22 Febbraio 2019 Segnala una notizia
Il ciclismo si veste in rosa. La sesta tappa del Giro è partita da Sovico

Il ciclismo si veste in rosa. La sesta tappa del Giro è partita da Sovico

11 Luglio 2018

Un Giro d’Italia tutto al femminile. Partito da Verbania venerdì 6 luglio, vedrà la sua conclusione domenica 15 a Cividale del Friuli. Ma nel mezzo, il Giro passa per la Brianza.

Mercoledì 11 luglio. Da Sovico è partita la sesta tappa del Giro d’Italia Internazionale Femminile WWT. “Ci riempie di orgoglio – dichiara il primo cittadino Alfredo Colombo – avere un’importante manifestazione mondiale e che passi per Sovico – sottolinea – probabilmente non è un caso. Il ciclismo qui è di casa. Da decenni – spiega – abbiamo eventi che si svolgono a Sovico. Questo è il più importante e non resta da sperare che non sia l’ultimo”.

Un giro in rosa, che attraverso la Brianza, per 114 km, arriva in Valtellina. Tappa finale, Gerola Alta. E di altitudine bisogna parlare. Quota 1050 m. Quello valtellinese sarà il primo arrivo in salita. Presente al via, anche l’ex ciclista Claudio Chiappucci, vincitore di un Giro d’Italia. “Quella di oggi – asserisce – è una tappa importante. Finalmente, anche le donne, cominciano a dare il loro spettacolo”.

E se di spettacolo si parla, i numeri non sono da meno. 260 le atlete per un totale di 24 squadre da tutto il mondo. E volendo fare una provocazione, la domanda viene spontanea. Il ciclismo è maschile o femminile? Ovvia la risposta. Lo sport non ha sesso.

A dimostrarlo, tramite una grande esibizione,  sono state due cugine brianzole, proprio ieri, durante la quinta tappa del Giro partita e conclusasi a Omegna. Alice Arzuffi e Maria Giulia Confalonieri. Pronti, partenza. Via. Parte la volata della giovane brianzola. Alice Arzuffi va in fuga e conquista il podio. Il primo della sua carriera. Mentre la cugina Maria Confalonieri, pur non salendo sul podio non è da meno. Portando in alto il nome della Brianza, Maria si fa valere nella volata del gruppo, chiudendo al settimo posto. “La bicicletta – asserisce l’assessore allo Sport Martina Cambiaghi – oggi è Donna“. Una valida opportunità, insomma, per dare la stessa valenza, soprattutto la stessa importanza, alle due categorie. Quella maschile e quella femminile. “Una valenza e un’opportunità per le donne – precisa l’assessore – che andrebbe data non solo al ciclismo, ma a tutti gli sport consideranti prettamente maschili”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Cesano Maderno, altro furto in velostazione: la rabbia di Francesco

Non è bastato nemmeno un «doppio lucchetto da fantascienza»: stavolta i ladri hanno smontato direttamente la barra di acciaio a cui era legata la bici. Il sindaco: «Abbiamo già ragionato su quali misure attuare».

A fuoco un convoglio della linea Trenord, paura tra i passeggeri

Ancora da accertare le cause scatenanti. Potrebbe essersi trattato di un cortocircuito, ma anche di un atto doloso

Monza, postini fantasma: lettere buttate a terra e raccomandate mai consegnate

Sistema Poste Italiane in tilt a Monza. Raccomandate mai consegnate, avvisi lasciati senza suonare il citofono, mazzette di lettere buttate a terra. Le lamentele dei cittadini.

Incidente sulla tangenziale nord: lunghe code su viale delle Industrie e A4

Un incidente che ha visto coinvolto un mezzo pesante sta causando grande disagio sulle arterie limitrofe

Debutta l’Area B, ma cos’è? Ecco quello che c’è da sapere

L'Area B è una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.