21 settembre 2018 Segnala una notizia
Ritrovata Sara Luciani: il corpo senza vita della 21enne era in un canale

Ritrovata Sara Luciani: il corpo senza vita della 21enne era in un canale

13 giugno 2018

È morta Sara Luciani, la 21 enne di Melzo scomparsa da casa venerdì della scorsa settimana, dopo essere uscita di casa con il fidanzato convivente Manuel Buzzini, poi trovato morto suicida nel cortile di casa di sua nonna, la mattina successiva. Il corpo della giovane è stato recuperato in un canale di Paullo al termine di ininterrotte ricerche da parte di soccorritori, carabinieri e vigili del fuoco. A scorgere Sara nel canale Muzza di Paullo è stato un pescatore, nel primissimo pomeriggio di oggi. Ora sarà l’autopsia a svelare come la 21 enne sia morta e perché.

Manca all’appello l’auto di Buzzini, 31 enne operaio da tempo convivente con Sara a casa dei genitori di lei, il cui paraurti con targa era stato trovato sulle rive del muzza il 10 giugno scorso. In molti avevano sperato di poter scoprire la giovane fuggita da qualche parte, magari smarrita o ferita, ma viva, soprattutto questa è stata la speranza a cui si erano aggrappati i suoi genitori. Fino a qualche giorno fa di questa coppia di giovani poco era trapelato; lei schiva e introversa, lui con un passato da dipendente di droga da cui quella giovane di dieci anni più giovane lo aveva guarito. O così sembrava, perché nel sangue del 31 enne gli inquirenti hanno trovato cocaina.

Questa coppia apparentemente affiatata, che viveva sotto lo stesso tetto e la famiglia di lei in un rapporto quasi “simbiotico”, in realtà aveva grossi problemi. Precisamente, a quanto appreso, Manuel avrebbe avuto problemi, nel senso che avrebbe picchiato e minacciato Sara, questo almeno avrebbe raccontato ai carabinieri una sua amica, con cui la 21 enne si sarebbe confidata. La sera della scomparsa di Sara, il 31 enne avrebbe anche aveva sniffato cocaina in macchina insieme a un amico. A raccontarlo agli inquirenti sarebbe stato lo stesso amico, di cui a parlare ai carabinieri era stato il padre di Sara. L’uomo ha detto di aver visto un braccio sporgere dal finestrino lato passeggero mentre Manuel aspettava che sua figlia uscisse. Il misterioso amico del 31 è andato spontaneamente dai carabinieri di Cassano d’Adda, spiegando di essere rimasto la coppia per poco più di due ore,, il tutto sarebbe anche stato ripreso da una telecamera di sorveglianza. In quelle due ore I ragazzi avrebbero sniffato cocaina, mentre Sara no. Cosa sia successo è ancora tutto da appurare.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Articoli più letti di oggi

Tragico tamponamento in Tangenziale Est, muore 36enne

Sul luogo dello scontro sono intervenuti i vigili del fuoco, diversi mezzi del 118, i carabinieri e la polizia stradale. Alle forze dell'ordine ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Linea Monza-Molteno-Lecco: treni fermi per lavori da stasera a lunedì

Sarà sospesa la circolazione tra Monza e Villasanta, per consentire il rinnovo completo dei binari della stazione di Monza.

Camion finisce di traverso: bloccata una carreggiata della Valassina

Camino si ribalta e manda in tilt il traffico. Un ferito grave, mentre un altro lieve. Sul posto vigili del fuoco e gli uomini della stradale.

Milano-Meda, al via le prove di carico sul ponte sotto esame di Cesano

La prova di carico statico viene effettuata tramite il posizionamento di autocarri (in questo caso 4 in totale) in modo da acquisire dati attraverso dei sensori.

Ponte sul Lambro chiuso al transito per “gravi anomalie”: ma c’è chi passa!

Il ponte è chiuso al transito di pedoni e veicoli, ma la gente se ne infischia e scavalca a suo rischio e pericolo.