29 Novembre 2020 Segnala una notizia
Consumo di suolo, è la Brianza la pecora nera delle province italiane

Consumo di suolo, è la Brianza la pecora nera delle province italiane

18 Luglio 2018

Consumo di suolo in Italia? È Monza e Brianza la provincia con la percentuale di suolo artificiale più alta di tutto il Bel Paese, con il 41% di suolo consumato in rapporto alla superficie provinciale e 35 ettari in più consumati nel 2017.

IN ITALIA, OGNI SECONDO 2 MQ DI CEMENTO

Il dato allarmante emerge dal nuovo rapporto Ispra 2018 che ha fotografato la situazione e le trasformazioni del territorio italiano tra il 2016 e il 2017. Uno scatto che immortala una realtà tutt’altro che positiva, con un consumo di suolo che nel 2017 continua a crescere in tutta talia. Secondo lo studio, infatti, nell’ultimo anno le nuove coperture artificiali hanno riguardato altri 54 chilometri quadrati di territorio, in media, circa 15 ettari al giorno, ovvero 150mila metri quadrati: se si considera che un campo da calcio è grande circa 0,7 ettari, è come dire che vengono costruiti più di 21 campi da calcio al giorno e che ogni secondo vengono coperti con cemento o asfalto due metri quadrati di territorio.

In questo contesto, non fa onore considerare che la Provincia di Monza e Brianza, e più in generale il nord e la Lombardia, sono a capo di questo processo.

MONZA: MAGLIA NERA DEL CONSUMO DI SUOLO

Nel 2017, in 15 regioni è stato superato il 5% di consumo di suolo, con il valore percentuale più elevato in Lombardia, seguita da Veneto, Emilia e Friuli. La Lombardia detiene il primato anche in termini assoluti, superando quest’anno i 310 mila ettari del suo territorio coperto artificialmente (il 13,4% delle aree artificiali italiane è in questa regione), contro i 9.500 ettari della Valle D’Aosta, unica regione rimasta sotto la soglia del 3%.

Se si prende in considerazione la situazione provinciale, quella di Monza è la realtà più critica, con il 41% di suolo consumato, un dato di molto superiore alle altre province lombarde (escludendo Milano al 32%): solo Varese, infatti, supera il 22%, mentre la altre si attestano a una media del 12-13%.

LISSONE RE DEL CEMENTO

A ciò si aggiunga che nel territorio della Provincia di Monza e Brianza compare il nome del Comune italiano con maggiore consumo di suolo nel 2017, rispetto alla superficie territoriale: si tratta di Lissone, con il 71,3% di territorio consumato, seguito da Sesto San Giovanni (67,3%) e Cusano Milanino (64,6%).

Infine, il rapporto prende in considerazione una serie di esempi di consumo di suolo avvenuti in Lombardia nell’ultimo anno, due dei quali nel territorio di Monza e Brianza: il nuovo centro per la logistica, comprensivo di strade di accesso e servizi (8 ettari consumati) realizzato a Lazzate e la trasformazione di un suolo agricolo nel comune di Nova Milanese, con realizzazione di nuovi insediamenti industriali e commerciali, ampliamento di aree estrattive già esistenti ecc.

Pare proprio che la Provincia di Monza e Brianza sia in prima fila a dare il cattivo esempio.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi