Quantcast
Vimercate, è morta la donna di 77 anni accoltellata dal marito - MBNews
Attualità

Vimercate, è morta la donna di 77 anni accoltellata dal marito

La tragica vicenda pochi giorni dopo il dramma di Senago, dove un anziano ha ucciso la moglie gravemente malata per poi togliersi la vita.

vimercate-via-pellizzarti

È morta la donna di 77 anni accoltellata dal marito questa mattina, 1 ottobre, a Vimercate. La vittima, in arresto cardiaco già all’arrivo dei soccorsi, è stata trasportata all’Ospedale San Gerardo di Monza in condizioni disperate; i medici hanno tentato un intervento chirurgico di emergenza che però non è riuscito a salvarle la vita: troppo gravi le ferite riportate, due colpi al petto inferti con un coltello da cucina dal marito.

La vicenda si è consumata intorno alle 10 nell’appartamento dei due coniugi in via Pellizzari. L’uomo, 82 anni, dopo aver ferito la 77enne ha tentato la fuga da casa, ma si è trovato davanti la vicina di 87 anni che era accorsa per capire cosa stesse accadendo: per scappare avrebbe aggredito anche lei, procurandole una ferita alla mano con cui si è coperta il volto per proteggersi.

È stato proprio il figlio della vicina a dare l’allarme. Sul posto sono giunti i Carabinieri della Compagnia di Vimercate e i soccorsi. I militari si sono messi sulle tracce dell’uomo, trovato poco dopo e accompagnato in caserma. I medici, invece, hanno subito soccorso la moglie, riuscendo a rianimarla: trasportata in codice rosso all’ospedale, è però deceduta poco dopo.

Non è ancora chiaro cosa abbia scatenato la furia omicida dell’82enne che al momento si trova in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario. Sul caso stanno indagando i Carabinieri di Vimercate.

L’episodio di questa mattina arriva dopo quello che già nel weekend ha visto protagonisti due anziani coniugi: sabato 29 settembre, infatti, a Senago, un uomo ha ucciso l’anziana moglie gravemente malata con un colpo di pistola per poi suicidarsi. In quel caso, con un biglietto l’uomo ha spiegato di non essere più in grado di sostenere la malattia della donna.