20 Settembre 2019 Segnala una notizia
Il Comune agli studenti del Frisi: “Presto nuove stazioni di bike sharing, no a meno parcheggi”

Il Comune agli studenti del Frisi: “Presto nuove stazioni di bike sharing, no a meno parcheggi”

5 Dicembre 2018

Siamo quasi in inverno. Ma il sole che fa capolino in questi giorni, in un cielo non privo di nuvole, convince ancora molti a prendere la bicicletta. E, allora, probabilmente farà piacere sapere a tutti quelli che vogliono o devono salire sulle due ruote, nonostante le temperature inizino a farsi rigide, che a Monza arriveranno presto 7 nuove stazioni di bike sharing. Che, entro la fine di quest’anno o al massimo Gennaio 2019, si aggiungeranno alle altrettante già presenti in città da due anni e mezzo (qui le info).

“Nelle prossime settimane arriveranno nuove stazioni in punti privilegiati della città e vicino alle scuole perché abbiamo intenzione di rendere il servizio di bike sharing quanto più capillare possibile, altrimenti non ha senso di esistere – annuncia Federico Arena, assessore comunale alla Sicurezza, Mobilità, Viabilità e Polizia locale – saranno posizionate, ad esempio, vicino al Centro civico San Fruttuoso, la Chiesa di San Rocco, a San Biagio, ma anche vicino al Polo istituzionale, all’Istituto Mapelli e al Liceo Porta”.

Possono essere solo parzialmente contenti gli studenti Liceo Scientifico “Paolo Frisi”, che, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, lo scorso maggio hanno presentato il progetto “Mbc-Monza the bike city” (leggi l’articolo).

La proposta, seguita dall’azienda H3 srl e dallo studio Stefano Boeri Architetti e rilanciata proprio in questi giorni, prevede, tra le altre cose, mezzi di bike sharing riservati agli studenti, il riadattamento delle tariffe con agevolazioni e una stazione di bike sharing in via Pellettier, cioè nei pressi del polo scolastico Frisi, Hesemberger e Mosè Bianchi. Una zona, secondo gli studenti dell’attuale 5A dello storico Liceo monzese, che dovrebbe essere interessata, come altre nel capoluogo della Brianza, anche da piste ciclabili più integrate e dalla riorganizzazione dei parcheggi delle auto. Fronti sui quali l’amministrazione di Piazza Trento e Trieste, guidata dal sindaco Dario Allevi, mostra priorità di intervento non coincidenti con le idee degli studenti.

Nonostante le differenze di opinione, la recentissima notizia dei 75mila assegnati da Regione Lombardia a Monza per progetti di sviluppo e messa in sicurezza delle piste ciclabili potrebbe mettere il buon umore un po’ tutti. “Questi soldi, che dovrebbero essere disponibili dall’anno prossimo, ci permetteranno di congiungere tronconi di piste ciclabili, in modo da collegare, in pratica, Bettola alla Villa Reale – assicura Arena – potremo, infatti, intervenire in via Borgazzi, ma anche in via Aquileia, via Campania e via Montesanto”. Dovrebbe essere riavviato, coinvolgendo viale delle Industrie, anche l’iter della cosiddetta pista ciclabile “Brumosa” fra Monza e Brugherio, che ha subito qualche stop di troppo (vedi l’approfondimento).

Se sulle piste ciclabili l’orientamento del Comune soddisfa, comunque, la richiesta degli allievi del Frisi di aumentare i 30 chilometri riservati alle due ruote attualmente presenti a Monza, c’è una totale discordanza sui parcheggi per le auto. Che, secondo gli studenti del Liceo scientifico, sono troppi in città. E, soprattutto nei pressi del polo scolastico Frisi, Hesemberger e Mosè Bianchi, potrebbero essere in parte sacrificati per far posto alla pista ciclabile. Di parere completamente diverso Piazza Trento e Trieste.

“E’ un’ipotesi che non mi vede d’accordo – afferma l’assessore comunale alla Sicurezza, Mobilità, Viabilità e Polizia locale – non è questo il momento di tagliare i parcheggi, non credo agli incentivi attraverso disincentivi. Semmai un domani, quando la metropolitana arriverà a Monza, si potrà pensare ad una scelta di questo tipo”.

In  attesa di capire se a Monza il bike sharing possa assumere i connotati del free floating, cioè la possibilità, grazie ad un app sul telefonino di prelevare il mezzo a due ruote, usarlo e lasciarlo dove si vuole in città (leggi l’articolo), Arena si mostra deciso anche sulla polemica di questi giorni, condotta dall’associazione Monza in Bici, contro le barriere alternate installate lungo la pista ciclabile di via Regina Margherita (vedi qui).

“Non capisco come si possa essere contrari ad un provvedimento che punta a salvaguardare la sicurezza di chi va in bici dove ci sono possibili e pericolosi incroci con auto – spiega Arena – per fortuna anche i commenti su Facebook ci dicono che gli utenti sono d’accordo. Interverremo con altri provvedimenti simili qualora ce ne fosse la necessità”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Agrate Brianza, camion si ribalta in A4: traffico in tilt

L'incidente intorno alle 7 di venerdì 20 settembre: il camion ha occupato di traverso due corsie, causando code e rallentamenti

Desio, 32enne precipita dall’ecomostro di via Volta: gravissima

Ancora in corso la ricostruzione di quanto accaduto, che riporta alla luce la questione relativa alla sicurezza dell'area

Consumo di suolo, la Brianza in pole. Lissone tra i peggiori d’Italia

Il consumo di suolo in Italia nel 2018 non si è arrestato, anzi. E la provincia di Monza e Brianza rimane la pecora nera nel nostro paese. Ecco i nuovi dati del rapporto Ispra 2019.

Monza, il Comitato Verga inaugura il primo Giardino della Sport Therapy in Italia

Questa palestra all'aria aperta, realizzata grazie ad un concorso di progettazione green e ad una molteplicità di soggetti, aiuterà i piccoli malati a guarire prima e con minori conseguenze psico-fisiche.

Si ferma per prestare soccorso e viene minacciato con un coltello

Brutta esperienza per un uomo di passaggio ad Arcore, nella notte tra giovedì 19 e venerdì 20 settembre