01 Agosto 2021 Segnala una notizia
Monza, MindFoodNess: quando cibo, corpo ed emozioni dialogano

Monza, MindFoodNess: quando cibo, corpo ed emozioni dialogano

29 Giugno 2018

L’aspetto è più quello di un rockettaro di mezza età. Ciuffo sbarazzino, jeans strappati, scarpe di ginnastica e atteggiamento a dir poco informale. Ma, dietro questa apparenza, si nasconde uno psicologo e psicoterapeuta, Emanuel Mian, uno dei massimi esperti in Italia di immagine corporea nei disturbi alimentari e di dismorfismo corporeo, cioè la visione distorta del proprio aspetto esteriore. Uno studioso, specializzato in psicoterapia cognitiva e cognitivo-comportamentale, anche referente del Centro Interdisciplinare Bariatria e Obesità (C.I.B.O.) degli Istituti clinici Zucchi di Monza. Che ha appena dato alle stampe un libro, MindFoodNess (Mind Edizioni, 180 pagine, 14.90 euro), incentrato sul rapporto tra di cibo, corpo ed emozioni. Nella convinzione che perdere peso e sentirsi meglio davanti allo specchio cominci dal cervello e dalla capacità di abbandonare le proprie zavorre mentali. Come spiega ad MBNews alla presentazione, moderata da Dario Lessa, che si è tenuta alla Libreria Feltrinelli di Monza.

Mind FoodNess non è soltanto un libro, che prova a trattare argomenti complessi in modo semplice e fornisce una serie di esercizi pratici, spunti di riflessione, con l’obiettivo di allenarsi ad essere felici e riprendere in mano la propria vita. E’ anche un audiobook rimasto in vetta alla classifica di iTunes per oltre 6 settimane. Ma, soprattutto, nelle intenzioni di Mian, che è responsabile scientifico di “Emotifood” e annovera una docenza a contratto presso l’Università di Pavia, tre mandati come Consigliere Onorario minorile presso la Corte d’Appello del Tribunale di Trieste e la partecipazione a programmi televisivi come “SuperQuark” e “TheReal”, è un vero e proprio progetto (clicca per saperne di più).

“Voglio aiutare chi è da troppo tempo in lotta con il cibo, il proprio corpo e le proprie emozioni perché non conta soltanto come reagisci ad una difficoltà, ma soprattutto come ti sei preparato ad affrontarla – spiega lo psicologo e psicoterapeuta friulano – il libro MindFoodNess , in un percorso che porto avanti già da sei anni, riprende alcuni frasi emerse durante le sessioni di psicoterapia e coaching nelle mie oltre 15.000 ore di esperienza nella terapia di pazienti con disturbi del comportamento alimentare e dell’immagine corporea”. Alla base di questo approccio diretto ad una tematica dai numerosi risvolti non manca un’attenzione particolare ai social network e all’uso delle nuove tecnologie in relazione alla psiconutrizione. Per questo Mian ha una propria pagina Facebook, su cui pubblica costantemente post e filmati dal tono scherzoso, un proprio sito e ha fatto realizzare un’applicazione per seguire il diario alimentare.

Strumenti che mantengono lo psicologo e psicoterapeuta, supervisore e responsabile di diversi centri in Italia per la diagnosi e la cura dei disturbi dell’alimentazione e della nutrizione, in costante contatto con i suoi pazienti sparsi lungo la Penisola. D’altro canto la risoluzione di patologie come l’anoressia, la bulimia e il binge eating (alimentazione incontrollata, Ndr) deve essere personalizzata. “Ogni storia è diversa dalle altre, anche se ci possono essere delle caratteristiche comuni – spiega Mian – vedersi brutti, vestirsi in maniera ampia, isolarsi dagli amici, pesarsi e specchiarsi troppo o troppo poco, ad esempio, possono essere segnali di disturbi alimentari. In generale – continua – il desiderio è quello di scappare da un’emozione che è tra le più antiche dell’animo umano, la vergogna”.

In problematiche di questo tipo influiscono molti fattori. “Sicuramente ha un peso notevole il discorso socio-culturale, perché tutti i giorni i media ci propongono migliaia di immagini, per lo più ritoccate, di corpi, che diventano modelli verso cui vogliamo tendere – afferma l’autore di MindFoodNess – quelle immagini, legate a concetti di magrezza come salute e bellezza, però, non ci dicono i sacrifici che quei corpi hanno dovuto subire per essere come ci vengono presentati”. Altre volte, poi, i disturbi alimentari hanno alle spalle una relazione con storie di abusi, per cui “il corpo diventa un modo per distanziare l’abusatore – chiarisce Mian – viene, quindi, reso più brutto e peggiorato per non piacergli”.

Una dieta, insomma, spesso non è la soluzione principale né l’unica. Può, invece, essere più utile seguire una corretta alimentazione. “Anche in questo caso è necessario entrare nei casi specifici – sostiene lo psicologo e psicoterapeuta friulano – in generale, comunque, bisogna essere più consapevoli nel rapporto con il cibo, cioè essere in grado di storicizzarlo, di valutare cosa accade, ad esempio, quando non mangiate come vorreste”. Un tragitto lungo con tante cose da imparare. Ma, come afferma Mian in uno dei suoi pensieri, “se vedi solo la fine della strada, il viaggio ti sembrerà difficile… se guardi intorno mentre fai i primi passi, invece, ti godrai il percorso”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi