14 dicembre 2018 Segnala una notizia
Giornata contro la violenza sulle donne: a Seregno il flash mob per dire "basta"

Giornata contro la violenza sulle donne: a Seregno il flash mob per dire “basta”

26 novembre 2018

“C’è bisogno di una comunità che sappia tessere relazioni per non lasciare solo chi ha bisogno di aiuto”. A dirlo è stato il primo cittadino Alberto Rossidurante la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Una giornata, che però, non si è limitata a fare della solidarietà, ma che è iniziata con un flash mob per sensibilizzare l’opinione pubblica e si è conclusa con l’apertura del nuovo sportello antiviolenza.

Il primo cittadino assieme alle componenti di Le fate stralunate

È successo ieri, a Seregno, domenica 25 novembre. È stata la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Quella presentata è una realtà drammatica. Cruda e crudele. Un fenomeno, ancora molto diffuso, che solo durante il 2018, in Italia ha causato 32 femminicidi. Dati allarmanti, certo. Ma, a tal proposito, il Comune è sceso in prima linea. E nel farlo, quella scelta è stata una location dal nome non casuale. È in piazza della Libertà, infatti, che grazie al sostegno dell’amministrazione, l’associazione culturale “Le fate stralunate”  ha potuto organizzare il proprio flash mob. Un evento, questo, che ha lanciato un monito ben preciso. “Mai sole”. Questo il loro grido di battaglia “per far capire alle donne – spiegano le organizzatrici – che esistono dei servizi in grado di ascoltarle e aiutarle ad uscire della violenza subita”. 

“La violenza – chiosano – è un fatto che riguarda tutti e bisogna sapere che è possibile chiedere aiuto e contare su una rete di protezione”. Questi, quindi, gli intenti del flash mob che, iniziato alle 10, ha visto un crescendo di pubblico. Una piazza, si è detto, con al suo centro delle donne, le protagoniste del flash mob. Uno spazio, d’improvviso, è divento teatro. Il teatro della crudeltà. Ad andare in scena sono state storie vere, quelle raccontate dalle organizzatrici dell’evento. Storie di violenza, in cui le 4 protagoniste sono state “amate” – le virgolette sono d’obbligo – e poi uccise. Uccise dalla violenza di uomo, che le vedeva come oggetti. Attrici di ieri. Attrici di oggi. Donne per sempre. Un giorno, del resto, non dovrebbe bastare per togliere voce alla violenza. Il 25 novembre è sempre. Un dato di fatto che l’amministrazione locale, l’associazione culturale e CADOM Monza conoscono bene.

LO SPORTELLO ANTIVIOLENZA

Il silenzio non ha voce. Un dato concreto, che va però messo a tacere. Questo l’obiettivo del nuovo centro di via Oliveti 17 a Seregno. Inaugurato proprio durante il giorno della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, rappresenta uno sportello d’ascolto e di sostegno per combattere la violenza. Chiedere aiuto non è facile. Non sempre perlomeno. Ci vuole coraggio, ma il coraggio, a volte, fa paura. E in tal senso interviene Rete Artemide. Un’associazione che riunisce tutti i centri anti violenza del territorio e che ha spronato Cadom – Monza, realtà presente sul territorio dal ’94, ad aprire un nuovo spazio anche a Seregno. Un passo, questo, per far rete. Per dire basta. Proprio come ha paventato il primo cittadino. “C’è bisogno di una comunità che sappia tessere relazioni sociali per non lasciare solo chi ha bisogno di aiuto”, asserisce Rossi. Mai sole, per l’appunto, come recita lo slogan proposto da “Le fate stralunate”. Ma anche come chiosa l’assessore alle politiche Sociali Laura Capelli. “Apriamo spazi – asserisce – laddove l’obiettivo finale dovrebbe essere quello di chiuderli, ma proprio perché sappiamo che così non è, abbiamo impiegato le nostre energie affinché questo spazio venisse aperto. Il nostro intento – chiarisce – è quello di dare un segnale di vicinanza a questo tema e che Mai Sole, sia il nostro motto da qui in avanti”.

Un piccolo passo. “Una condivisione tra diversi Comuni, per combattere una piaga comune. Un piccolo passo – conferma il presidente di Cadom – Monza, Anna Levrero – per risolvere un grande problema”.

Il problema della paura. Quello di chiedere aiuto. Quello di denunciare il fatto. “Il lavoro sulle donne – spiega Levrero – non si fa da solo, ma si fa assieme”. Ed in tal senso, l’obiettivo di far rete è ben centrato. Con Rete Artemide. Avvocati, psicologi, carabinieri e centri di ascolto. Una grande rete, che aiuta la donna a dire mai sola. Una grande comunità che aiuta la donna a farsi forte.

Le spille con lo slogan “MAI SOLE” distribuite dal Comune

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Brugherio, sedicenne scomparso da una settimana: numerose le segnalazioni

Il ragazzo di 16 anni non fa ritorno a casa da giovedì 6 dicembre.

Monza, ponte chiuso: arrivano i primi licenziamenti e (forse) gli sgravi fiscali

A gennaio L'Ar. Te del Grano perderà un dipendente a causa della riduzione del 50% del fatturato rispetto allo scorso anno.

Di Maio annuncia la “legge Bramini” per gli imprenditori

L'imprenditore monzese che ha lottato per la sua casa dopo il fallimento vede realizzato il suo sogno.

I Club credono nel Monza di Berlusconi e crescono. Intervista a Colombo

Il Monza Club Angelo Scotti inizia a gettare i “semi” per far crescere un “campo” di luoghi di ritrovo di tifosi del Monza 1912 di calcio e dell’HRC Monza di hockey su pista.

MBNews: festa di Natale, brindisi e un bilancio dell’anno 2018

I numeri del giornale sono positivi e segnano una forte crescita: +20% di click sul sito in un anno.