Quantcast
Briosco: frazione di Capriano senza Poste e Bancomat - MBNews
Attualità

Briosco: frazione di Capriano senza Poste e Bancomat

Dopo un anno di disagi e lamentele, da parte dei cittadini, in Consiglio arriva la proposta per riaverli.

bancomat capriano freeweb

Dopo la chiusura della filiale dei Monti dei Paschi di Siena la frazione di Capriano, dallo scorso gennaio, ha perso il suo unico sportello di prelievo bancomat, causando non pochi disagi ai cittadini e alle realtà commerciali che si sono dovuti adeguare alla nuova – e scomoda realtà – di dover sempre raggiungere il centro di Briosco per le diverse operazioni. Una scomodità che si era andata ad aggiungere a quella causata dalla chiusura definitiva anche dell’Ufficio Postale che, insieme al problema dello sportello bancomat, aveva praticamente “tagliato fuori” Capriano.

LA PROPOSTA DEL GRUPPO RINNOVIAMO BRIOSCO

“Oltre al prelievo di contante, l’assenza di una filiale di banca o postale ha reso difficoltoso ha reso difficoltose anche altre operazioni come ad esempio il pagamento di bollette oppure le ricariche – fanno sapere i consigliere del gruppo di minoranza Rinnoviamo Briosco – per questo è importante individuare una soluzione che soddisfi i cittadini, in particolare coloro che hanno difficoltà negli spostamenti”. La proposta è arrivata anche sui banchi della giunta durante l’ultimo consiglio comunale che ha deciso di appoggiare positivamente la richiesta: “in fondo – dicono i consiglieri di minoranza – la frazione di Capriano ha un numero di abitanti non di tanto inferiore a quello di Briosco, dove però sono presenti un Ufficio Postale e ben tre sportelli bancari”.

L’idea, di riportare lo sportello bancomat a Capriano, definita “valida” anche dal sindaco Anna Casati, ora deve far fronte alla parte più pratica: il primo passo, dopo la proposta dunque, è quella di contattare le banche che già operano sul territorio brioschese per capire se la cosa è fattibile o meno. Intanto, ci sono già delle proposte su dove installare il nuovo sportello: nell’area delle scuole di via Trivulzio, dove è stato chiuso un anno fa, oppure al centro anziani di via Annoni.