19 Marzo 2019 Segnala una notizia
Amore e divorzio: Carnate la città con più separazioni, Renate la più fedele

Amore e divorzio: Carnate la città con più separazioni, Renate la più fedele

13 Giugno 2018

Carnate, Correzzana e Monza. Tutti coloro che sono in cerca di un anima gemella o di un avventura galante farebbero bene a segnarsi il nome di queste tre cittadine. E’ qui, infatti, che secondo dati elaborati da Istat si trova il maggior numero di divorziati in Brianza. A Carnate il tasso di divorzio è del 7,23%, a Correzzana del 6,44%, mentre a Monza è del 6,17%. 

L’introduzione del divorzio in Italia risale al lontano 1970, anno in cui al termine di una lunga e tormentata campagna referendaria venne introdotta la legge che consente alle coppie di sciogliere il vincolo matrimoniale. Secondo i dati Istat relativi al 2017, infatti, oggi ci sono più di 1,5 milioni di persone che hanno divorziato e non si sono risposate, mentre i coniugati sono poco meno di 29 milioni.

Il tasso di divorzio quindi si attesta, in media, sul 5,1%, con grosse differenze fra le regioni. È nel Nord Ovest dove queste percentuali sono più alte: i comuni dove il valore supera il 20% si trovano tra la Valle d’Aosta (in testa vi è infatti Chamois, un borgo di soli 99 abitanti tra i quali vivono 10 persone divorziate e 36 coniugate). Considerando però i soli comuni maggiori (quelli con almeno 10.000 abitanti), la forbice geografica si allarga, restando però tutta al centro-nord. Livorno supera il 14%, Trieste il 12% e Aosta l’11%. Il sud ha, quasi ovunque, tassi inferiori alla media nazionale.

BRIANZA

Tornando alla Lombardia e alla Brianza, Monza è una delle città capoluogo col tasso più basso. Per la precisione è la seconda dopo Lodi col 5,93%, mentre quella dove l’amore finisce prima è Mantova con un tasso di quasi il 10%. In Lombardia, tuttavia, il Comune col tasso più alto è Duno (15,38%), in Provincia di Varese, mentre quelli col tasso più basso sono tre Comuni della bergamasca: Bello, Cassiglio e Valtorta dove non ci sono divorziati. Tasso pari a zero. Al contrario le tre cittadine brianzole dove la fedeltà al proprio partner e alla coppia è pressoché totale sono Albiate, con un tasso di divorzio del 3,38%, Veduggio con un tasso del 3,11% e Renate, città natale del cardinale Tettamanzi, con un tasso del 2,49%

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Polizia di Stato, Angelo Re promosso: “Monza e l’azione mi mancheranno”

Sempre in prima linea, in strada con i suoi uomini, “per dare il buon esempio”. Intervista al dottor Angelo Re, promosso al grado di Dirigente Superiore

Busnago, cucciolo attaccato e dilaniato da un cane libero nel pratone

Cucciolo di yorkshire sbranato da un labrador liberatosi dalla presa del guinzaglio in un prato a Busnago: la rabbia del padrone.

Pordenone-Monza 1-1: D’Errico recupera il risultato ma poi spreca

I biancorossi, sotto 1-0, chiudono il primo tempo in parità grazie alla rete di D'Errico. Nel secondo tempo il capitano spreca il rigore del possibile 1-2.

Bancarelle di Monza e Brianza: a Lissone domenica 31 marzo

Appuntamento in via Santuario e in via Luini con orario continuato dalle ore 9,00 alle ore 19,00.

San Gerardo: nuovi percorsi di presa in carico per epatite C e tumori gastro-enterici

Nuovi interessanti prospettive si aprono per i pazienti affetti da epatite C e forme neoplastiche gastro enteriche: due modelli di presa in carico che vedono la collaborazione stretta tra medico ospedaliero e medico di famiglia.