20 Ottobre 2019 Segnala una notizia
Monza, Istituto Olivetti: bilancio di fine anno e obiettivi ambiziosi 2019

Monza, Istituto Olivetti: bilancio di fine anno e obiettivi ambiziosi 2019

18 Dicembre 2018

Tanto è stato fatto, ma forse ancor di più resta da fare. La strada è ancora lunga. E procedere nella direzione giusta non è facile né scontato. Questa la sintesi della situazione attuale dell’Istituto professionale statale per i servizi dell’enogastronomia e commerciali “Adriano Olivetti”  di Monza. La conferma, tra punti di forza e cose da migliorare, progetti ben avviati come il Ristorante Didattico “Olivettando” e difficoltà da superare, arriva recentemente anche da Eduscopio, la classifica delle migliori scuole superiori d’Italia.

“I dati pubblicati vanno confrontati con i nostri diretti competitor, ovvero con gli istituti alberghieri della provincia di Monza e Brianza, il Collegio Ballerini di Seregno e il Don Carlo Gnocchi di Carate Brianza e di Milano – afferma, senza reticenze, la dirigente dell’Olivetti, Renata Antonietta Cumino (la prima a sinistra nella foto in basso) – sia per l’indice di occupazione dei diplomati che per la coerenza tra studi fatti e lavoro risultiamo terzi su tre istituti del nostro territorio. Ciò significa – continua – che dobbiamo migliorare le esperienze di alternanza scuola lavoro che hanno come diretta conseguenza l’occupabilità dopo il diploma nel settore nel quale sono stati condotti gli studi”.

Tra gli aspetti che l’Olivetti, 1.300 studenti tra corso diurno e serale di cui circa un quinto stranieri, dovrà intensificare c’è la necessità di nuovi spazi. “Ne abbiamo bisogno per i laboratori, per accogliere i genitori e migliorare la didattica rendendola più adeguata ai ritmi di apprendimento degli studenti” specifica la Cumino.

Più in generale è l’immagine pubblica dell’Istituto di via Lecco che deve cambiare. I 4 Open Day, l’ultimo è in programma sabato 12 gennaio, e i mini stage durante la settimana (clicca per saperne di più) sembrano andare verso questa direzione. “La difficoltà è vedersi ancorati all’immagine di istituto professionale destinato a chi non vuole studiare – ammette la Dirigente scolastica – occorre, pertanto, che le attività di orientamento promosse dai docenti della scuola media modifichino il loro giudizio su questa tipologia di istituto”.

Il quadro, comunque, non è così fosco come può apparire. Di basi solide e positive, per l’Olivetti, ce ne sono. E i semi già gettati nel terreno della formazione sono più di una speranza. “I nostri punti di forza sono l’accoglienza e l’attenzione nei confronti di studenti in difficoltà, dai disabili agli stranieri fino a chi ha un basso contesto culturale (leggi l’articolo) – spiega la Cumino – abbiamo, inoltre, un numeroso e “agguerrito” gruppo di docenti che credono nella scuola e vogliono farla crescere”.

Olivettando

L'atmosfera accogliente del nostro ristorante didattico, tutta in un video….

Публикувахте от Olivetti Monza в Сряда, 7 ноември 2018 г.

Poi c’è il Ristorante Didattico, nato ufficialmente il 16 marzo 2017 e gestito dagli studenti dell’istituto professionale di Monza, che, come una vera e propria azienda, mette i giovani allievi alla prova con un bilancio e relativi registri di contabilità, di magazzino e di acquisto. E, soprattutto, li pone a contatto diretto con una clientela esterna pagante.

“Il Ristorante Didattico prosegue il suo percorso, a mezzogiorno ha consolidato la sua clientela e alla sera, quando si propongono percorsi tematici, come la serata Slow Food o eventi riservati ad associazioni/aziende (vedi qui), i risultati sono ottimi – afferma la Dirigente scolastica – occorre promuovere ulteriormente la proposta perché davvero ancora tanti la ignorano”. Della serie, le cose positive non bisogna soltanto saperle fare, ma bisogna anche essere in grado di farle arrivare agli altri.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Feste, eventi culturali e sportivi... ecco la nostra selezione di eventi!

Biassono: incidente a San Giorgio, traffico in tilt

Incidente tra due auto a Biassono, vicino alle mura del parco. A San Giorgio le due vetture che si sono scontrate hanno completamente bloccato il traffico.

“City Booming” a Monza: 7 milioni di mattoncini Lego per la città più grande del mondo

Una metropoli colorata, riprodotta nei minimi particolari, dove in ogni angolo c’è una storia da raccontare e qualche aneddoto da scoprire.

Lissone, tutti contro tutti per i parcheggi a pagamento. Continua la polemica per la “zona rossa”

E' ancora polemica per le strisce blu in centro a Lissone. Codacons: "Provvedimento lesivo, manderemo una diffida al comune"

Arcore: 62enne aggredita alle spalle e derubata da due sconosciuti

Donna di 62 anni aggredita e scippata all'interno del cimitero comunale di Arcore. Indagini dei Carabinieri in corso.