Attualità

Rubano bici da un condominio di Agrate, ma all’uscita li aspettano i carabinieri

Rocambolesca fuga di tre giovani di Concorezzo: dopo aver commesso il furto, i tre hanno tentato di seminare i carabinieri, che però li hanno acciuffati e arrestati

bicicletta-sport-free-web

Se ne andavano in giro sulle loro due ruote, al buio, per le strade di Agrate Brianza. Fin qui, nulla di particolarmente strano, se non fosse che uno dei tre ciclisti trainava a mano una quarta bicicletta e che, alla vista dei militari, si sono scapicollati pur di non essere raggiunti.

Tre i giovanissimi autori di quella che pensavano una bravata, fermati e arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Vimercate nella notte di mercoledì 30 maggio. Tutto per una bicicletta…

Erano le prime ore del mattino quando i militari della stazione di Agrate Brianza, durante un servizio di pattugliamento del territorio, hanno notato al civico 78 di via Mazzini uscire dal cancello di un condominio tre ragazzi in sella ad altrettante biciclette; la circostanza che però ha attirato la loro attenzione è stato il fatto che uno dei tre era intendo a spingere una quarta bicicletta.

Insospettiti, i militari hanno così deciso di raggiungerli, solo che i tre, accortisi della presenza dei carabinieri, hanno pensato bene di darsi alla fuga, pedalando velocemente in via Don Galbiati diretti verso via Don Luigi Cantini, nel tentativo di seminarli. A un certo punto, però, quello del gruppo che oltre a pedalare spingeva anche la quarta bicicletta, ha perso l’equilibrio, rovinando al suolo, dove è stato subito raggiunto dai militari. Mentre uno dei Carabinieri lo tratteneva, l’altro proseguiva a piedi, arrivando all’incrocio con via Don Luigi Cantini, dove si è accorto che gli altri due ciclisti tentavano di mimetizzarsi tra due auto in sosta.

Acciuffati tutti e tre, sono stati portati in caserma, dove non hanno portuto nascondere la verità: la quarta bicicletta, nuova e di valore rispetto alle loro, era stata rubata. I militari, recatisi poi sul luogo del furto, hanno ritrovato il lucchetto e la catena con cui il proprietario aveva assicurato il mezzo alla ringhiera rotti. Nel cestello di una delle biciclette in uso ai ladri, sono anche state trovate chiavi inglesi e altri arnesi atti allo scasso.

I tre, italiani, incensurati, disoccupati e residenti a Concorezzo, di anni 20, 21 e 22, sono stati arrestati per furto aggravato in concorso e, ad esito della direttissima, condannati a 4 mesi e 150 euro di multa con pena sospesa.