13 novembre 2018 Segnala una notizia
Monza, Pd al voto: Beretta e Raimondi si sfidano per la segreteria cittadina

Monza, Pd al voto: Beretta e Raimondi si sfidano per la segreteria cittadina

9 novembre 2018

Partito Democratico di Monza alle urne. Il 18 novembre si voterà per eleggere il nuovo segretario cittadino. I candidati sono Matteo Raimondi e Francesco Maria Beretta. L’elezione del segretario regionale sarà invece aperta a tutti i cittadini.

Il gruppo che presenta la candidatura di Francesco Beretta alla segreteria dell’Unione Comunale di Monza è composto da persone con biografie politiche diverse. Esponenti di diverse nazionalità, che provengono dai partiti che diedero vita al PD, che giungono da altre esperienze politiche e, infine, che militano nel PD come prima esperienza politica. Tutti però animati dal desiderio di riscoprire la politica nella sua forma più alta.

“Una politica autorevole, credibile, non auto referenziata, sobria, rigorosa, trasparente, lontana da tatticismi e giochi di potere” questo è quanto Beretta spiega nel suo programma.

A “guidare” il suo team saranno l’equità, la cultura, la solidarietà, l’accoglienza, la dignità del lavoro, il rispetto della natura e delle sue risorse, la salvaguardia del patrimonio ambientale, culturale e urbano.

“Se c’è una dimensione della vita che il PD monzese ha abbandonato è quella del lavoro: nessuna conoscenza del mondo del lavoro in città, nessun dialogo con le forze produttive (siano essi sindacati, imprese, lavoratori subordinati oppure autonomi). Abbiamo solo assistito a lunghe e divisive discussioni sul Jobs Act, con contrapposte tifoserie (il peggio che possa accadere in politica), e nulla più. In questo ambito dobbiamo svolgere una riflessione sull’economia civile, sull’economia generativa, sulla responsabilità sociale d’impresa, sul lavoro come “capitale sociale” e non come costo”.

Attenzione alla cultura – “Il panorama culturale della città è giunto a livelli bassissimi: senza proposte, senza visione d’insieme, senza spostarsi dagli stessi vecchi temi, senza nessuna relazione con quello che accade, non diciamo nel mondo, ma perfino in Italia – spiega Beretta – La recente vicenda della Villa Reale, con la richiesta di apertura parziale e con la perdita del Museo della Triennale, indica quanto il comitato “La Villa Reale è anche mia” avesse ragione nel criticare le modalità con le quali il recupero del corpo centrale della Villa è stato effettuato. In ogni caso, pensiamo che in tema di Villa Reale/Parco non si possa non far riferimento alle elaborazioni del forum ad esso dedicato, ai vari incontri che lo stesso ha organizzato, al recente festival del Parco. Un’esperienza che può essere ripetuta e ampliata anche con un festival del teatro all’aperto”.

Vicino ai cittadini – A intervalli periodici, Beretta organizzerà gazebi tematici monografici su temi locali e nazionali con lo scopo di essere presenti in città al di là delle scadenze elettorali.

“Orgogliosamente democratici”: così si definisce Matteo Raimondi, che ha deciso di mettersi in gioco. “E’ un momento difficile e penso che questi siano i momenti che ci mettono alla prova: possiamo scegliere di essere protagonisti e dare il nostro contributo, oppure sederci e vedere come andrà a finire. Io scelgo di dare il mio contributo. Ho la fortuna di lavorare con uno splendido gruppo di persone, con cui sto collaborando per la stesura della mozione congressuale. A questi democratici, a questi rappresentanti del popolo del PD devo molto in termini di stima, affetto, impegno profuso, lavoro svolto e dose di follia che spinge tutti loro a sostenermi. Ed intendo restituire molto. Restituire in termini di impegno e dedizione nei confronti della comunità democratica monzese”.

Tornare ad ascoltare i cittadini e raccontare il progetto del Pd: “Il 2017 ha segnato una svolta decisamente negativa per la nostra città. Abbiamo permesso che la destra ottenesse il consenso necessario per andare al governo di Monza. Dopo cinque anni di buon governo della città abbiamo perso le elezioni. Non voglio riaprire un’analisi della sconfitta, penso non sia questa la sede, tuttavia dobbiamo prendere atto di questo ruolo di opposizione che ricopriamo e non perderci d’animo. Abbiamo governato Monza per cinque anni, sicuramente commettendo errori, ma sapendo anche cosa fosse necessario. Facciamo un’opposizione vera, dura quando c’è da colpire forte, ma anche propositiva soprattutto fra i molti buchi lasciati dalla destra. Sviluppiamo meglio la collaborazione e la connessione con il Gruppo Consiliare che in Aula ci rappresenta e contribuisce a dare sostanza e corpo alle proposte del PD di Monza”.

Come declinare la proposta politica del PD monzese per la città? “In questi mesi sono molti gli spunti emersi, molti altri sono i buchi lasciati dall’attuale Amministrazione. Penso che il Partito Democratico debba tornare a proporre un modello di città seguendo ciò che sotto le giunte Faglia, prima e Scanagatti, poi, avevamo già delineato: una città europea, attrattiva, e viva. Dobbiamo mettere in campo tutte le nostre energie per disegnare Monza come città verde, attenta al benessere dei propri cittadini, una città che non lasci indietro gli ultimi, una città che sappia essere polo culturale e sede di grandi eventi. Una città che non viva all’ombra di Milano, ma che sappia essere capoluogo di quella terra operosa che è la Brianza. La cultura, così come le politiche sociali e l’attenzione all’ambiente e al verde, devono essere elementi caratterizzanti del nostro partito”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Ritrovato il ragazzo scomparso: immigrato lo aiuta. Era a Roma

E' stato ritrovato a Roma, Reda Kaoutari, il 15enne scomparso il 23 ottobre scorso. A segnalare la sua presenza nella capitale un uomo di origini marocchine.

Villasanta, infortunio sul lavoro: operaio ferito portato in ospedale

Ferito ad un braccio un dipendente della Alimeco. Sul posto con la massima urgenza gli uomini del 118.

Agguato alla prof del Floriani: il cerchio si stringe su due studenti

Dopo lunghe e approfondite indagini, a due settimane dal fattaccio, sarebbero state individuate in due studenti le responsabilità del gesto che ha portato la scuola alla ribalta della cronaca nazionale

Capannone trasformato in discarica abusiva alle porte della Brianza

La scoperta è del NOE dei Carabinieri di Milano: una vera montagna di spazzatura (60 tonnellate) composta in particolare da materie plastiche che avrebbe potuto essere data alle fiamme

Negozi storici, 1.427 in Lombardia. Ecco i “pionieri” della Brianza

Sono 18 mila in Lombardia, il 2,2% di tutte le imprese, rispetto al 1,2% in Italia. Sono concentrate a Milano e Monza con circa 10 mila.