Quantcast
Domus Aurea: l'ex magistrato Gerardo Perillo chiede il giudizio immediato - MBNews
Attualità

Domus Aurea: l’ex magistrato Gerardo Perillo chiede il giudizio immediato

Tramite una lettera scritta ai suoi avvocati fa saper della decisione presa.

tribunale-monza-ingresso-mb

Ha chiesto di essere giudicato con rito immediato Gerardo Perillo, ex magistrato e avvocato, arrestato nel maggio scorso insieme ad altre 20 persone, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Monza a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata a reati tributari e fallimentari, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e corruzione. Lo ha comunicato lo stesso Perillo per tramite dei sui legali, Maurizio Bono e Giovanni Santi Alessandrello, con una lettera.
“Egregi Avv. ti Giovanni Santi Alessandrello e Maurizio Bono, non è mia abitudine indire conferenze stampa o inviare comunicati alla stessa. Non l’ho mai fatto nemmeno quando esercitavo le funzioni di Magistrato e prima ancora di Commissario di P.S. perché ho inteso tali lavori, che ho sempre svolto con serietà professionale e dignità, come servizio.
La vicenda attuale mi impone di uscire dal mio naturale riserbo perché ho la necessità di recuperare il mio onore che è stato gravemente leso dalle accuse che mi sono state mosse. Ciò non solo per la mia persona, ma, considerato che non sono più giovane e non so quanto avrò ancora da vivere, anche per evitare di lasciare ai miei familiari, e in particolare ai miei due nipoti, la pesante eredità di un nome infangato da accuse ingiuste.
Sento, quindi, l’esigenza di chiarire nel minor tempo possibile la mia situazione e dimostrare la mia innocenza e per tali motivi, avendo piena fiducia nella Magistratura e nella Giustizia, ho deciso di chiedere il giudizio immediato”.