24 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Richiedenti asilo: in 100 già lavorano in 80 aziende della Brianza

Richiedenti asilo: in 100 già lavorano in 80 aziende della Brianza

27 Giugno 2018

Sono 1.080 i richiedenti asilo nella provincia Monza e Brianza gestiti dalla RTI Bonvena, rete di imprese che coordina i due terzi dei rifugiati della Brianza (che in totale sono circa 1.800). Monza ne ospita 193 seguita dalla piccola Camparada con 121 e da Limbiate con 105. Il comune che ha meno ospiti è Busnago con 3 persone mentre 11 comuni non hanno ospiti gestiti da Bonvena. La maggior parte dei richiedenti asilo, circa 700, sono ospitati all’interno di appartamenti, in piccoli gruppi.

RTI Bonvena, che gestisce dal 2014 l’emergenza profughi in Brianza, ha diffuso in questi giorni un report che dipinge il quadro della situazione dei richiedenti asilo e  in cui l’integrazione è la parola d’ordine e obiettivo principale. Un’integrazione che, nell’operosa Brianza, non poteva che coinvolgere anche l’economia. Sono circa 80 le aziende della provincia  che, anche grazie alle borse lavoro “fondo di solidarietà hope”, hanno accolto all’interno delle loro strutture circa 100 richiedenti asilo e titolati accolti.

L’obiettivo del 2018 è raddoppiare gli inserimenti nelle aziende – ha spiegato Matteo Castellani, coordinatore del servizio di accoglienza di Bonvena-. I ragazzi hanno mediamente tra i 20 e i 25 anni. La maggior pare di loro aveva una professione nel paese di origine. Tramite i progetti di formazione diamo loro una certificazione delle competenze lavorative così da agevolare un inserimento nel mondo del lavoro. Sono ragazzi che hanno voglia e bisogno di lavorare e il loro approccio al lavoro è molto serio e le aziende che li hanno accolti hanno espresso soddisfazione”.

Un avvicinamento al mondo del lavoro che lo scorso anno, per circa il 50% dei casi, ha portato i titolari delle aziende alla decisione di assumere o di prorogare il tirocinio dei ragazzi.

Le aziende che hanno aderito al progetto di inserimento lavorativo sono sia piccole imprese a conduzione famigliare che multinazionali come Mc Donald’s, che a  Monza lo scorso anno ha assunto due titolati di protezione umanitaria, e che invece a Concorezzo, con la nuova apertura, da un paio di mesi ha avviato due tirocini formativi della durata di sei mesi. Protagoniste anche piccole della ristorazione come la Trattoria Garibaldi di Monza che ormai da un anno ha nel suo organico due richiedenti asilo, e come il ristorante la Terrazza Mata di Macherio che ha recentemente assunto un ospite della struttura di accoglienza SPRAR di Macherio dopo 3 mesi di tirocinio finanziati dal fondo Hope. O ancora, la pasticceria Mariani di Muggiò che tra i dipendenti ha un ragazzo della cooperativa Aeris.

E per finire i richiedenti asilo si stanno specializzando anche nei lavori tradizionali della terra brianzola. Alcune falegnamerie, un calzaturificio e un mastro ferraio, tutti della zona di Seregno, si sono infatti resi disponibili all’insegnamento del loro mestiere ai richiedenti asilo che hanno potuto affrontare un percorso di formazione mirata in aula e nei laboratori.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Paola Brambillasca
Da sempre con una matita in mano. All’inizio disegno, alla fine scrivo. Per diletto e per lavoro. Sono fortunata, riesco a fare ciò che amo.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus, controlli nella famiglia del 78enne di Sesto. I nipoti vivono a Lissone

Tutti i familiari del paziente sono dunque sottoposti alla procedure per verificare la loro condizioni di salute.

Monza, ospedale San Gerardo: ecco le disposizioni per l’emergenza Coronavirus

Il San Gerardo di Monza fa fronte all'emergenza Coronavirus. Data l'evoluzione di queste ore il nosocomio cittadino ha disposto con decorrenza immediata alcuni importanti provvedimenti. 

Coronavirus: chiuse le scuole e i luoghi di aggregazione in tutta Lombardia

Regione predispone ordinanza con disposizioni valide per tutto il territorio lombardo

Coronavirus: positivo un paziente di Crema, ricoverato al San Gerardo

L'uomo giunge da Crema dove era stato ricoverato per crisi respiratoria e dove test era negativo.

Coronavirus: ecco tutte le misure attivate a Monza

Allevi:“Niente panico ma attenzione massima”. Chiusi al pubblico anche i musei, gli spazi espositivi, la Villa Reale, le biblioteche cittadine, cinema, teatri e gli altri luoghi della cultura.