22 Agosto 2019 Segnala una notizia
Monza, Comitato ‘No al degrado’: “Via Bergamo incompatibile con la movida”

Monza, Comitato ‘No al degrado’: “Via Bergamo incompatibile con la movida”

22 Giugno 2018

L’estate è appena iniziata ufficialmente anche per il calendario. Ma in via Bergamo il clima ha cominciato a (sur)riscaldarsi ormai da quasi due mesi. E non soltanto per colpa delle alte temperature. Perché dall’inizio di maggio, mese in cui è stata ripristinata la Ztl, cioè la chiusura temporanea di via Bergamo al traffico il venerdì e sabato dalle 19 alla una e la domenica dalle 19 alle 23, fino al 30 settembre, in questa strada  a due passi dal centro storico di Monza è ritornata la polemica. Che, come già l’anno scorso (clicca l’articolo), vede su posizioni opposte il Comitato “No al Degrado e alla Mala-Movida” di Monza e l’associazione “Borgo Bergamo 2.017”. Pur nel rispetto reciproco, infatti, le divergenze sui problemi di ordine pubblico e vivibilità urbana (vedi qui) sembrano ben definite e piuttosto insanabili.

“La vivibilità urbana e la quiete pubblica della via Bergamo sono sempre critiche – afferma Giorgio Sorbara, coordinatore del Comitato No Degrado e Malamovida – fino alle 2 di notte, dal giovedì spesso fino alla domenica, il sottofondo di rumore acustico impedisce il riposo. Continuo a sostenere che le caratteristiche acustico-edilizie della via Bergamo sono incompatibili con il fenomeno della movida – continua – dopo le 2 di notte, alla chiusura degli esercizi commerciali, incomincia il peggio, perché il deflusso dei giovani dalla via dura mediamente anche un’ora e mezza e. senza la presenza degli esercenti, gli schiamazzi dei giovani aumentano a dismisura e spesso si trasformano in gare di urla violente!”.

La replica di Viviana Veronesi, da un anno presidente dell’associazione “Borgo Bergamo”, che riunisce i titolari di ben 70 attività commerciali della via monzese (qui l’intervista), propone un punto di vista di tutt’altro tenore. “Abbiamo le telecamere e un servizio di steward pagati da noi, che, durante il fine settimana, vegliano sulla via e le zone limitrofe, garantendo sicurezza e rispetto delle principali norme di comportamento, anche a vantaggio del riposo dei residenti – spiega la Veronesi (nella foto in basso), proprietaria del ristorante Paulpetta, il primo bistrot di sole polpette – la civile convivenza è un nostro pensiero primario. E’ innegabile che via Bergamo abbia subito un’evoluzione negli anni – continua – ma crediamo che il bilancio sia più positivo, anche per chi è proprietario di immobili”.

La situazione potrebbe avere presto degli sviluppi. Anche perché le opinioni del Comitato No Degrado e Malamovida e dell’associazione “Borgo Bergamo” sono piuttosto divergenti nei confronti del Comune di Monza. “Il rapporto è formalmente buono con il sindaco, Dario Allevi e l’assessore al Commercio e alle Attività produttive, Massimiliano Longo, ma de facto ‘inesistente’ – afferma Sorbara – si sono dichiarati ‘impotenti’ di fronte al fenomeno, hanno  deciso la Ztl senza convocare anche noi cittadini e pattuire regole per mitigare il disturbo ai residenti. Un esempio pratico è che, mentre il servizio di alcolici su strada dovrebbe essere proibito e dovrebbe essere eliminato il vetro, da qualche mese è stato installato alla fine di via Bergamo un distributore automatico di bevande, tra cui bottiglie di birra, per tutta la notte! E’ davvero pazzesco – continua –  nei prossimi giorni,  voglio fare un esposto al Comune di Monza su questo punto”.

Il ruolo di Piazza Trento e Trieste è decisamente più positivo agli occhi dei commercianti della zona. “I rapporti con l’attuale amministrazione comunale sono buoni e sin dall’inizio abbiamo cercato collaborazione e dialogo – sostiene la presidente Veronesi – stiamo lavorando sulla possibilità di semplificare la sempre pesante burocrazia, che norma alcuni aspetti del nostro lavoro e risulta spesso un limite”. Ecco perché sulla Ztl e la movida, l’associazione “Borgo Bergamo” cerca di muoversi anche in autonomia. “Cerchiamo di far rispettare i tempi e i modi, come ad esempio il posizionamento delle transenne, tanto che settimana scorsa siamo andati a recuperarne una che era stata spostata al NEI – spiega Veronesi – per il resto ci affidiamo al senso civico e allo spirito di collaborazione di tutti, talvolta non otteniamo i risultati sperati, ma noi andiamo avanti”.

Altri fronti, intanto, sono aperti. “Ci sono fenomeni paralleli di degrado urbano e di spaccio di droga che stanno prendendo sempre più piede nel sottopassaggio pedonale della parte finale di via Bergamo – denuncia il coordinatore monzese del ‘Comitato No Degrado e Malamovida’ – non si può avere movida notturna in centro storico senza adeguato controllo di polizia urbana a tutela dei cittadini, che hanno diritti costituzionali di riposo e salute e pagano le tasse”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Ospedale San Gerardo, dopo i monitor arrivano i totem per il self check in ambulatorio

Da qualche giorno sui quattro piani della Palazzina Accoglienza dell’ospedale San Gerardo, sono attivi nuovi totem per agevolare l’accesso del cittadino agli ambulatori e per gestirne la chiamata.

Temporali su Monza: strade allagate e sottopasso con mezzo metro di acqua

A seguito del forte acquazzone verificatosi questa mattina, gli agenti della Polizia Locale hanno proceduto alla chiusura temporanea del sottopasso che conduce alla SS 36.

Monza, movida di via Bergamo: parte la denuncia del ‘comitato Monza civile’

I rappresentanti del sodalizio hanno segnalato ai carabinieri l'episodio di un concerto improvvisato con bongo e chitarre.

Monza, via Calatafimi: è allerta per lo spaccio di droga ai giardini pubblici

Un residente della zona ci ha segnalato il preoccupante via vai, soprattutto serale, di piccoli criminali e clienti. L'assessore Arena assicura controlli e si lamenta della legislazione nazionale.

Monza, alla Boscherona il Controllo di Vicinato denuncia il degrado

Nel quartiere a due passi dalla Villa Reale i cittadini lamentano i bagni abusivi dei nomadi nel canale Villoresi, i parcheggi selvaggi e le infrazioni viabilistiche. La replica dell'assessore Arena.