19 luglio 2018 Segnala una notizia
Bonus pubblicità 2018: il momento giusto per il tuo nuovo catalogo prodotti

Bonus pubblicità 2018: il momento giusto per il tuo nuovo catalogo prodotti

29 giugno 2018

Lo stato ha deciso di andare incontro alle piccole e medie aziende: non si parla solo degli incentivi relativi alla digitalizzazione, ma anche di quelli relativi alla fase promozionale. Si tratta del Bonus pubblicità 2018, incluso all’interno della Legge di Bilancio: un intervento che ha lo scopo di mettere a disposizione dei piccoli e medi imprenditori una serie di incentivi fiscali, come detto relativi a tutto ciò che riguarda il marketing e la promozione delle proprie attività. È un’iniziativa che comprende diverse potenziali voci di investimento pubblicitario, la cui lista potrebbe interessare più di un imprenditore. Vediamo dunque di cosa tratta nello specifico il Bonus pubblicità, e perché rende questo il momento migliore per investire in comunicazione, come ad esempio in un nuovo catalogo prodotti.

Bonus pubblicità: regole, vantaggi e come richiederlo

Si parte dall’elenco dei possibili interventi pubblicitari: il bonus consente ad esempio di investire in spot radiofonici e televisivi, insieme alle inserzioni sui quotidiani e a quelle di natura digitale. In cosa consiste? Una serie di incentivi fiscali, corrispondenti ad un credito d’imposta che va dal 75% al 90%, a patto che si tratti di iniziative che rientrano nell’elenco appena citato o che riguardino strettamente l’ambito pubblicitario. C’è un ulteriore requisito indispensabile per poter accedere ai suddetti bonus pubblicitari: l’imprenditore dovrà obbligatoriamente investire una cifra superiore dell’1% rispetto a quanto investito in promozione l’anno precedente. Infine la richiesta del Bonus pubblicità 2018 può essere fatta per compensazione, attraverso la compilazione del modulo F24 in sede di dichiarazione dei redditi.

L’importanza del catalogo prodotti e del cartaceo

Passando al lato pratico un esempio di quanto appena detto può essere rappresentato dal catalogo prodotti.
Nonostante il marketing oggi si sia spostato prevalentemente sul canale online, il cartaceo continua ad esercitare un fascino notevole nel pubblico di riferimento. È una questione di sensazioni tattili, visto che gli strumenti promozionali di questo tipo – a differenza di quelli online – possono essere toccati con mano. Ecco perché canali promozionali come il catalogo dei prodotti risultano essere, ancora oggi, un ottimo modo per promuovere il proprio business. Oggi inoltre è possibile utilizzare diversi servizi di tipografia online, come Doctaprint, che in tutta semplicità permettono di ordinare cataloghi con la brossura fresata: dunque ideali per durare a lungo e presentare al meglio la tua azienda e i suoi prodotti a tutti i clienti.

Cataloghi cartacei e digitali messi a confronto

Cataloghi digitali e cartacei presentano entrambi dei pro e dei contro. Si parte da quello online, che è certamente più economico e che può essere aggiornato con facilità e con spese ridotte. Di contro, anche il catalogo cartaceo ha i suoi punti a favore: è tattile e ha dunque una sua presenza fisica nelle case, inoltre può diventare anche un oggetto d’uso comune che viene consultato più e più volte. È anche più leggibile ed è più incline a sviluppare il passaparola. La soluzione migliore? Integrare entrambi per una strategia di comunicazione aziendale più performante e multicanale.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Profughi a Briosco? Proteste al presidio: “Il comune deve fare qualcosa subito”

Il Ministro degli Interni Salvini è intervenuto sulla questione: prima la volontà del territorio. Se Briosco dice no, la prefettura deve trovare una soluzione alternativa alla sistemazione dei 14 richiedenti asilo

Consumo di suolo, è la Brianza la pecora nera delle province italiane

Con il 41% di suolo consumato e 35 ettari in più nel 2017, è la provincia peggiore del Bel Paese. È qui il Comune italiano con il maggiore consumo di suolo: Lissone

Studio dentistico ricerca assistente alla poltrona

Studio dentistico ricerca assistente alla poltrona anche senza esperienza, 20/22 anni, con buone capacità relazionali, uso computer. Serietà e voglia di apprendere nozioni nuove, simpatia.

Agenti più sicuri con le body-cam: dopo il test a Brugherio, il bando di Regione Lombardia

Le piccole telecamere sono in dotazione al corpo di Polizia Locale.

Gruppo Zonin, l’export del Franciacorta sul modello del Prosecco

Un’area, quella della Franciacorta, dalle grandi possibilità commerciali sui mercati internazionali.