24 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Rodney il pizzaiolo di Sulbiate vince ancora la IncaDivide in Perù

Rodney il pizzaiolo di Sulbiate vince ancora la IncaDivide in Perù

10 Luglio 2018

Il peruviano di Sulbiate, Rodney Soncco Zuñiga, si è confermato essere il più forte ultraciclista del mondo vincendo anche la seconda edizione della IncaDivide, la gara di mountain bike più dura del mondo.

Rodney, 29enne pizzaiolo trapiantato 16 anni fa in Brianza, è giunto sul traguardo di Trujillo, nel suo Perù, dopo aver percorso 1800 chilometri in meno di 6 giorni (127 ore e 22’ per la precisione), pedalando a una quota media di 4500 metri di altitudine senza assistenza esterna.

“El loco”, cioè “il matto”, come è soprannominato scherzosamente il giovane di Urubamba, ha bissato il successo del 2017 grazie al supporto del team Bikeitalia, che quest’anno ne ha curato l’allenamento, la messa in sella, la meccanica e la nutrizione. Tra gli sponsor c’erano anche SoloSalita (linea di abbigliamento) e Davide Della Bella, il fisioterapista. Se la prima edizione era considerata più dura, essendo di 3500 chilometri tra le Ande ecuadoriane e peruviane, questa si è dimostrata più insidiosa. Soncco Zuñiga era partito male, inanellando ben sette forature nella prima parte di gara e una caduta che gli ha reso dolorante un ginocchio per un paio di giorni. Per recuperare dai primi ha dovuto dormire al massimo 4 ore al giorno. Nel finale di competizione ha seminato gli avversari, distrutti dalle condizioni proibitive. Pedalare per ore ad altitudini superiori ai 4mila metri rende faticosa la respirazione; il freddo e la mancanza di ossigeno fanno perdere la sensibilità alle mani, creando pericolo in discesa. La Inca Divide si è decisa dopo Punta Olimpica, posta a 4736 metri di quota: l’italiano Michelangelo Pacifico, che era in testa, dopo la discesa ha proseguito per la strada che prevedeva meno dislivello, mentre Soncco Zuñiga ha giocato la carta della scalata di un altro passo da 4200 metri d’altitudine, dopo il quale gli restavano “solo” 100 chilometri di discesa fino all’Oceano Pacifico. Secondo e terzo classificati, nell’ordine Pacifico e il britannico Niel Copeland, sono arrivati a Trujillo circa 18 ore dopo di lui… Molti i ritirati, tra cui il fortissimo piemontese Nico Valsesia, fermato da una lesione al menisco.

Per Soncco Zuñiga, che gestisce assieme al fratello una pizzeria d’asporto a Bellusco, si tratta della terza vittoria nell’ultracycling: lo scorso febbraio si era aggiudicato anche la prima edizione della BikingMan Oman (mille chilometri tra il deserto e gli Al-Hajar). Il prossimo impegno di Rodney nell’ultracycling sarà la BikingMan Taiwan, che partirà il 22 ottobre, decisiva per l’assegnazione del Challenger, una sorta di Coppa del mondo della disciplina. Nel 2019, quindi, parteciperà finalmente alla RAAM, Race Across America, la gara di ultracycling più massacrante tra quelle dove è consentita l’assistenza esterna. Si tratta di andare da una costa all’altra degli Stati Uniti in bici.

Leggi la nostra intervista a Rodney Soncco Zuñiga prima della partenza per il Perù – clicca qui

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus: ecco tutte le misure attivate a Monza

Allevi:“Niente panico ma attenzione massima”. Chiusi al pubblico anche i musei, gli spazi espositivi, la Villa Reale, le biblioteche cittadine, cinema, teatri e gli altri luoghi della cultura.

Monza, ospedale San Gerardo: ecco le disposizioni per l’emergenza Coronavirus

Il San Gerardo di Monza fa fronte all'emergenza Coronavirus. Data l'evoluzione di queste ore il nosocomio cittadino ha disposto con decorrenza immediata alcuni importanti provvedimenti. 

Coronavirus, controlli nella famiglia del 78enne di Sesto. I nipoti vivono a Lissone

Tutti i familiari del paziente sono dunque sottoposti alla procedure per verificare la loro condizioni di salute.

Coronavirus. Regione Lombardia: “112 casi, 2 morti. Scuole, cinema e pub chiusi”

Nei prossimi 7-15 giorni limitare la socialità. Gallera: "Abbiamo disposto la chiusura dalle ore 18 dei luoghi commerciali di intrattenimento o svago, non i ristoranti, quindi pub e discoteche".

Coronavirus: positivo un paziente di Crema, ricoverato al San Gerardo

L'uomo giunge da Crema dove era stato ricoverato per crisi respiratoria e dove test era negativo.