19 luglio 2018 Segnala una notizia
Il ciclismo si veste in rosa. La sesta tappa del Giro è partita da Sovico

Il ciclismo si veste in rosa. La sesta tappa del Giro è partita da Sovico

11 luglio 2018

Un Giro d’Italia tutto al femminile. Partito da Verbania venerdì 6 luglio, vedrà la sua conclusione domenica 15 a Cividale del Friuli. Ma nel mezzo, il Giro passa per la Brianza.

Mercoledì 11 luglio. Da Sovico è partita la sesta tappa del Giro d’Italia Internazionale Femminile WWT. “Ci riempie di orgoglio – dichiara il primo cittadino Alfredo Colombo – avere un’importante manifestazione mondiale e che passi per Sovico – sottolinea – probabilmente non è un caso. Il ciclismo qui è di casa. Da decenni – spiega – abbiamo eventi che si svolgono a Sovico. Questo è il più importante e non resta da sperare che non sia l’ultimo”.

Un giro in rosa, che attraverso la Brianza, per 114 km, arriva in Valtellina. Tappa finale, Gerola Alta. E di altitudine bisogna parlare. Quota 1050 m. Quello valtellinese sarà il primo arrivo in salita. Presente al via, anche l’ex ciclista Claudio Chiappucci, vincitore di un Giro d’Italia. “Quella di oggi – asserisce – è una tappa importante. Finalmente, anche le donne, cominciano a dare il loro spettacolo”.

E se di spettacolo si parla, i numeri non sono da meno. 260 le atlete per un totale di 24 squadre da tutto il mondo. E volendo fare una provocazione, la domanda viene spontanea. Il ciclismo è maschile o femminile? Ovvia la risposta. Lo sport non ha sesso.

A dimostrarlo, tramite una grande esibizione,  sono state due cugine brianzole, proprio ieri, durante la quinta tappa del Giro partita e conclusasi a Omegna. Alice Arzuffi e Maria Giulia Confalonieri. Pronti, partenza. Via. Parte la volata della giovane brianzola. Alice Arzuffi va in fuga e conquista il podio. Il primo della sua carriera. Mentre la cugina Maria Confalonieri, pur non salendo sul podio non è da meno. Portando in alto il nome della Brianza, Maria si fa valere nella volata del gruppo, chiudendo al settimo posto. “La bicicletta – asserisce l’assessore allo Sport Martina Cambiaghi – oggi è Donna“. Una valida opportunità, insomma, per dare la stessa valenza, soprattutto la stessa importanza, alle due categorie. Quella maschile e quella femminile. “Una valenza e un’opportunità per le donne – precisa l’assessore – che andrebbe data non solo al ciclismo, ma a tutti gli sport consideranti prettamente maschili”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Profughi a Briosco? Proteste al presidio: “Il comune deve fare qualcosa subito”

Il Ministro degli Interni Salvini è intervenuto sulla questione: prima la volontà del territorio. Se Briosco dice no, la prefettura deve trovare una soluzione alternativa alla sistemazione dei 14 richiedenti asilo

Studio dentistico ricerca assistente alla poltrona

Studio dentistico ricerca assistente alla poltrona anche senza esperienza, 20/22 anni, con buone capacità relazionali, uso computer. Serietà e voglia di apprendere nozioni nuove, simpatia.

Consumo di suolo, è la Brianza la pecora nera delle province italiane

Con il 41% di suolo consumato e 35 ettari in più nel 2017, è la provincia peggiore del Bel Paese. È qui il Comune italiano con il maggiore consumo di suolo: Lissone

Agenti più sicuri con le body-cam: dopo il test a Brugherio, il bando di Regione Lombardia

Le piccole telecamere sono in dotazione al corpo di Polizia Locale.

Gruppo Zonin, l’export del Franciacorta sul modello del Prosecco

Un’area, quella della Franciacorta, dalle grandi possibilità commerciali sui mercati internazionali.