Quantcast
Brianza, gli studenti vogliono trasporti e mobilità migliori! - MBNews

Brianza, gli studenti vogliono trasporti e mobilità migliori!

La Consulta Provinciale degli Studenti di Monza e Brianza ha presentato al comune di Monza le richieste degli studenti per la mobilità, individuate attraverso un questionario online.

pedretti-arena-caprotti-consulta-provinciale-studenti-monza-brianza-2018

Faccia a faccia degli studenti della Consulta con l’assessore ai Trasporti di Monza, Federico Arena. Sul tappeto le proposte per migliorare il trasporto pubblico.

Venerdì 15 Lorenzo Pedretti (Liceo Frisi), presidente della Consulta, e Francesco Caprotti (Liceo Zucchi), rappresentante di Consulta con delega alla mobilità studentesca, hanno incontrato Federico Arena (Lega), assessore ai Trasporti del Comune di Monza, per presentare richieste a seguito del monitoraggio della mobilità attuato attraverso un questionario online rivolto alle principali scuole di Monza e Brianza. In primo luogo si è parlato di mobilità sostenibile: bike sharing, piste ciclabili, posteggi per le biciclette.

Poi, in vista della ridefinizione del Piano di Bacino del Trasporto Pubblico Locale, sono state presentate le esigenze degli studenti. Il 70% degli studenti che hanno compilato il questionario, con un picco quasi all’80% del Liceo Zucchi, vorrebbero un miglioramento sulla frequenza dei mezzi.
Il 50% pensa che si debba migliorare l’affidabilità dei mezzi, a causa dei ritardi, delle partenze in anticipo, e di informazioni poco efficaci per i viaggiatori. Oltre il 30% degli studenti, infine, è convinto sia necessario migliorare le tariffe e i biglietti, ad esempio introducendo il biglietto unico ed elettronico.

Lunedì 11, invece, la Consulta ha simbolicamente rifornito gli scaffali del progetto “BookCrossing – Un treno di libri” presenti nelle stazioni di Ceriano-Groane e Cesano Maderno, con i rappresentanti di Ferrovie Nord e il supporto dell’Arma dei Carabinieri. Presenti anche l’assessore alla Cultura di Ceriano Laghetto e gli assessori alla Cultura e all’Istruzione di Cesano Maderno. L’obiettivo è quello di estendere il progetto anche in altre stazioni ferroviarie per “spacciare” i libri, diffondendo i valori della legalità e rendendo più vivibili questi luoghi di transito.