi del nostro sistema ferroviario.

Per quanto riguarda la Seregno-Carnate, in commissione regionale trasporti, l’assessore Claudia Terzi ha chiarito che non c’è mai stata alcuna intenzione di procedere alla soppressione della linea. L’obiettivo è riattivarla non appena le condizioni tecniche lo consentiranno. Su questa linea vengono temporaneamente effettuate sostituzioni con bus per recuperare materiale rotabile e personale. Attualmente sulla Seregno-Carnate viaggiano treni con 7 o 8 passeggeri, e solo una corsa, quella delle 7.07 da Carnate, supera i 40 passeggeri. Ben 11 corse trasportano meno di 10 persone ciascuna”. I sindaci della Lega lavorano al fianco del presidente Fontana e dell’assessore Terzi per gestire la situazione e cercare di risolvere i problemi.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

A Monza l’ultimo saluto al Mister Gigi Radice

Una commovente cerimonia si è svolta oggi a Monza. L'addio a un mito del calcio nazionale che ha allenato anche il nostro grande Monza.

Monza, in arrivo nuovo gruppo di migranti. Scoppia la polemica

Con la chiusura della struttura di accoglienza per richiedenti asilo di via Corelli, a Milano, sono attesi nella provincia 24 richiedenti asilo.

Grave incidente lungo la Valassina, traffico in tilt tra Briosco e Capriano

Schianto tra auto e furgone, feriti due ragazzi di 22 e 32 anni soccorsi in codice rosso. Code per chilometri in direzione Nord, rallentamenti anche lungo la carreggiata opposta

“Vengo e ti strappo la lingua”: minacce al consigliere Pd, Marco Lamperti

Solidarietà anche dai colleghi politici della Lega. Lui, Lamperti, ha denunciato. L'eventuale risarcimento verrà devoluto a alle associazioni pro rifugiati.

Desio: per un ospedale più sicuro e fruibile. Regione finanzia 7,5 milioni per la riqualifica

Parte la riqualificazione dell'ospedale di Desio per rendere l'azienda ospedaliera più fruibile e sicura