10 Dicembre 2019 Segnala una notizia
Monza, Comitato ‘No al degrado’: “Via Bergamo incompatibile con la movida”

Monza, Comitato ‘No al degrado’: “Via Bergamo incompatibile con la movida”

22 Giugno 2018

L’estate è appena iniziata ufficialmente anche per il calendario. Ma in via Bergamo il clima ha cominciato a (sur)riscaldarsi ormai da quasi due mesi. E non soltanto per colpa delle alte temperature. Perché dall’inizio di maggio, mese in cui è stata ripristinata la Ztl, cioè la chiusura temporanea di via Bergamo al traffico il venerdì e sabato dalle 19 alla una e la domenica dalle 19 alle 23, fino al 30 settembre, in questa strada  a due passi dal centro storico di Monza è ritornata la polemica. Che, come già l’anno scorso (clicca l’articolo), vede su posizioni opposte il Comitato “No al Degrado e alla Mala-Movida” di Monza e l’associazione “Borgo Bergamo 2.017”. Pur nel rispetto reciproco, infatti, le divergenze sui problemi di ordine pubblico e vivibilità urbana (vedi qui) sembrano ben definite e piuttosto insanabili.

“La vivibilità urbana e la quiete pubblica della via Bergamo sono sempre critiche – afferma Giorgio Sorbara, coordinatore del Comitato No Degrado e Malamovida – fino alle 2 di notte, dal giovedì spesso fino alla domenica, il sottofondo di rumore acustico impedisce il riposo. Continuo a sostenere che le caratteristiche acustico-edilizie della via Bergamo sono incompatibili con il fenomeno della movida – continua – dopo le 2 di notte, alla chiusura degli esercizi commerciali, incomincia il peggio, perché il deflusso dei giovani dalla via dura mediamente anche un’ora e mezza e. senza la presenza degli esercenti, gli schiamazzi dei giovani aumentano a dismisura e spesso si trasformano in gare di urla violente!”.

La replica di Viviana Veronesi, da un anno presidente dell’associazione “Borgo Bergamo”, che riunisce i titolari di ben 70 attività commerciali della via monzese (qui l’intervista), propone un punto di vista di tutt’altro tenore. “Abbiamo le telecamere e un servizio di steward pagati da noi, che, durante il fine settimana, vegliano sulla via e le zone limitrofe, garantendo sicurezza e rispetto delle principali norme di comportamento, anche a vantaggio del riposo dei residenti – spiega la Veronesi (nella foto in basso), proprietaria del ristorante Paulpetta, il primo bistrot di sole polpette – la civile convivenza è un nostro pensiero primario. E’ innegabile che via Bergamo abbia subito un’evoluzione negli anni – continua – ma crediamo che il bilancio sia più positivo, anche per chi è proprietario di immobili”.

La situazione potrebbe avere presto degli sviluppi. Anche perché le opinioni del Comitato No Degrado e Malamovida e dell’associazione “Borgo Bergamo” sono piuttosto divergenti nei confronti del Comune di Monza. “Il rapporto è formalmente buono con il sindaco, Dario Allevi e l’assessore al Commercio e alle Attività produttive, Massimiliano Longo, ma de facto ‘inesistente’ – afferma Sorbara – si sono dichiarati ‘impotenti’ di fronte al fenomeno, hanno  deciso la Ztl senza convocare anche noi cittadini e pattuire regole per mitigare il disturbo ai residenti. Un esempio pratico è che, mentre il servizio di alcolici su strada dovrebbe essere proibito e dovrebbe essere eliminato il vetro, da qualche mese è stato installato alla fine di via Bergamo un distributore automatico di bevande, tra cui bottiglie di birra, per tutta la notte! E’ davvero pazzesco – continua –  nei prossimi giorni,  voglio fare un esposto al Comune di Monza su questo punto”.

Il ruolo di Piazza Trento e Trieste è decisamente più positivo agli occhi dei commercianti della zona. “I rapporti con l’attuale amministrazione comunale sono buoni e sin dall’inizio abbiamo cercato collaborazione e dialogo – sostiene la presidente Veronesi – stiamo lavorando sulla possibilità di semplificare la sempre pesante burocrazia, che norma alcuni aspetti del nostro lavoro e risulta spesso un limite”. Ecco perché sulla Ztl e la movida, l’associazione “Borgo Bergamo” cerca di muoversi anche in autonomia. “Cerchiamo di far rispettare i tempi e i modi, come ad esempio il posizionamento delle transenne, tanto che settimana scorsa siamo andati a recuperarne una che era stata spostata al NEI – spiega Veronesi – per il resto ci affidiamo al senso civico e allo spirito di collaborazione di tutti, talvolta non otteniamo i risultati sperati, ma noi andiamo avanti”.

Altri fronti, intanto, sono aperti. “Ci sono fenomeni paralleli di degrado urbano e di spaccio di droga che stanno prendendo sempre più piede nel sottopassaggio pedonale della parte finale di via Bergamo – denuncia il coordinatore monzese del ‘Comitato No Degrado e Malamovida’ – non si può avere movida notturna in centro storico senza adeguato controllo di polizia urbana a tutela dei cittadini, che hanno diritti costituzionali di riposo e salute e pagano le tasse”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Il Capodanno a Seregno sarà rock!

Al PalaSomaschini, concerto-tributo dedicato ai Queen in attesa del 2020

Monza: in pieno centro ubriaco aggredisce una coppia, denunciato

Centro monza, un pazzo danneggia l'auto di una coppia e sferra un cazzotto al fidanzato. Denunciato

Carate: al via i lavori di messa in sicurezza del ponte di Realdino

Dal 10 dicembre previste modifiche alla viabilità per permettere la sostituzione di alcuni pluviali con l'utilizzo di una tecnica sperimentale. Il ponte da tempo è sotto stretto monitoraggio.

Monza, “Etica e valori nello sport”: oggi il convegno al Binario 7

L’evento è organizzato in occasione del 71° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che cadrà proprio il 10 dicembre.

Monza incidente sul lavoro: uomo precipita in via Buonarroti

Il 2019 non è ancora chiuso e il numero di incidenti sul lavoro in provincia di Monza e Brianza continua a crescere.