18 Settembre 2020 Segnala una notizia
Tempo di vacanza, la Sardegna dei saperi e dei sapori tutti da scoprire

Tempo di vacanza, la Sardegna dei saperi e dei sapori tutti da scoprire

20 Luglio 2018

Spiagge dalla sabbia fine che competono in bellezza con le tanto rinomate Maldive. Un mare di una purezza cristallina. La natura rigogliosa ed incontaminata di un’isola che, nel corso dei millenni, ha anche saputo mantenere un sano distacco dal cosiddetto Continente. Tutto questo, ma anche molto di più, è la Sardegna. Che, con il passare degli anni, continua ad esercitare un fascino irresistibile su un numero crescente di turisti italiani e stranieri. E se una volta la Sardegna, con i suoi 2000 km di costa e spiagge sabbiose, era considerata, nell’immaginario collettivo, una meta soprattutto per ricchi imprenditori e personaggi dello star system, oggi è entrata a far parte dei desideri realizzabili anche di persone dalle tasche non così piene di denaro. Anche perché l’isola dei quattro Mori non è soltanto Porto Cervo, Porto Rotondo, Costa Smeralda e altre località esclusive, ma offre un ventaglio di possibilità ed attività da lustrarsi gli occhi.

Cose da vedere, cibi tradizionali, eventi speciali abbondano, infatti, in ogni stagione dell’anno. Dal Nord della Sardegna, dove trovate l’arcipelago della Maddalena e Sassari, fino al Sud dove sorgono Cagliari, il sito archeologico di Nora, la città più antica dell’isola, Pula e la Baia di Chia. Passando, nella parte centrale, per l’antica asprezza della Barbagia, la regione montuosa ai piedi del massiccio del Gennargentu. O per la maestosa storia dei nuraghi, le abitazioni umane preistoriche sparse in tutta l’isola. Con esempi incredibili come la tomba dei giganti di Coddu Vecchiu nei pressi di Arzachena o il nuraghe Arrubiu ad Orroli, non lontano da Cagliari.

Non solo spiagge, insomma. Anche se, su questo fronte, resta un motore di grande attrazione la bellezza di luoghi come, giusto per fare due tra i numerosi esempi, Cala Coticcio sull’isola di Caprera o il Porto Giunco a Villasimius, con il suo lungo arenile di sabbia simile ai Caraibi. La scelta migliore è quella di vagare da un capo all’altro della Sardegna alla scoperta di saperi e sapori dalle mille sfaccettature. E gustare piatti tipici e specialità della Sardegna  che, a distanza di tempo dall’averle mangiate, resteranno una memoria indelebile nel vostro palato. Parliamo dei malloreddus alla campidanese, gli gnocchi preparati con salsiccia, pomodoro e pecorino, del porceddu, il maialino da latte cotto per ore, del pane casarau, dei culurgioni, i ravioli di semola ripieni di ricotta e spinaci, della fregola, la pasta più adatta da accompagnare con il pesce, ma anche della zuppa gallurese e della pecora in cappotto.

Un insieme ricco di opportunità che rendono necessaria una guida della Sardegna tutto l’anno. Ci si potrà, così, rendere conto che questa grande isola del Mar Mediterraneo, con il suo paesaggio frastagliato, offre, non solo d’estate, più di un motivo per essere visitata. Se, infatti, la bella stagione propone, tra i suoi numerosi eventi e appuntamenti, la Sagra del Vermentino a Monti nel primo week-end di agosto e il festival “Time in Jazz di Berchidda”, fondato e diretto da Paolo Fresu, la primavera, l’autunno e l’inverno non sono da meno.

Da settembre a dicembre, infatti, si svolge “Autunno in Barbagia”, una rassegna itinerante che tra prodotti, arte e tradizioni tipiche, tocca 34 località della Sardegna interna. L’inverno, dal canto suo, è il periodo del Carnevale di Mamoiada con la sfilata dei Mamuthones e Issohadores, due figure che nascono nella notte dei tempi e si caratterizzano per le pelli di pecora nera e le impressionanti maschere. Ad Oristano, invece, il Carnevale si festeggia con una manifestazione equestre antichissima, che presenta momenti significativi come la corsa alla stella e la pariglia. A maggio, poi, la primavera regala la festa di Sant’Efisio di Cagliari, la più lunga processione religiosa italiana con i suoi 65 chilometri in 4 giorni e la cavalcata sarda di Sassari, un importante evento folkloristico con sfilate anche di carri e costumi.

Per godere del complesso spettacolo che è la Sardegna, bisogna prima pensare a come raggiungerla nella maniera più comoda. Se l’aereo può contare su quattro piste presenti sull’isola, Cagliari, Olbia, Alghero e Tortolì, con prezzi spesso molto alti, la nave è un’opzione più che valida. Le tratte e le compagnie di traghetti, che collegano la Sardegna con Genova, Livorno, Piombino, Civitavecchia, Napoli, Palermo, ma anche con la Corsica e la Francia, sono davvero numerose. E per scegliere l’opzione migliore ci sono vari tour operator specializzato nel settore della biglietteria marittima che sapranno darvi una mano. Dopo, non resterà che partire. L’estate è già iniziata, ma, se cercate idee per un viaggio, siete ancora in tempo per sbarcare sull’isola dei quattro Mori. Senza sottovalutare che il percorso da intraprendere è forse più importante delle cose da vedere. Perché, come dice l’antico motto, la meta è il viaggio stesso.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Arcore: tre giorni di festa in Villa Borromeo d’Adda

Moltissime le attività e le iniziative in programma da sabato 19 a lunedì 21 settembre, il tutto in massima sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti.

“Ciàpa sü e porta a cà”: il primo gioco in scatola sulla Brianza. L’idea di due giovani concorezzesi

L'uscita del gioco è prevista per fine ottobre.

Monza, il Comune vende l’ex Fiera. Ricavi per oltre 5 mln di euro

Un ricorso al Consiglio di Stato rischiava di far saltare l’affare che vede al centro l’area ex Fiera di Monza.

Monza capitale del buon vino: al via Monza Wine Experience

Fino a domenica protagonista in città la manifestazione che ha come protagonista il vino.

Una dottoressa degli Istituti Clinici Zucchi di Monza tra i volti della campagna di Manila Grace

Parte delle vendite di ogni capo della collezione verrà devoluta alla Gruppo San Donato Foundation, a supporto dei suoi progetti di ricerca e delle iniziative di prevenzione per il cuore delle donne.