11 dicembre 2018 Segnala una notizia
Green Cash compie un anno, a Seregno l’usato elettronico che tira

Green Cash compie un anno, a Seregno l’usato elettronico che tira

3 dicembre 2018

Il primo anno di vita è una ricorrenza da festeggiare. Per un bambino neonato è il tempo in cui cominciare a prendere confidenza con il mondo e assorbire, come una spugna, tutti gli stimoli esterni. Dalle persone alle cose, il discorso può essere simile per una nuova attività aziendale. Perché in fondo a portarla avanti sono sempre esseri umani in carne ed ossa. Come Andrea e Massimo, dal Novembre 2017 giovani titolari di Green Cash, negozio di Seregno, che valuta, acquista subito in contanti e rivende articoli elettronici usati, con garanzia almeno di 60 giorni (leggi l’articolo). Una scommessa di cui, dopo un anno di vita, si può fare un primo bilancio.

“Eccoci qui a festeggiare il nostro primo anno di attività, il primo piccolo/grande traguardo del nostro Green Cash, raggiunto attraverso il duro lavoro e il coraggio di superare le naturali difficoltà che incontra un’attività appena aperta – affermano Andrea e Massimo, 30enni di Gallarate, in provincia di Varese, con 10 anni alle spalle di esperienza nel settore della tecnologia – non ci vogliamo fermare qui, ora il nostro obbiettivo è farci conoscere sempre di più sul territorio, sia di Seregno sia nei Comuni limitrofi”.

I numeri di Green Cash, il cui slogan, semplice e chiaro, è Riusa, ricicla, riscuoti, confermano un andamento positivo. “Fino ad ora abbiamo acquistato quasi 10.000 articoli usati e ne abbiamo rivenduti all’incirca 6000 con 800 clienti registrati – spiegano i titolari – la risposta della clientela è stata molto positiva, molte volte ci troviamo ad avere una domanda maggiore rispetto alla nostra disponibilità di magazzino, per questo vorremmo invitare tutte le persone che non ci conoscono, se hanno qualcosa da vendere, a passare da noi per avere una valutazione gratuita dei loro articoli”. E, in questa direzione, anche l’e-commerce, settore costantemente in crescita in Italia, sta facendo la sua parte.

“Per quanto riguarda il mercato on line, in cui siamo presenti da circa 6 mesi, abbiamo venduto 2600 articoli con un feedback positivo di più di 500 persone – sostengono – molti si affidano a noi per vendere i loro prodotti perché non hanno tempo di vendere su Internet i loro oggetti o sono stufi di trattative infinite basate sul chi offre di meno”. Green Cash, che sorge in un ex centro scommesse, completamente rimesso a posto, copre un po’ tutto l’arco di ciò che è considerato tecnologico. Dalle fotocamere ai personal computer, dagli I-phone agli smartphone, dagli strumenti musicali ai vinili e agli impianti audio. Senza dimenticare console, videogames, tablet, lp, cd e dvd.

“Stiamo vendendo un po’ di tutto, ma gli articoli che hanno più successo sono gli smartphone, i pc e gli impianti audio anni ’70 e ’80 – sostengono Andrea e Massimo – i clienti sono entusiasti della nostra idea di curare e presentare un prodotto usato quasi come se fosse nuovo, da Green Cash possiamo soddisfare davvero tutte le fasce di età”. Green Cash, per promuovere la sua attività, cura anche l’aspetto della comunicazione digitale. “Oltre al sito abbiamo anche una pagina Facebook – spiegano i giovani titolari – fino ad ora ha raccolto 3mila like e più di 50 commenti positivi”.

L’obbiettivo, su cui il negozio di articoli elettronici ha deciso di puntare anche nel prossimo futuro, è quello di riportare la trattativa commerciale al face-to face, al rapporto di fiducia che si crea quando ci si incontra di persona. “Il nostro obbiettivo è quello di aprire una seconda realtà, quindi vorremmo invitare chi fosse interessato ad una collaborazione a contattarci o a passare in negozio per conoscere il nostro mondo” annunciano.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

A Monza l’ultimo saluto al Mister Gigi Radice

Una commovente cerimonia si è svolta oggi a Monza. L'addio a un mito del calcio nazionale che ha allenato anche il nostro grande Monza.

Monza, in arrivo nuovo gruppo di migranti. Scoppia la polemica

Con la chiusura della struttura di accoglienza per richiedenti asilo di via Corelli, a Milano, sono attesi nella provincia 24 richiedenti asilo.

Grave incidente lungo la Valassina, traffico in tilt tra Briosco e Capriano

Schianto tra auto e furgone, feriti due ragazzi di 22 e 32 anni soccorsi in codice rosso. Code per chilometri in direzione Nord, rallentamenti anche lungo la carreggiata opposta

“Vengo e ti strappo la lingua”: minacce al consigliere Pd, Marco Lamperti

Solidarietà anche dai colleghi politici della Lega. Lui, Lamperti, ha denunciato. L'eventuale risarcimento verrà devoluto a alle associazioni pro rifugiati.

Desio: per un ospedale più sicuro e fruibile. Regione finanzia 7,5 milioni per la riqualifica

Parte la riqualificazione dell'ospedale di Desio per rendere l'azienda ospedaliera più fruibile e sicura