Quantcast
Monza, i residenti via Boscherona: "Ok nuova viabilità, da valutare gli effetti" - MBNews
Attualità

Monza, i residenti via Boscherona: “Ok nuova viabilità, da valutare gli effetti”

Dopo i dossi anti velocità, è arrivato il senso unico in via Tagliamento. Il Comitato di residenti esprime soddisfazione, ma ora si aspetta conseguenti miglioramenti anche sul degrado della zona.

boscherona-mb (Copia) (Copia)

Viabilità, terreni privati, blocchi di cemento. Le ultime novità alla Boscherona, quartiere a nord di Monza, a due passi dalla Villa Reale, corrono su questi tre fronti principali. Proprio quelli per i quali il Comitato di residenti, dopo gli incontri avuti nell’ultimo anno con il Comune, in particolare con l’assessore comunale alla Sicurezza, Mobilità, Viabilità e Polizia locale, Federico Arena, e con  il vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici, alle Strade, al Verde e alle piccole cose, Simone Villa (clicca qui), sembra aver ottenuto riscontri concreti. Anche se le polemiche e i malumori da parte di alcuni abitanti di via della Boscherona, come quasi sempre capita in casi come questi, non mancano.

Del resto, soprattutto per la viabilità, i cambiamenti in quest’ampia area di Monza, oggetto da tempo di diverse problematiche, dal degrado ambientale alla mancanza di sicurezza stradale e ciclopedonale, dalla prostituzione fino allo spaccio di droga e alla presenza abusiva di nomadi, sono più decisi e impattanti. Via Tagliamento, infatti, è stata trasformata in senso unico, con la necessità di girare a sinistra verso l’Auchan in uscita da via della Boscherona e la conseguente creazione di parcheggi anche nella via Monte Generoso. Una modifica che, per alcuni, comporta un allungamento del percorso verso il centro di Monza o  Milano. E i cui effetti si devono ancora mostrare nella loro interezza.

“Il nuovo senso di marcia in via Tagliamento, a parte l’iniziale ‘smarrimento’ nell’acquisire nuove abitudini, ha accontentato la grande maggioranza dei residenti – afferma il Comitato dei residenti – devono ancora evidenziarsi risultati tangibili sulla riduzione del traffico dei non residenti, che utilizzano queste vie secondarie , soprattutto nelle ore di punta, per abbreviare percorsi, ma anche sul riordino del traffico domenicale da parte degli utenti del parco della Boscherona, sulla probabile impossibilità di transito di camper Rom, a causa delle piccole dimensioni del ponticello, e su minori frequentazioni poco ’raccomandabili’ grazie al senso unico che non permette più vie di fuga o stazionamenti illeciti”.

Nell’attesa di conoscere gli effetti del cambiamento di marcia in via Tagliamento, dove, come in via Stradella, durante l’estate, sono stati già posti dossi per rallentare la velocità (leggi l’approfondimento), si registrano diverse violazioni alle nuove disposizioni viabilistiche. “Molti non residenti e fruitori del parco continuano, con prepotenza e aggressività, a procedere contromano rischiando frontali sull’attraversamento del ponticello del Villoresi – segnala il Comitato – teniamo monitorata la situazione, poi, se riteniamo opportuno, faremo delle considerazioni all’Assessore Arena. Sarebbe opportuna – continuano i cittadini – la presenza di pattuglie di vigili urbani o polizia che sanzionino queste trasgressioni  e, a seguito, almeno una telecamera di sorveglianza”.

Sempre sul fronte della viabilità i residenti si aspettano ulteriori interventi da parte del Comune. “Gli abitanti di via della Stradella hanno accettato scelte e compromessi, che hanno agevolato gli abitanti  delle vie limitrofe, sacrificando i loro bisogni – spiega la signora Patrizia – i residenti hanno perso ogni possibilità di parcheggio e sono molto scettici  e delusi sulla realizzazione di un passaggio pedonale lato strada, una nuova illuminazione, la creazione di posti auto, tutte cose richieste da diversi anni e che fanno di questa via, un avamposto dimenticato, pur pagando, in tasse, lo stesso costo di chi abita di  fronte al parco di Monza”.

La viabilità non è l’unica novità che riguarda la Boscherona. Sono stati, infatti, completamente rimossi i grossi blocchi di cemento, lasciati da Impregilo ed Anas durante i lavori del tunnel di viale Lombardia, che giacevano da circa 5 anni nell’area privata tra via Tagliamento e via Chienti (ecco l’articolo). La scomparsa della piramide di materiali edili potrebbe inserirsi in una più globale riqualificazione del quartiere. E, in particolare, nel recupero, anche in ottica di contrasto al degrado, della aree dismesse presenti in questa zona a nord di Monza.

“Dopo aver ricevuto raccomandata dal Comune, i proprietari di terreni in Via Stradella e nelle vie limitrofe hanno provveduto al taglio e sfalcio di piante che oscuravano lampioni e cartelli bordo strada – afferma il Comitato – cosa  che è stata sicuramente ben accetta dai residenti la cui visibilità di percorso e l’illuminazione notturna, erano pesantemente compromesse. Allo sfrondamento, però, non sempre è seguito un’accurata eliminazione periodica o stagionale di alcune piante che provocano allergie a molte persone – continua – non si è provveduto nemmeno alla disinfestazione per le zanzare, soprattutto diurne, ma ci auguriamo che questi interventi sul verde, nelle aree private, siano più costanti e routinari con il susseguirsi delle stagioni, senza doverli forzare con esposti e denunce da parte degli abitanti”.

Con l’estate ormai finita dovrebbero ridursi anche le problematiche legate all’eccessiva affluenza al Parco Boscherona e alla presenza abusiva di nomadi che, senza alcun rispetto delle normali regole di convivenza civile, alloggiano in zona con i loro camper e si tuffano perfino nel canale Villoresi (vedi qui). Quasi tutto risolto, allora, alla Boscherona? C’è da giurarci che ci saranno altri capitoli di questo romanzo che già conta numerose pagine.