19 dicembre 2018 Segnala una notizia
Domus Aurea: l'ex magistrato Gerardo Perillo chiede il giudizio immediato

Domus Aurea: l’ex magistrato Gerardo Perillo chiede il giudizio immediato

12 ottobre 2018

Ha chiesto di essere giudicato con rito immediato Gerardo Perillo, ex magistrato e avvocato, arrestato nel maggio scorso insieme ad altre 20 persone, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Monza a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata a reati tributari e fallimentari, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e corruzione. Lo ha comunicato lo stesso Perillo per tramite dei sui legali, Maurizio Bono e Giovanni Santi Alessandrello, con una lettera.
“Egregi Avv. ti Giovanni Santi Alessandrello e Maurizio Bono, non è mia abitudine indire conferenze stampa o inviare comunicati alla stessa. Non l’ho mai fatto nemmeno quando esercitavo le funzioni di Magistrato e prima ancora di Commissario di P.S. perché ho inteso tali lavori, che ho sempre svolto con serietà professionale e dignità, come servizio.
La vicenda attuale mi impone di uscire dal mio naturale riserbo perché ho la necessità di recuperare il mio onore che è stato gravemente leso dalle accuse che mi sono state mosse. Ciò non solo per la mia persona, ma, considerato che non sono più giovane e non so quanto avrò ancora da vivere, anche per evitare di lasciare ai miei familiari, e in particolare ai miei due nipoti, la pesante eredità di un nome infangato da accuse ingiuste.
Sento, quindi, l’esigenza di chiarire nel minor tempo possibile la mia situazione e dimostrare la mia innocenza e per tali motivi, avendo piena fiducia nella Magistratura e nella Giustizia, ho deciso di chiedere il giudizio immediato”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza, mercoledì sera previsti fino a 5 cm di neve

Nessuna particolare criticità è prevista dalla Protezione civile. La neve arriverà domani sera.

Monza, la Provincia ci riprova con la tangenzialina dell’ospedale

Dopo avere bandito la gara d'appalto, l'ente di via Grigna sta affidando i lavori per il completamento della Sp6. Valore dell'appalto: 2,7 milioni di euro

Villa Reale, i fuochi d’artificio della festa privata fanno infuriare il sindaco

I fuochi d'artificio in Villa Reale fanno il "botto" in consiglio comunale facendo infuriare il primo cittadino, nonché presidente del Consorzio, Dario Allevi. 

Buzz avvelenato. “Come fanno ad esistere persone così perfide?”

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera. Il cane di due persone è stato avvelenato ad Oreno. "Fate attenzione quando tenete il cane in giardino"

Medicina smart al San Gerardo: in Chirurgia Toracica arriva una app dedicata ai pazienti

Si tratta del primo programma in Italia per la raccolta dati domiciliare tramite app dei pazienti trattati chirurgicamente per carcinoma polmonare.