22 Febbraio 2019 Segnala una notizia
L'iniziativa del Bosco delle Querce, simbolo della rinascita post diossina

L’iniziativa del Bosco delle Querce, simbolo della rinascita post diossina

12 Luglio 2018

Ricordare la rinascita, non il disastro. Il 10 luglio, in occasione del 42esimo anniversario del disastro di Seveso, il Bosco delle Querce di Seveso e Meda propone ai suoi utenti di condividere un pensiero legato al parco «per alimentare il bene che ci circonda», scrivendo un messaggio o lasciando un disegno sulle bacheche lungo i sentieri del Bosco o su Facebook. Un’iniziativa che pone dunque l’accento non sulle conseguenze più immediate e terribili di quel 10 luglio 1976, quando dall’Icmesa di Meda, fabbrica chimica di proprietà del gruppo Givaudan-Roche, si sprigionò una nube tossica di diossina che contaminò il territorio circostante, ma sul riscatto di una popolazione, simboleggiato, appunto, dalla creazione del parco inaugurato dieci anni dopo l’incidente, nel 1986. «La data del 10 luglio 1976 è ancora viva nella mente della popolazione – si legge sulla pagina Facebook del Bosco delle Querce -. Sono passati molti anni dall’evento che ha segnato la storia della città di Seveso, ma non per questo la popolazione che l’ha vissuto e quella che è arrivata negli anni successivi vuole rimanere ancorata al ricordo di un evento negativo, anzi… ha cercato e cerca di far vivere sempre di più il luogo simbolo di quel caldo sabato di luglio: il Bosco delle Querce. Il calendario segna l’anno 1986 come simbolo della rinascita di un paese ferito: il Bosco delle Querce inizia, lentamente, a crescere. Il Bosco, oggi parco naturale regionale, comprende la zona A interamente bonificata, mentre tutto il materiale contaminato dalla diossina è stato messo in sicurezza nelle due vasche impermeabilizzate a Seveso e a Meda. Il simbolo del parco è un vecchio e imponente pioppo testimonianza “viva” di un luogo oggi parte fondamentale della città di Seveso. Il Bosco delle Querce è il luogo della memoria dove continua il dialogo, senza fine, tra presente e passato».

«È una gioia vedere quanta ricchezza ha portato in questi anni al nostro territorio il Bosco delle Querce. Molte persone lo attraversano, lo vivono quotidianamente in modi diversi, tanti bimbi e tante bimbe ne apprendono la storia e il valore ambientale e sociale – commenta la direttrice del parco, Raffaella Mariani -. Il lavoro quotidiano dell’ufficio ambiente del comune, di Ersaf, di Arpa, di Fla, di Legambiente e di tante associazioni del territorio consente a tutti di fruire di questo bene e arricchisce la nostra comunità. La storia – prosegue – ci ha insegnato l’importanza del rispetto dell’ambiente e il presente è testimone della resilienza delle comunità di Seveso e Meda. L’iniziativa “dona un pensiero al parco” vuole essere un punto di partenza per una riflessione aperta a tutti per promuovere una fruizione eco compatibile del parco regionale ed ampliare le opportunità offerte al territorio».

L’iniziativa, che durerà almeno fino al 22 luglio, risulta particolarmente preziosa in un anno in cui il cambio di amministrazione ha reso impossibile organizzare un evento istituzionale in occasione del 10 luglio, come era invece accaduto nell’ultimo periodo. «Per organizzare qualcosa di valido ci vuole del tempo. Senza contare che fino al 16 luglio (data del primo consiglio comunale, ndr) sarebbe impossibile anche solo prendere una decisione – conferma l’assessore alla Cultura Alessia Borroni -. Siamo comunque attenti al ricordo. La sensibilità c’è: personalmente, ho scritto la tesi della mia seconda laurea sull’incidente di Seveso». Borroni assicura che l’amministrazione sarà attenta a sottolineare l’importanza della memoria di quanto accaduto, ma sottolinea: «Seveso è famosa per quell’evento: noi, però, vorremmo che venisse ricordata per altro».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Cesano Maderno, altro furto in velostazione: la rabbia di Francesco

Non è bastato nemmeno un «doppio lucchetto da fantascienza»: stavolta i ladri hanno smontato direttamente la barra di acciaio a cui era legata la bici. Il sindaco: «Abbiamo già ragionato su quali misure attuare».

A fuoco un convoglio della linea Trenord, paura tra i passeggeri

Ancora da accertare le cause scatenanti. Potrebbe essersi trattato di un cortocircuito, ma anche di un atto doloso

Monza, postini fantasma: lettere buttate a terra e raccomandate mai consegnate

Sistema Poste Italiane in tilt a Monza. Raccomandate mai consegnate, avvisi lasciati senza suonare il citofono, mazzette di lettere buttate a terra. Le lamentele dei cittadini.

Incidente sulla tangenziale nord: lunghe code su viale delle Industrie e A4

Un incidente che ha visto coinvolto un mezzo pesante sta causando grande disagio sulle arterie limitrofe

Debutta l’Area B, ma cos’è? Ecco quello che c’è da sapere

L'Area B è una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.