23 Maggio 2019 Segnala una notizia
Dove andare a mangiare? A Monza grande inaugurazione per il Met80

Dove andare a mangiare? A Monza grande inaugurazione per il Met80

23 Luglio 2018

Il Met80 ora è ufficialmente aperto . E lo fa giocando ogni carta. Con una grande festa. Senza riserve.

Monza, domenica 22 luglio. Mirko Grassi inaugura il suo ristornate in via Ramazzotti 24. Musica e arte. Cibo, vino e bevande varie. Dalle 19 alle 24. Cinque ore di festa all’insegna del divertimento e della convivialità. Dove prima c’era un super mercato, ora c’è MET80. www.met80.com

Tre nomi. Tre volti. Un ristorante che vuol farsi (ri)conoscere. Il nome Met80 – spiega lo chef – nasce dall’accorpamento delle iniziali di chi lo gestisce”. Mirko, il padre Enrico e Teresa Rosati, la compagna di Mirko. Un nuovo ristorante il cui pubblico “può aspettarsi serenità, tranquillità, ma soprattutto qualità“. Ad asserirlo è lo chef in persona.

Ed è proprio quest’ultima, la qualità, ad essere il punto di forza del ristorante. Ingredienti scelti e selezionati. Come, ad esempio, la carne di fassona piemontese. Oppure la mozzarella. Un prodotto del tutto fresco. Lavorato a mano, secondo la maestranza pugliese, direttamente dall’azienda fornitrice “La mozzarella Mastro Casaro“. Freschezza e Bontà. Due nomi che danno un grande valore aggiunto.

Insomma, in tempi di crisi, tempo di coraggio. Classe 1988. Mirko è un giovane chef, ma con un’esperienza matura e maturata in prestigiosi posti come lo Sporting Club di Monza.  Il passo è breve. Prima dipendente, ora proprietario. L’avventura è appena iniziata, e dal nome del ristorante, il Met80, forse il Destino o forse il puro caso tra le righe cela un buon augurio. Volendo tradurre dall’inglese “met”,  participio passato di “to meet”, questi ha il significato di incontrato. Conosciuto. Soddisfatto.

E se le cose van fatte, vanno fatte bene. Un’inaugurazione, si è detto, all’insegna della musica e dell’arte. Oltre che del buon cibo.

Ed ecco l’arte. Le installazioni dell’affermato artista Anacleto Spazzapan. Tutt’attorno alla piazza, sedie colorate. Mentre una Vespa ha reso l’atmosfera vagamente rètro.

E poi la musica. A profondersi, tutt’attorno, le note della band di Rudy Smaila. Un pubblico intrattenuto a tutto tondo. Si spera, un pubblico soddisfatto.  Per maggiori informazioni www.met80.com

 

*Redazionale

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Meda, avevano in casa una bomba e la usavano come schiaccianoci

L'ordigno della Seconda Guerra Mondiale era a casa di una coppia di ignari anziani. È stato recuperato e fatto brillare

Tamponamento a quattro sulla Milano-Meda: Suv finisce sopra un’auto

Nessuno dei conducenti è rimasto ferito in maniera grave, mentre gravi sono le ripercussioni sul traffico

Monza Visionaria al via con il concerto in Duomo “A Love Supreme”

Si apre oggi il festival musicale firmato Musicamorfosi che per 5 giorni coinvolgerà la città in un mix travolgente di concerti, notturni e luci e suoni.

Sui muri scrivono “Lega razzista”. La candidata (di origine peruviana) risponde

La Lega da sempre è accusata di essere razzista. La politica nazionale di Salvini che chiude i porti e accusa il Papa accende la polemica anche nelle amministrative

Brianza, truffe ‘a domicilio’: attenti a quei finti Carabinieri

Nuova allerta in Brianza: falsi Carabinieri e tecnici dell'acqua si introducono negli appartamenti con delle scuse, per poi spruzzare spray urticanti e derubare i malcapitati. Le testimonianze.