19 Luglio 2019 Segnala una notizia
Riders, Gig economy: Cgil Monza Brianza apre una sede dedicata ai “lavoretti”

Riders, Gig economy: Cgil Monza Brianza apre una sede dedicata ai “lavoretti”

22 Giugno 2018

Viviamo nell’epoca in cui i cosiddetti “lavoretti”, quelli che di solito facevano gli studenti per avere qualche soldo in tasca da spendere nel week-end o per una vacanza, sono diventati trasversali per età anagrafica, genere sessuale e condizioni sociali. Tanto che, ormai da alcuni anni, con lo scoppio della crisi economica, si parla di “gig economy”, espressione inglese che indica un sistema sostanzialmente privo di contratti a tempo indeterminato o prestazioni continuative, dove si lavora on demand. In Italia sono circa un milione le persone che sono impiegate in attività remunerative solo quando c’è bisogno delle loro competenze o abilità.

Un numero notevole di persone che, soprattutto nel settore alimentare e della ristorazione, di solito svolge la mansione di fattorino attraverso una piattaforma digitale, in grado di “registrare” la qualità della sua prestazione e la sua disponibilità, sulla quale riceve e accetta le ordinazioni. Una parte di questi lavoratori sono i cosiddetti ‘riders’, circa 10mila nel nostro Paese, che il più delle volte sono retribuiti a cottimo, ovvero un tanto a consegna.

Una situazione sempre più diffusa anche a Monza e in Brianza. Dove, da tempo, la Cgil ha avviato occasioni di confronto, riflessione ed organizzazione sul tema. In quest’ottica il sindacato ha deciso di aprire dal prossimo 21 settembre una nuova sede in via Monte Oliveto, dedicata proprio alle nuove forme di lavoro e di precarietà, particolarmente quelle che toccano le giovani generazioni. La presentazione ufficiale avverrà il 4 luglio alle 10 presso la sede della Camera del Lavoro di Monza di via Premuda, 17. Pochi giorni dopo, dal 13 al 15 luglio, a Triuggio, si svolgerà la festa dei giovani Cgil, “Macello 120”, giunta alla quinta edizione. Il focus sarà proprio sulla gig economy.

“Dobbiamo essere consapevoli che la negazione dei diritti fondamentali, la svalutazione a volte pesante della dignità del lavoro, avviene quotidianamente in Italia non solo per i riders, ma da anni e anni per centinaia di migliaia di giovani e non giovani – afferma Lino Ceccarelli, Responsabile Nidil (Nuove identità lavoro) e dell’Area Giovani e Lavoro della Cgil di Monza e Brianza (nella foto in basso) – che lavorano in nero nelle campagne sotto la schiavitù del caporalato a 3 euro l’ora (leggi l’articolo), quando va bene, o con finti rapporti di collaborazione e finte partite iva, in tirocini e stage fasulli che nascondono veri e propri rapporti dipendenti sottopagati”.

Se l’utilizzo dei famigerati voucher si è notevolmente ridotto dopo la raccolta firme della Cgil per ottenere il referendum abrogativo, poi saltato per l’intervento legislativo voluto dal governo Gentiloni, la mancanza di diritti e tutele per i lavoratori della gig economy resta una sfida tutta ancora da combattere. Non a caso, proprio in questi giorni il neo Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, nonché vicepremier, Luigi Di Maio, ha incontrato le principali piattaforme della gig economy, da Foodora e Deliveroo, da JustEat a Uber, per incominciare a porre le base di un tavolo di confronto e contrattazione nell’ambito del cosiddetto decreto Dignità. La Regione Lazio, poi, si è portata già avanti su questo fronte. E ha appena approvato, per la prima volta in Italia, una legge per tutelare i lavoratori della gig economy.

“Da tempo abbiamo presentato alle forze politiche la nostra proposta, quella di una Carta dei Diritti Universali del Lavoro – spiega Ceccarelli – una proposta di legge che riconosca diritti e tutele a tutti i lavoratori, indipendentemente dalla qualificazione giuridica del rapporto di lavoro. La previdenza, l’assicurazione, la malattia, la tutela dagli infortuni, la maternità, le ferie, la giusta retribuzione – continua – devono essere riconosciuti a tutte le lavoratrici e lavoratori, a prescindere dalla forma contrattuale”.

Il percorso avviato richiede la proficua collaborazione tra le parti sociali, in primis organizzazioni sindacali e associazioni d’impresa, per raggiungere risultati significativi. Intanto qualche esempio concreto di buone pratiche è già andato in porto. Come nel caso del Contratto Collettivo Nazionale del settore logistica trasporto, merci e spedizione, rinnovato lo scorso 3 dicembre, nel quale è stata inserita per la prima volta la figura del rider.

“Basterebbe dunque, per chi vuol essere in regola con le norme, e a posto con la coscienza, applicare  quel contratto,  coniugando, nel concerto tra aziende e sindacato, il lavoro con la qualità e la sicurezza – sostiene il Responsabile Nidil (Nuove identità lavoro) e dell’Area Giovani e Lavoro della Cgil di Monza e Brianza – serve, comunque, anche un intervento legislativo che garantisca a questi lavoratori le prestazioni previdenziali e assicurative e un potenziamento dei controlli, perché – continua – nessuna riforma potrà davvero migliorare le condizioni di lavoro senza ripristinare un efficiente meccanismo di controllo, da parte degli Ispettorati del Lavoro, che oggi è clamorosamente inadeguato”.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Giornata straordinaria all’ospedale di Desio: 10 parti in 24 ore

Dalle 6.02 di lunedì 15 luglio alle 6.04 del giorno successivo, martedì 16 luglio, sono venuti alle luce 7 maschietti e 3 femminucce.

Pizza Festival Lombardia: a Lentate il gusto della vera regina napoletana

Mastri pizzaioli per eccellenza arriveranno direttamente da Napoli e proporranno prodotti della tradizione e antiche ricette.

Attraversa il passaggio a livello e viene travolta dal treno: muore 74enne

Circolazione dei treni interrotta tra Monza Sobborghi e Monza. Attivato un servizio autobus di collegamento tra le stazioni di Villasanta e Monza

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Feste, street food, concerti, eventi culturali... ecco la nostra selezione di eventi!

Lesmo, grazie alle more nere del gelso nasce un nuovo amaro dal cuore brianzolo

Il prodotto sarà presentato sabato a Lesmo presso la panetteria Beretta. La vendita sarà effettuata on line.