17 Settembre 2019 Segnala una notizia
Monza dice addio a Franco Sar, il più grande decathleta italiano di tutti i tempi

Monza dice addio a Franco Sar, il più grande decathleta italiano di tutti i tempi

2 Ottobre 2018

Si è spento stanotte nel sonno a Monza, dove abitava da oltre tre decenni, il più grande decathleta italiano di sempre: Franco Sar. Avrebbe compiuto 85 anni il prossimo 21 dicembre.

Originario di Arborea, Comune del Campidano che nel 2015 gli ha conferito la cittadinanza onoraria per i suoi prestigiosi meriti sportivi, ma figlio di friulani trasferitosi in Sardegna per lavoro, cominciò a praticare atletica quando aveva già 19 anni. La scintilla scoccò sulla spiaggia di Punta Corru Mannu in una garetta fra amici di salto in alto, che lui vinse saltando 1,65 metri. Si tesserò dunque per la Monteponi di Iglesias e, visti gli eccellenti risultati, si trasferì in Lombardia per proseguire la carriera da atleta. A 25 anni, in previsione delle Olimpiadi di Roma del 1960, fu affidato alle cure di Sandro Calvesi, che lo condusse al sesto posto nel decathlon in una delle gare più celebri della specialità (vinta dallo statunitense Rafer Johnson sul compagno di allenamento all’Università della California di Los Angeles, il taiwanese Yang Chuan-Kwang). Sar iniziò male, con un 11″4 nei 100 metri, un 6,69 metri nel salto in lungo e un 13,89 metri nel getto del peso, misure che erano al di sotto del suo standard. Poi però saltò 1,80 metri in alto e corse i 400 metri in 51”3, chiudendo il primo giorno al 12° posto. Strepitosa fu la sua seconda giornata: 14”7 nei 110 metri a ostacoli, 49,58 metri nel lancio del disco (e 4° posto provvisorio), 3,80 metri nel salto con l’asta (suo primato personale), 55,74 metri nel lancio del giavellotto e 4’49”2 nei 1500 metri. Chiuse a 7195 punti, sufficienti per il 6° posto e il record italiano”. Partecipò anche alle Olimpiadi di Tokyo del 1964, giungendo 13°.

 

Sar svolse buona parte del suo percorso di atleta (188 centimetri di altezza per 88 chilogrammi di peso) alla Snia Milano; collezionò in carriera 9 titoli nazionali, 8 nel decathlon (ininterrottamente dal 1958 al 1965, con un primato personale di 7368 punti) e 1 nel salto con l’asta (nel 1963), oltre a 15 presenze in Nazionale assoluta tra il 1959 e il 1966. Nel palmarès, anche 9 primati italiani assoluti nel decathlon e 1 nel salto con l’asta.

Conclusa la carriera di atleta, fu impegnato a lungo come allenatore e dirigente, prima alla Snia Milano (che contribuì a fondare da direttore dell’Ufficio tecnico e che divenne la dominatrice dell’atletica italiana negli anni ’70 e ’80 con 13 scudetti vinti), poi all’Atletica 2000 (sodalizio che aveva fondato e che portò ai vertici nazionali assoluti sul finire degli anni ’90) e infine all’ABC Progetto Azzurri (di cui era attualmente vicepresidente e tecnico). Come allenatore, tra i tanti atleti cresciuti si annovera il vimercatese Fausto Frigerio, campione italiano sui 110 metri a ostacoli e nel salto in lungo a cavallo tra gli anni ’80 e ‘90.

In un’intervista rilasciata 4 anni fa ad Atletika, il webmagazine della Fidal di Milano, Sar affermava: “L’atletica è cambiata molto. Una volta era uno sport più spontaneo, fatto con la gioia di partecipare alle gare e di vincerle se possibile; adesso è uno sport che fa crescere molto non solo fisicamente, ma anche culturalmente e mentalmente; aiuta tantissimo a formare l’uomo del domani. Una volta la gente faceva atletica per emergere, ora la fa per stare meglio di salute. I ragazzi che praticano l’atletica al giorno d’oggi si danno da fare, ma manca loro di essere seguiti sotto l’aspetto tecnico. Vedo giovani praticare la disciplina dell’atletica che piace anziché quella per cui sarebbero più portati”.

I funerali si terranno dopodomani alle ore 10 nella chiesa parrocchiale San Giuseppe, in via Guerrazzi.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Articoli più letti di oggi

Juventus, arrestati 12 capi ultrà: perquizioni anche in Brianza

L'inchiesta ha portato alla luce anche una rete di biglietterie compiacenti in giro per l'Italia.

Da Varedo al festival di Venezia: Patty Acconciature cura la testa dei Vip

Patrizia Loi, titolare di Patty Acconciature spiega l'importanza della cura del cuoio capelluto

Trasfusione di sangue sbagliata: 84enne muore all’ospedale di Vimercate

Sono in corso in queste ore gli accertamenti di Regione Lombardia. Al vaglio un possibile errore umano

Monza, San Rocco: ferito alla testa e al corpo, portato d’urgenza al Niguarda

Trasportato d'urgenza al Niguarda, il 27enne, noto alla forze dell''ordine per reati legati al mondo della droga,  al momento non è in pericolo di vita.

Seregno, il sindaco: “Se sabato inaugura il centro islamico, interverremo”

C'è grande attesa per il taglio del nastro dello stabile di via Milano 3 ristrutturato.