21 settembre 2018 Segnala una notizia
Cisl avvisa: in Brianza previsti 350 posti in meno. Settore Bancario in ginocchio

Cisl avvisa: in Brianza previsti 350 posti in meno. Settore Bancario in ginocchio

13 giugno 2018

Fare il banchiere non è più come una volta: il mito del lavoro in banca, come posto fisso garantito, resta tale. Era un lavoro ambito, sinonimo di carriera sicura e lauto stipendio. Ma la crisi, dal 2009, ha fatto tremare anche questo settore, e con esso le certezze che tutti avevano in questo campo lavorativo.

A dirlo è una ricerca dell’Ufficio studi della First Cisl, che evidenzia come negli ultimi 8 anni, a livello nazionale, il comparto bancario ha perso 44mila posti, dai 330mila di fine 2009, ai 286mila del 2017. E neanche la Brianza, territorio traino nell’inseguimento alla ripresa, è stata risparmiata: «Al Nord – come spiega il segretario generale Giulio Romani – abbiamo perso un addetto su 10, al Sud quasi uno su 2».

Basti pensare alla nuova “stangata” in arrivo, sintomo di un problema diffuso: per effetto delle uscite già concordate con alcuni istituti, assisteremo alla perdita di 350 posti in provincia di Monza e 140 nel Lecchese.

Il sistema del credito, infatti, “è in continua evoluzione” – dice Tiziana La Scala, neo segretaria generale della First Cisl Monza Brianza Lecco – “e le ristrutturazioni e riorganizzazioni aziendali sono ormai diventate una prassi giornaliera“. “Anche le province di Monza e Lecco – continua la responsabile della First – hanno pagato e pagheranno” per queste operazioni che “hanno il solo scopo di ridurre i costi, soprattutto quelli relativi al personale” e che “produrranno un ulteriore calo occupazionale anche nel nostro territorio”.

In Brianza di fatto sono diminuiti gli sportelli: nel 2008 erano circa 500, ora solo 439.

Anche gli addetti stessi ne hanno risentito: nelle province di Monza e Lecco, a fine 2017 erano, rispettivamente, 3700 e 1400, con una perdita negli ultimi 8 anni di circa 500 posti.

“Ora – precisa un impiegato ormai in pensione – con gli incentivi ridimensionati, i posti disponibili vengono coperti rapidamente. Lavorare in banca, insomma, non è più appetibile come una volta».

Tra le cause del fenomeno, anche le fusioni tra i gruppi bancari ed il diffondersi dei conti correnti on line.

“Alla fine di quest’anno – spiega Perotta, segretario uscente – scadrà il contratto nazionale dei bancari. Potrebbe essere l’occasione giusta per discutere del nuovo modello di banca con l’Associazione bancaria italiana”.

_______

In foto (da sinistra): Tiziana La Scala, neo segretaria, e Marino Perotta, segretario uscente.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate il 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Tragico tamponamento in Tangenziale Est, muore 36enne

Sul luogo dello scontro sono intervenuti i vigili del fuoco, diversi mezzi del 118, i carabinieri e la polizia stradale. Alle forze dell'ordine ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Linea Monza-Molteno-Lecco: treni fermi per lavori da stasera a lunedì

Sarà sospesa la circolazione tra Monza e Villasanta, per consentire il rinnovo completo dei binari della stazione di Monza.

Camion finisce di traverso: bloccata una carreggiata della Valassina

Camino si ribalta e manda in tilt il traffico. Un ferito grave, mentre un altro lieve. Sul posto vigili del fuoco e gli uomini della stradale.

Milano-Meda, al via le prove di carico sul ponte sotto esame di Cesano

La prova di carico statico viene effettuata tramite il posizionamento di autocarri (in questo caso 4 in totale) in modo da acquisire dati attraverso dei sensori.

Ponte sul Lambro chiuso al transito per “gravi anomalie”: ma c’è chi passa!

Il ponte è chiuso al transito di pedoni e veicoli, ma la gente se ne infischia e scavalca a suo rischio e pericolo.