26 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Monza, ciclabili da rimettere in pista. La questione approda in consiglio

Monza, ciclabili da rimettere in pista. La questione approda in consiglio

7 Novembre 2018

Sporche, con un sistema di segnaletica poco chiaro, strutturate a “spezzatino”: le ciclabili di Monza non versano in buone condizioni. Come rimetterle in pista? Il sistema di mobilità dolce ha fatto “una volata” nel corso del consiglio comunale di ieri, 5 novembre, quando il consigliere del Pd Pietro Zonca ha chiesto chiarimenti alla Giunta sul tipo di provvedimenti che si intende adottare per migliorare la situazione.

“Le piste ciclabili si presentano a spezzoni, in particolare quelle che percorrono il canale Villoresi. Manca la  manutenzione, spesso sono invase dalla sporcizia evidente. – ha spiegato Zonca – In via Adigrat, ad esempio, parte della ciclabile è transennata perché crollata”.

La giunta ha risposto all’interrogazione sotto molteplici aspetti.

Nel 2018 è stata segnalata solo una criticità in via della Taccona, il 5 luglio scorso – ha commentato l’assessore all’Urbanistica, Martina Sassoli – In quella occasione abbiamo dato seguito immediatamente alla segnalazione risolvendo il problema. Le fasi della pulizia si divide in due periodi: in autunno avviene con cadenza quindicinale, negli altri mesi con cadenza settimanale. E’ stata poi predisposta l’installazione di nuovi cestini proprio sulla ciclabile del Villoresi”.

Zona monitorata e sequestro di droga – “Ovviamente non può esserci un vigile ogni 100 metri della ciclabile – ha aggiunto l’assessore alla Sicurezza, Federico Arena – è però una zona sotto controllo e nei giorni scorsi sono state rinvenute e sequestrate delle sostanze stupefacenti occultate”.

E per quanto riguarda la manutenzione? “Non esiste una voce specifica nel bilancio dedicata alla manutenzione delle piste ciclabili – ha sottolineato il vice sindaco, Simone Villa –  Sono degli interventi che vengono inclusi nei grossi capitoli di manutenzione ordinaria e straordinaria della città. La particolarità di quelle che costeggiano il canale villoresi è la loro classificazione: questo perché non hanno un contesto normativo che le regola”.

L’Amministrazione precedente si era prodigata nel chiedere al Consorzio Ticino est Villoresi di prendersi in carico la manutenzione di tutti questi tratti. Una soluzione che fa titubare l’attuale Giunta. “Ci troveremmo in una situazione che non ha confini ben chiari. Per inserire i tratti in oggetto nel sistema della mobilità dolce dobbiamo avere l’ambizione che la rete che abbiamo creato risponda a dei requisiti minimi uguali per tutti, così come la loro sicurezza. E’ un tema molto complesso che passa anche attraverso la creazione di una segnaletica univoca per non creare una gerarchia pedone, auto, ciclista”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Agrate, trovata positiva al Coronavirus dipendente di un’azienda

La donna è residente in un Comune della Martesana milanese. 

Coronavirus: bar di Carate Brianza infrange il “coprifuoco” e resta aperto dopo le 18.00

Non rispetta l’orario di chiusura imposto dalle misure anti Covid-19. I Carabinieri chiudono il bar a Carate Brianza.

Coronavirus: furto al Famila di Nova Milanese? La testimonianza

Almeno secondo i dipendenti del supermercato in via Brodolini. "Non era un anziano e non sappiamo con certezza se abbia realmente rubato. Lo starnuto? Forse c'è stato, forse no: ma non rimandiamo tutto al Coronavirus".

Lissone shock: dalle sterpaglie spunta il cadavere di un 38enne

Trovato cadavere di un uomo di 38 anni tra le sterpaglie di via Toti in frazione Bareggia di Lissone. Indagini in corso per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Enpa scrive ad Amazon: rimuovete dal catalogo gli stivaletti antigraffio per gatti

"Il tuo gatto si fa le unghie sui mobili o sui tappeti? Nessun problema: basta chiudere le sue zampe ben strette in appositi cilindri di silicone e così i tuoi arredi saranno al sicuro". ENPA non ci sta, scatta la segnalazione ad Amazon.