21 Ottobre 2021 Segnala una notizia
Monza, il sottopasso pedonale di via Boccaccio ha bisogno di luce

Monza, il sottopasso pedonale di via Boccaccio ha bisogno di luce

19 Novembre 2018

Più che un sottopasso, sembra un tunnel della paura. Parola di consgiliere comunale. L’esponente del Pd, Francesca Pontani, ha presentato in consiglio comunale un’interrogazione per chiedere chiarimenti su quale siano le intenzioni della giunta in relazione ai sottopassi pedonali di via Boccaccio, quelli che collegano i Giardini ai Boschetti reali.

Le loro condizioni, in modo particolare quelle legate al buon funzionamento dell’impianto elettrico, sono pessime. Degrado a livelli alti. Così alti che da qualche giorno a questa parte, con l’autunno oramai pienamente posizionato e le giornate sempre più corte, hanno paura a percorrerli anche gli studenti del Liceo Artistico.

Il consigliere Pontani ha messo l’accento sulla necessiti effettuare quanto prima un intervento di sistemazione dei sottopassi e dell’impianto. “E’ dallo scorso aprile che l’impianto è fuori servizio – ha commentato il consigliere Pd -. Sarebbe il caso di intervenire per effettuare le dovute riparazioni e sostituzioni. Adesso la situazione è inquietante”.

Non è la prima volta che i Boschetti reali finiscono sulle pagine della cronaca cittadina. Da anni, infatti, sono uno dei punti caldi dello spaccio di droga monzese e le mamme della zona lottano per riportare l’area a misura di bambino. Per il momento sono riuscite a ottenere il via libera per allestire un’area giochi che faccia da deterrente a tossici e sbandati.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi