02 Agosto 2021 Segnala una notizia
Chiusura stazione Ceriano-Groane: tossici a spasso sui binari. Il sindaco scrive al Prefetto

Chiusura stazione Ceriano-Groane: tossici a spasso sui binari. Il sindaco scrive al Prefetto

13 Dicembre 2018

Continua senza sosta la lotta del sindaco di Ceriano Laghetto nei confronti dei pusher che invadono il parco delle Groane. Da lunedì si è concretizzato il suo timore. Con l’entrata in vigore del nuovo orario e l’associata chiusura da parte di Trenord della stazione Ceriano-Groane volto a ridurre i disagi per i pendolari tagliando corse e fermate, gli unici rimasti a utilizzare quegli spazi, inaugurati anche pochi anni fa, sono rimasti pusher e spacciatori.

Una situazione d’allarme che il primo cittadino aveva già annunciato settimana scorsa, scrivendo prima una lettere a Trenord e poi una al prefetto di Monza, Giovanna Vilasi. Andata a vuoto la prima, Cattaneo ha preso nuovamente carta e penna e ne ha scritta una seconda, sempre indirizzata al prefetto.

“SITUAZIONE PERICOLOSA”

Il documento è stato spedito dal sindaco al prefetto lunedì pomeriggio, quando “il rischio paventato si è trasformato in realtà – spiega il primo cittadino -. Da lunedì, infatti, molti hanno potuto assistere al passaggio di decine di persone che, a piedi, lungo i binari della linea ferroviaria, dalla fermata di Ceriano-Solaro, a pochi passi dal centro cittadino di Ceriano, cercavano di raggiungere l’altra stazione, quella di Ceriano-Groane, che dà accesso diretto a quello che è diventato tristemente famoso come il “bosco della droga”. Una situazione molto pericolosacontinua Cattaneo – e che ha già creato diversi disagi alla circolazione dei treni, che lunedì è rimasta rallentata, proprio a causa della presenza di persone lungo la sede ferroviaria. Sono intervenuti Polizia Locale e guardie giurate in servizio per Trenord, cercando di allontanare le persone dai binari ma in un episodio si è anche sfiorata l’aggressione”.

LA RICHIESTA

Di qui la nuova presa di posizione del sindaco Dante Cattaneo, che rilancia la richiesta già formulata venerdì, ovvero spostare la pattuglia dell’Esercito, in servizio in maniera alternata da qualche settimana, mantenendola fissa sulla stazione di Ceriano-Solaro, nuovo punto di “sbarco” di decine di disperati tossicodipendenti provenienti da mezza Lombardia in cerca di droga facile nel bosco.

LA LETTERA

“Egregio sig. Prefetto – scrive Cattaneo dopo aver illustrato i fatti occorsi lunedì – questo è quanto accaduto il primo giorno e va ad aggiungersi alle numerose lamentele e proteste dei pendolari che si vedono di fatto “scippati” della loro fermata e costretti ad ulteriori disagi, così come i cittadini per la presenza di soggetti fuori controllo che vagano tra ferrovia e strade locali per raggiungere i luoghi dello spaccio”.

Dura la conclusione del sindaco cerianese: “Dobbiamo intervenire prima che la situazione degeneri e sfugga al controllo creando situazioni di grave pericolo per l’incolumità delle persone. Inviterei tutti a non ripetere gli errori di sottovalutazione commessi in passato, che hanno portato alla situazione attuale, nella quale si trova addirittura una intera linea ferroviaria di fatto sotto il ricatto di spacciatori e tossicodipendenti”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi