23 Ottobre 2021 Segnala una notizia
Accusato di aver ucciso il vicino a processo professa la sua innocenza

Accusato di aver ucciso il vicino a processo professa la sua innocenza

29 Novembre 2018

Continua a professarsi innocente Mario Sebastiano Zaffarana, muratore 59enne di Solaro accusato di aver ucciso a coltellate il vicino di casa Michelangelo Redaelli, 54 enne disoccupato, il 22 dicembre nel suo garage in un condominio di Solaro dove entrambi vivevano. Il suo processo davanti alla Corte d’assise di Monza ha preso il via la scorsa settimana. Per difendersi ha scelto un avvocato dello studio del ministro Giulia Bongiorno. Nessuno si è però presentato alla prima udienza per rappresentare la famiglia del 54 enne. A quanto emerso dopo il delitto, a parte una sorella che vive in un’altra regione, Redaelli non aveva nessuno vicino. Secondo le indagini dei carabinieri di Desio, coordinati dal Pm Carlo Cinque, tra vittima e presunto killer le liti sarebbero state frequenti, sopratutto perché Redaelli sarebbe stato solito usare l’acqua del palazzo per lavare la sua auto in garage. È lì che il suo assassino lo ha raggiunto, sorpreso alle spalle e ucciso con un coltello. Sul giubbotto del 54 enne i Ris di Parma hanno trovato il dna di Zaffarana. Dopo essere andato a firmare il rogito della nuova casa dove si stava trasferendo insieme alla consorte, nonostante si stessero separando, il presunto assassino è uscito a cena con amici. Ad alcuni di loro avrebbe detto di aver tardato all’appuntamento perché nel suo palazzo era stato trovato un cadavere in un box, ma il ritrovamento del cadavere di Redaelli è avvenuto solo la mattina successiva.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi